Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Nera il 25/05/2013 da redazione

In dieci evadono dal CIE di Milo, solo tre vengono fermati alle forze dell’ordine

In
Sono ancora gli extracomunitari del CIE di Milo a finire al centro della cronaca cittadina. Se qualche giorno fa, infatti, era Fathi a calcare le pagine dei giornali, per un presunto pestaggio, questa volta, a finirci con tutte le scarpe, sono in dieci. Nella notte a cavallo tra giovedì e venerdì, dieci immigrati sarebbero scappati dal Centro identificazioni ed espulsione di contrada Milo in cerca di libertà.

Di questi, sette sono riusciti a dileguarsi, aiutati oltre che dalla fortuna anche dall’oscurità. Tre di loro sono stati fermati dalle forze dell’ordine. Il più sfortunato durante la fuga, sarebbe finito accidentalmente all’interno di un profondo canale pieno di melma dove stava per affogare se non fosse stato avvistato da un Ufficiale ed un Sottufficiale dell’Esercito che sono prontamente intervenuti calandosi da una scarpata. Ancorato ad un tubo di gomma, l’uomo è stato messo in salvo.

Subito soccorso, è stato accompagnato in ospedale e successivamente riportato all’interno della struttura alla periferia di Trapani. In cerca di libertà. Si potrebbe iniziare così a descrivere il viaggio di ognuno di loro. Vite fantasma che arrivano da Paesi più o meno vicini, con mezzi più o meno, di fortuna. Pagano caro il loro viaggio. Alcuni ad un prezzo che si chiama vita. La storia è trita e ritrita tra le pagine di cronaca e di cronaca nera di Agrigento, Mazara, Pantelleria, Lampedusa e, in misura seppur minore, Trapani. Con un piede finalmente a terra, la corsa termina completamente. Si tratta di irregolari. Ed ogni paese ha le sue leggi.

Bisogna rispettarle.

Tra i sopravvissuti alla tratta della morte, oltre ai disperati, ci sono anche i delinquenti. In Italia, la legge impone che gli irregolari vengano inoltrati nei CIE, gli ex “Centri di permanenza temporanea ed assistenza”. Si tratta di strutture destinate al trattenimento, convalidato dal giudice di pace, degli stranieri extracomunitari irregolari e destinati all´espulsione. Dodici circa, quelli operativi, e quello di Milo è uno di questi.

Con il Decreto-Legge n. 89 del 23 giugno 2011, convertito in legge n. 129/2011, il termine massimo di permanenza degli stranieri in tali centri si è allungato a 18 mesi complessivi.
Un tempo infinito anche per la semplice gestione quotidiana degli stessi. Il CIE di Milo, stando ai dati del 2011, potrebbe garantire solo 204 posti. Gli sbarchi raccontano di un’affluenza maggiore. «Non si possono trattenere delle persone per 18 mesi perchè non hanno un documento o perchè irregolari».

Questo lo ha affermato qualche giorno fa il ministro per l´integrazione, Cecile Kyenge, a proposito dei centri di identificazione e espulsione. Secondo il neoministro, «molte cose vanno cambiate anche perchè -ha osservato- molte di quelle persone che sono nei Cie arrivano dal carcere e quindi sono già state identificate». Metterli in gabbia all’interno di un Centro di Identificazione ed Espulsione in questa o quell’altra città può forse placare quella sete di libertà che li ha spinti ad arrivare fino a qui? A sopportare l’impossibile? Sempre la legge dice che “tali centri si propongono di evitare la dispersione degli immigrati irregolari sul territorio e di consentire la materiale esecuzione, da parte delle Forze dell’ordine, dei provvedimenti di espulsione emessi nei confronti degli irregolari”.

Ma dopo aver oltrepassato mari in tempesta dentro zattere, saranno delle mura alte e spesse a placare la sete di libertà? Il ministro ha raccontato di aver visitato diversi Cie constatando che «lì le persone non hanno diritti e vivono addirittura peggio di quelli che sono in carcere». Nel mezzo a doveri e diritti negati c’è chi è semplicemente disperato.

Chi aveva creduto, sperato. Chi è riuscito a sopportare un viaggio in una barca stipato come una bestia, senza avere nessuna certezza di poter arrivare a destinazione, pur avendo pagato un biglietto più salato di quell’acqua che sotto il sole di giorni, sulla pelle, ormai, non bruciava più. Alla luce del sole ciò che resta a bruciare, in tutta Italia, è il fattore CIE.

Marina Angelo

 

ALTRE NOTIZIE

CASTELVETRANO: I CARABINIERI ARRESTO GLI AUTORI DEL FURTO DI RAME ALL’OSPEDALE
Nella giornata di ieri, 1 luglio 2020, i Carabinieri della Stazione di Castelvetrano e del Nucleo Operativo e Radiomobile, in esecuzione dell’ordinanz...
Leggi tutto
TRAPANI: DROGA SEQUESTRATA DAI CARABINIERI. UNA DENUNCIA
Continua incessante l’attività di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti dei Carabinieri della Compagnia di Trapani che nella giornata...
Leggi tutto
San Vito Lo Capo, avvistata una tartaruga caretta caretta
Sulla spiaggia di San Vito Lo Capo, è stata avvistata una tartaruga della specie caretta caretta. L’animale marino pare fosse in procinto di d...
Leggi tutto
Nasce “Spazio Sicuro”: un servizio di counselling gratuito per medici e persone interessate da Covid-19
Fondazione ISTUD con il supporto non condizionato di Angelini Pharma
BUONI SPESA REGIONALI “EMERGENZA COVID”. AVVISO ONLINE LE RICHIESTE VANNO PRESENTATE ENTRO IL PROSSIMO 13 LUGLIO
Con un Avviso pubblicato online sul sito istituzionale, l´Amministrazione comunale di Marsala rende noto che è...
Leggi tutto
Comune C.bello: GLI APPUNTAMENTI CON GLI UFFICI COMUNALI DI CAMPOBELLO SI POSSONO PRENOTARE ON LINE
Il sindaco Giuseppe Castiglione rende noto che, al fine di evitare lunghe attese e file davanti i front office degli...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web