Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Salute il 03/04/2013 da redazione

Fuma il 28% dei diabetici e aumentano gli XXL

Fuma

Fumare per un paziente diabetico, ancora più che per una persona sana, è come giocare alla roulette russa. Eppure, secondo la fotografia scattata dal rapporto 2012 degli Annali Amd (Associazione medici diabetologi), presentato oggi a Milano, resta incollato alla sigaretta quasi il 28% (27,8%) dei giovani malati di diabete di tipo 1, e il 17% dei pazienti con diabete di tipo 2. In un Paese, l'Italia, in cui nel 2012 era intrappolato nel 'viziò il 20,8% della popolazione generale, il 22,7% nel 2011.

 

«La percentuale dei fumatori - scrivono gli specialisti nel report sull'assistenza erogata nei centri di diabetologia tricolore nel periodo 2004-2011 - non ha subito variazioni nel corso del tempo».

 

Ma «si conferma il dato preoccupante dell'elevata prevalenza di fumatori in questa popolazione ad alto rischio».

 

Aumentano invece i pazienti taglia XXL, quelli «francamente obesi»: secondo i dati 2011, il 9,2% dei diabetici di tipo 1 ha un indice di massa corporea uguale o superiore a 30, in crescita del 14,6% rispetto al 2004, e il 41,7% dei malati di diabete di tipo 2 (+7,3% sul 2004). In compenso gli Annali segnalano, negli 8 anni osservati, un miglioramento nelle cure nei principali indicatori di salute (dal colesterolo 'cattivò Ldl all'ipertensione arteriosa) e nel controllo della malattia. Il rapporto valuta il livello degli esami eseguiti, il tipo di cure erogate e i risultati conseguiti in 320 centri di diabetologia (il 50% di quelli presenti sul territorio nazionale) distribuiti in tutte le regioni italiane, per un totale di quasi 550 mila persone (circa il 20% dei 3 milioni di diabetici italiani con diabete).

 

«Diciotto degli indicatori valutati negli Annali Amd sono stati sostanzialmente adottati dalla International Diabetes Federation (Idf), e pubblicati nelle Linee giuda Idf 2012 per misurare in maniera omogenea, nel mondo, gli obiettivi di cura del diabete», spiega Carlo Bruno Giorda, presidente di Amd. Il risultato complessivo, osserva Giacomo Vespasani, coordinatore degli Annali e presidente emerito di Amd, «è frutto di una migliorata cura della persona con diabete nel suo complesso, non solo della cura della sua glicemia».

 

Da un lato le persone con diabete di tipo 2 e valori di emoglobina glicata inferiori o pari a 7% (a target secondo gli standard italiani e le raccomandazioni dell'American Diabetes Association) passano dal 39% al 44% (+12%), e quelle con valore superiore a 8% scendono dal 35% al 27% (-22%), il che significa comunque che i pazienti fuori target sono più di uno su 4. Dall'altro lato si registrano passi avanti sul profilo lipidico e sulla pressione arteriosa, i principali parametri clinici associati alle complicanze cardiovascolari del diabete. Nel periodo 2004-2011 si sono modificati in maniera evidente non solo il monitoraggio del colesterolo Ldl 'cattivò, ma anche l'intensità degli interventi e il raggiungimento degli obiettivi terapeutici. Si è assistito al progressivo aumento della percentuale di persone con diabete cui viene misurato annualmente il colesterolo Ldl (dal 57,2% al 73,8%), all'incremento delle persone con colesterolo Ldl 'a target' (dal 26,2% al 48,1%) e alla riduzione di quelle con colesterolo Ldl superiore a 130 mg/dl (dal 39,6% al 21,7%).

 

«Conseguenza del maggiore ricorso ai farmaci ipolipemizzanti, in particolare alle statine, il cui impiego è triplicato essendo passata la quota di persone con diabete cui sono prescritti dal 15,9% al 45%», chiarisce Vespasiani. Anche la percentuale di persone in cura con farmaci antipertensivi è praticamente raddoppiata sia per i pazienti in monoterapia (dal 32,2% al 60,4%) sia per quelli in politerapia (dal 17,4% al 35,7%). Si è dimezzata anche la percentuale di persone non trattate, nonostante valori pressori elevati (dal 60,4% al 30,2%). Tuttavia, se l'evoluzione dell'approccio terapeutico ha migliorato nel tempo sia la percentuale di persone con pressione arteriosa minore di 130/80 mmHg (10,8% nel 2004, 17,4% nel 2011) sia quella con valori superiori a 140/90 mmHg (64% nel 2004, 52,9% nel 2011), «questi risultati non sono ancora accettabili e lontani dagli obiettivi di cura indicati dalle linee guida. A tutt'oggi - conclude l'esperto - la percentuale di persone con diabete in cura con i farmaci antipertensivi, ma con valori di pressione non controllati adeguatamente, si attesta ancora su un 56,8%»

 

ALTRE NOTIZIE

Diego Fusaro: “Per la prima volta nella storia dell’umanità vengono trattati come malati anche i soggetti sani”
Intervista a Diego Fusaro, intellettuale dissidente e non allineato, come lui stesso si definisce, insegnante di filosofia presso l’Istituto Alti Stud...
Leggi tutto
Al via “Infermieri, a viso aperto”, un progetto fotografico per mostrare i volti e le storie di chi ogni giorno è al fianco dei pazienti
Su www.infermieriavisoaperto.it gli scatti realizzati dal fotografo Settimio Benedusi per raccontare gli sguardi e i sorrisi di professionisti indispe...
Leggi tutto
Sostenibilità: Tecno entra nel Global Compact delle Nazioni Unite
Lombardi (Presidente Tecno): cresciamo grazie a sostenibilità e innovazione. Entra in Tecno Salvatore Amitrano come Senior Advisor per sostenib...
Leggi tutto
Reperti archeologici diretta Noto Sicilia
I SICULI A NOTO ANTICA per i 50 ANNI DI ARCHEOCLUB D’ITALIA
Coronavirus, sabato 16 e domenica 17 gennaio 2021 tamponi rapidi a studenti elementari e medie
Coronavirus, sabato 16 e domenica 17 gennaio 2021 tamponi rapidi a studenti elementari e medie
OGR Torino: dal 15 gennaio 2021 al via OGR Art Corner | Meet the Artwork, la nuova sezione del palinsesto digitale
Sul sito di OGR sette nuove produzioni artistiche originali
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web