Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Economia il 23/07/2014 da Direttore

Renzi: Riforma Camera di Commercio di Trapani

Renzi:
Il personale della Camera di Commercio di Trapani è in fermento per la riforma del sistema camerale lanciata dal Governo nazionale. Una delegazione, in rappresentanza dei 115 tra dipendenti e pensionati della Camera di Commercio di Trapani, ha partecipato alla mobilitazione nazionale tenutasi oggi a Roma per dire “no” ai tagli, ad iniziare dal dimezzamento del diritto annuale, chiedendo la salvaguardia delle funzioni e del ruolo degli enti camerali. Sempre questa mattina, a Trapani, nel salone conferenze del palazzo camerale, si è tenuta un’assemblea del personale. Nel corso dell’incontro i dipendenti hanno ribadito la loro contrarietà alla riforma “al buio” delle Camere di Commercio italiane, temendo ripercussioni sui servizi resi alle imprese di riferimento sul territorio e sul loro futuro occupazionale, anche per quel che riguarda gli aspetti pensionistici. In Sicilia le Camere di Commercio svolgono, infatti, il ruolo di ente previdenziale dei propri dipendenti. Quella di Trapani ha in carico il pagamento delle pensioni a 46 unità. I dipendenti dell’ente camerale trapanese sono 54, a cui si devono aggiungere 11 dipendenti a tempo determinato ed il personale dell’Azienda speciale “Servizi alle imprese”, in tutto 4 unità. Complessivamente attorno alla Camera di Commercio di Trapani ruotano quindi una settantina di posti di lavoro. E questa mattina i dipendenti dell’Azienda speciale servizi alle imprese sono entrati in stato di agitazione e per tutta la mattinata hanno distribuito dei volantini davanti il palazzo camerale.
Il personale della Camera di Commercio di Trapani è pronto ad intraprendere lo stato di agitazione ad oltranza. Tra le iniziative che si stanno valutando c’è anche un concentramento di tutto il personale camerale, in servizio ed in quiescenza, a Palermo dinanzi il Palazzo D’Orleans finalizzato ad un incontro con il Governo regionale per la risoluzione del problema pensionistico e del futuro del sistema camerale siciliano. Intanto le organizzazioni sindacali hanno predisposto una lettera aperta in cui hanno ribadito la strategicità degli enti camerali nel tessuto produttivo, bocciando il dimezzamento del diritto annuale versato dalle imprese e su cui si reggono le Camere di Commercio. La riduzione dell’imposta porterà in Sicilia ad una diminuzione delle entrate di circa 23 milioni di euro, con un forte ridimensionamento, già dal secondo semestre del 2014, delle iniziative programmate a favore delle imprese e del territorio, con un azzeramento nel 2015 degli investimenti e delle attività di promozione per lo sviluppo economico. A rischio ci sono, pertanto, tutti i servizi erogati attualmente dalle Camere di Commercio (tenuta del Registro delle imprese, degli Albi ed Elenchi abilitati, funzioni di regolazione del mercato, registrazione marchi e brevetti, supporto alle imprese, sostegno all’internazionalizzazione, finanziamento dei Confidi, funzioni promozionali…), il pagamento degli stipendi del personale di ruolo e delle pensioni. E nell’Isola si potrebbero perdere un centinaio di posti di lavoro per l’impossibilità di mantenere in servizio il personale a tempo determinato ed i dipendenti delle Aziende speciali.

Commenti
28/07/2014 - E se vi siete detti non sta succedendo niente, le fabbriche riapriranno, arresteranno qualche studente convinti che fosse un gioco a cui avremmo giocato poco provate pure a credevi assolti siete lo stesso coinvolti. (Filippo)
25/07/2014 - la riforma in atto % delle attuali con abbattimento del 50% dei diritti camerali, è una sempolificazione e riduzione di costi poer le piccole imprese italiane. già 12 uniopni regfiopnali camerali hanno predisposto le proposte di riassetto con previsioni di accorpamento conseguenti. La sicilia ivece si attesta su una tardiva quanto miope difesa dell´esistente, fino a mobilitare strume4ntalmente i dipendenti, che comunque avebbero tutelati i propri diritti. (giuseppe ingardia)

 

ALTRE NOTIZIE

Con A.N.A.S. non è troppo tardi per conseguire i 24 cfu necessari per accedere al concorso docenti
A fine aprile ha visto la luce l’attesissimo bando per il concorso docenti: tra i requisiti di ammissione è richiesto il possesso di 24 CFU nei...
Leggi tutto
La Presidenza ANAS augura nella riscoperta della cultura e dei valori "buona festa della REpubblica"
Il Presidente Nazionale della RETE ANAS (Associazione Nazionale di Azione Sociale), in occasione della festa della Repubblica ha rivolto a tutti i soc...
Leggi tutto
Mazara del Vallo – la Polizia di Stato arresta una coppia di giovani per detenzione illegale a fini di spaccio e detenzione di arma clandestina.
Il 28 maggio scorso,la Squadra Pegaso della Sezione Investigativa del Commissariato di P.S. di Mazara del Vallo,a conclusione di una intensa attivit&a...
Leggi tutto
Nasce “L’Italia c’è” si uniscono ben 11 Scuole Statali della Campania, ad indirizzo musicale.
Piccolo (Pres. Scuola San Giovanni Bosco di Somma Vesuviana): “Abbiamo rivolto un invito alle Scuole campane ad indirizzo musicale. Hanno risposto in ...
Leggi tutto
Via libera all’ampliamento dei dehors
Via libera all’ampliamento dei dehors: l’amministrazione sceglie una modalità veloce.&nb...
Leggi tutto
Premio Voler Bene all´Italia. Dieci le realtà premiate che guardano al futuro dei borghi
L´Istituto comprensivo "Rallo" di Favignana e il Comune di Malfa sono tra le 10 realtà premiate nell´ambit...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIŮ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web