Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Sport il 11/06/2022 da Direttore

La storia di Alessandro: ventitré anni, con una grave disabilità, vince l´oro nel salto in alto

La
Alessandro Brancale, ospite del Serafico di Assisi, ha conquistato due ori alle Special Olympics di Torino, le olimpiadi per ragazzi con disabilità intellettiva, in programma fino al 9 giugno

Alessandro Brancale ha ventitré anni e da sette è uno dei ragazzi ospiti del Serafico di Assisi, Centro italiano tra i più rinomati per la riabilitazione e la cura di bambini e giovani adulti con disabilità gravi e gravissime. La sua passione per lo sport è forte, da sempre. E con le Special Olympics, i Giochi destinati a ragazzi con disabilità intellettiva, il suo sogno si è trasformato in realtà: Alessandro è diventato un campione. E a Torino, nel corso della XXXVII edizione in cui hanno partecipato oltre 3mila atleti provenienti da tutta Italia, per ben due volte è salito sul gradino più alto del podio conquistando due ori: uno nei 110 metri a ostacoli, l´altro nel salto in alto, la sua specialità.

Alessandro fin da piccolo è sempre stato un bambino dolcissimo, racconta la sua mamma, ma non stava mai fermo, "saltava e correva dappertutto, non si fermava davanti a niente: che fosse una panchina, una sedia o una staccionata, lui doveva saltarla. Si sente libero così, attraverso il salto e la corsa". E sono proprio quei salti che lo hanno portato in alto, conquistando uno dei due ori ai Giochi di Torino.

Come ogni atleta che si rispetti, la vittoria è arrivata grazie all´allenamento costante con il coach Daniele Gullia, tecnico Afa (Attività Fisica Adattata). "Alessandro fin da subito ha dimostrato le sue abilità sportive - ha spiegato Gullia -. Certo, è stato necessario lavorare sulla tecnica e sulla tattica perché all´inizio aveva solo voglia di correre e saltare dappertutto. Poi, poco alla volta, tutta la sua energia è stata incanalata e l´atletica è stata una scelta naturale diventando in poco tempo una delle sue attività principali". E quindi via con gli allenamenti quotidiani in compagnia del ´mister´: migliorando la resistenza con il trekking e con lo spinning, la coordinazione con il nuoto e l´elasticità con tante ore di esercizi in palestra.

Nel momento della proclamazione dei vincitori, a Torino, erano tutti molto emozionati, Alessandro in primis: "Continuava a saltare da una parte all´altra, era incontenibile - racconta Gullia – aveva l´argento vivo addosso e la sua gioia era contagiosa! Con le due medaglie al collo mi ha chiesto di fargli tantissime foto, voleva che le facessi vedere a chiunque". Poi la telefonata a Francesca Di Maolo, Presidente dell´Istituto Serafico, ad Assisi: "Ho vinto! Ho vinto le medaglie" le ha gridato nella cornetta non riuscendo a contenere l´entusiasmo e facendo una delle cose che gli riesce meglio: saltare da una parte all´altra.

"E´ stata una soddisfazione enorme – continua a raccontare Gullia - perché è saltata l´ultima edizione per via del covid e allenarsi con le restrizioni dovute alla pandemia non è stato facile". Ma se Alessandro nel salto in alto era una sicurezza, la sorpresa è arrivata dai 110 ostacoli: "Si trattava della prima volta in questa specialità ma dopo il secondo posto nei preliminari ci siamo messi al lavoro". Alessandro si è affidato in tutto e per tutto al suo coach: "Non faceva altro che ripetermi ´sì, ok, lo faccio come dici tu´. Ed è incredibile come abbia recepito i miei consigli in così poco tempo; da tecnico, infatti, è stato un momento unico: spiegargli come e quando doveva saltare e vederlo affrontare l´ostacolo con quella voglia.... niente da aggiungere, solo che è stata un´emozione meravigliosa" ha aggiunto Gullia.

Ma se le gare sono importanti specialmente per i ragazzi, che possono conquistare proprio come i loro beniamini le tanto agognate medaglie, in realtà sono solo il culmine di un percorso articolato e profondo, importante anche sul piano umano oltre a quello riabilitativo. Le attività che svolgono nell´ambito delle Special Olympics oltre a un allenamento atletico, utile per la loro riabilitazione fisica e posturale, permettono anche di sviluppare importanti aspetti relazionali e di socializzazione. In primo luogo imparano a rispettare regole e turni. Partecipare alle gare, poi, permette loro di confrontarsi tra pari per migliorarsi e superare il senso di frustrazione; questo perché ogni atleta partecipa alle competizioni sapendo di poter arrivare primo e di gareggiare alla pari con tutti gli altri.

 

ALTRE NOTIZIE

Questomondodimax e degli inseparabili Ciuk, Ciarlino Gustavo e Dari, l´Italia al voto
la vignetta esprime tutto ...
Leggi tutto
Corsi gratuiti con il progetto Giovani Sport e benessere cofinanziato dalla regione lombardia
Il progetto “Giovani Sport Benessere” - GSB coinvolge una partnership di n. 4 membri. E’ coordinato da Anas Lombardia con la partecipazione attiva di ...
Leggi tutto
“Salvini e Conte, pari sono...”
Nell’Italia dove ormai il senso proprio delle parole e la logica hanno perso la loro citt...
Leggi tutto
Torna "Sposa del Mediterraneo", la fiera degli sposi dal 1 al 9 ottobre 2022 al PalaGiotto di Piazza Chinnici a Palermo
Nove giorni dedicati al mondo del wedding. Dopo il successo delle passate edizioni, presso il Centro Fieristico PalaGiotto torna "Sposa del Mediterra...
Leggi tutto
Prevenzione pediatrica e posturale con ANAS in Campania
Domenica 2 ottobre, dalle ore  10,30 a Napoli, in Viale dei Pini 53, avrà inizio una giornata dedicata alla salute pediatrica e non, organizzat...
Leggi tutto
A Marsala i Carabinieri in azione per verificare al regolare fornitura di energia elettrica
Nella giornata di ieri, i Carabinieri della Compagnia di Marsala, con l’ausilio dei colleghi della Compagnia di Intervento Operativo del XII Reggiment...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web