Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 10/01/2021 da Direttore

Alfio Di Costa: per la Sicilia serve un patto, serio, per lo sviluppo

Alfio
Torna sulla questione “Sviluppo della Sicilia” il governatore del Rotary International Distretto 2110 (Sicilia e Malta), ingegnere Alfio Di Costa, promotore, quest’anno sociale, di un serio programma di progettualità che si concluderà con la stesura di un libro bianco delle “cose da fare” e delle “cose da mettere in cantiere oggi e subito”.

E lo fa, all’indomani della sua guarigione dal COVID-19, con un post sui principali profili social di cui dispone e che, giornalmente, sono seguiti da più di 60mila utenti di tutto il mondo.

Scrive Alfio Di Costa, un innamorato cronico della Sicilia, “viviamo in tempi di pandemia, io stesso ne ho sofferto, ma questo deve farci dimenticare tutto il resto? Dobbiamo scordarci la nostra situazione di Cittadini di questa nostra amata Sicilia? Io credo che sia importante riportare il dialogo a misura di cittadino”

Un dialogo che non può e non deve viaggiare sui binari del politichese come, in molti, sono abituati a fare. “Le città siciliane vivono ormai da parecchi anni uno stato di difficoltà dovuto al difficile momento economico, a cui è sottoposta tutta la nostra Nazione. Il loro sviluppo è stato fortemente condizionato sia da limiti organizzativi dovuti all’arretratezza della regione, sia ad un atteggiamento di sufficienza e indifferenza verso la Sicilia che da sempre premia il Nord” scrive il professore Di Costa.

E giù con un elenco di traguardi negativi che, ormai da decenni segregano la bellissima Sicilia a vivere tra gli ultimi posti di ogni tipo di graduatoria tendente a misurare servizi, qualità della vita, investimenti, sviluppo, cultura.

“A livello di infrastrutture e rimodernamento dei servizi, siamo ancora un paese retrogrado: tempi biblici per coprire brevi distanze, il problema della sicurezza all’ordine del giorno e la mancanza sia di fondi che di azioni efficaci a risolvere le questioni principali. Tutto ciò a scapito dei cittadini, vittime di disservizi, ritardi e impossibilitati a compiere o affrontare serenamente anche i compiti più facili della vita quotidiana, come andare a lavoro o fare una commissione. Infrastrutture, turismo, traffico, sanità, pulizia, rifiuti, sicurezza, efficienza dei mezzi e dei servizi pubblici, ecc. sono tematiche interconnesse, che riguardano tutti noi. A causa del loro non essere in primo piano, come ad esempio il discorso delle infrastrutture o della burocrazia amministrativa, sono considerate di serie B e trattate con minor cura o a tempo perso, quando invece partendo dalla loro risoluzione sarà possibile una ripartenza dell’isola”.

Quali le motivazioni di tali record negativi? Perché a vincere è sempre l’atavico immobilismo e l’inaccettabile rassegnazione dei “vinti”? se lo chiede pure il professore di Fisica di Nicosia, una vita spesa tra scuola, servizio, cultura e progettualità.

“Non sono la conseguenza – sottolinea Alfio Di Costa - ma la causa di un rilancio che riguarderebbe tutti i settori e contribuirebbe ad una riqualificazione della Sicilia non solo a livello italiano, ma anche e soprattutto a livello europeo”.

E dunque, cosa serve? Cosa possono fare i siciliani, le professioni, le intelligenze più vive, le accademie, i club di servizio, le associazioni?

“Questo fantomatico rilancio che porterà alla creazione di posti di lavoro e quindi benessere economico generale, potrà arrivare solo da uno sforzo legato alla ricerca delle idee, le quali potranno avere fondamento soltanto in un sistema di servizi aggiornati, innovativi, funzionanti, pratici e al passo coi tempi. Un sistema che funziona a dovere è un sistema dove possono fiorire anche cultura, aggiornamento e legalità, poiché la conoscenza porta profonda consapevolezza in ogni sostrato della società. Vantiamo una regione con alcune delle città più belle al mondo, un’isola ricca d’arte e di cultura ad ogni angolo, di colori, profumi, e malgrado questo, non riusciamo a tenere testa alle più progredite città del nord, grigie sì, ma efficientissime e quindi produttrici di lavoro e vita” continua il prof. Di Costa.

E dunque? Di chi la responsabilità? “Le nostre città rispecchiano nel piccolo il macro-problema che affligge la Sicilia: viviamo una dicotomia generalizzata, che se da una parte le vede vigorose sul piano di naturale bellezza, dall’altra le trova cagionevoli su quello della validità dei servizi . Il nostro più grande antagonista siamo noi stessi e non ce ne siamo ancora accorti. Come uscire da questo circolo vizioso? Come portare le nostre città al passo coi tempi? Come restituire alla Sicilia la posizione che merita in Italia e in Europa?”.

Bisogna ripartire, meglio, partire.

Scrive Alfio Di Costa, protagonista, quest’anno, di un Rotary aperto, finalmente, alle istituzioni “la partenza è uno studio che esamina criticamente la situazione attuale al fine di proporre idee e soluzioni concrete per il raggiungimento degli scopi. Il fine principale della politica e che io auspico e promuovo dovrebbe essere quello di arrivare ad offrire al cittadino un sistema più funzionale dei servizi al costo di un piccolo sacrificio iniziale, che però nel lungo periodo verrebbe completamente ripagato e, anzi, aprirebbe uno scenario di soli vantaggi. Se vi dicessi che ho in mente una Sicilia a misura delle nostre necessità e bisogni, non sareste disposti a tutto per realizzarla in tempi brevi?

L’importante è adottare un approccio sereno nell’offrire soluzioni ottimali, che possa offrire vere garanzie di efficienza e non faccia perdere le ultime speranze alla popolazione”.

Servono idee. Il professore Alfio Di Costa pare abbia chiaro cosa fare: ““L’ultima domanda a cui dare risposta è: chi e come deve offrire queste idee? la soluzione più semplice è avviare un dialogo con chi vive quotidianamente le varie problematiche. Io penso che soltanto da un confronto serio fra noi Cittadini Siciliani dove si portano avanti e si propongono idee concrete che successivamente dovranno essere sostenute e promosse, potremo realizzare un futuro migliore per la nostra isola”.

 

ALTRE NOTIZIE

100 STUDENTESSE PER IL FUTURO DEL SUD ITALIA
100 STUDENTESSE PER IL FUTURO 
DEL SUD ITALIA
GIORNO DELLA MEMORIA 2021: Cori partecipa alla diretta streaming da Auschwitz
Quest´anno, a causa della pandemia, non potrà aver luogo la tradizionale visita istituzionale dell´Amministrazione Comunale alla ge...
Leggi tutto
ALCAMO: 45° ANNIVERSARIO DELLA STRAGE DI ALCAMO MARINA
L’Arma dei Carabinieri, anche quest’anno in cui ricorre il 45° anniversario in ricordo dell’Appuntato Salvatore F...
Leggi tutto
Giornata della memoria 2021
Il Coordinamento Nazionale dei Docenti della disciplina dei Diritti Umani in occasione della Giornata dell...
Leggi tutto
On. Assenza: "Approvare il ddl anti cyber bullismo è priorità"
Assenza: "Approvare il ddl anti cyber bullismo è priorità" Sulla stessa linea il Garante per l´infanzia, D´andrea, e la refe...
Leggi tutto
Scuola e famiglia: con la pandemia è nata una nuova alleanza che va ora rafforzata.
Scuola e famiglia: con la pandemia è nata una nuova alleanza che va ora rafforzata. La riflessione nella due giorni promossa dall’Ordine degl...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web