Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 23/10/2020 da Rossana Battaglia

RINASCENTE, CONFCOMMERCIO PALERMO SCRIVE A INARCASSA E FABRICA IMMOBILIARE: “DISPONIBILI A UN CONFRONTO PER SCONGIURARE LA CHIUSURA. FACCIAMO APPELLO AI VALORI STATUTARI DI INARCASSA”

RINASCENTE,
RINASCENTE, CONFCOMMERCIO PALERMO SCRIVE A INARCASSA E FABRICA IMMOBILIARE: “DISPONIBILI A UN CONFRONTO PER SCONGIURARE LA CHIUSURA. FACCIAMO APPELLO AI VALORI STATUTARI DI INARCASSA”


Confcommercio Palermo, nella sua qualità di associazione datoriale più rappresentativa nel territorio cittadino, si rende disponibile per eventuali momenti di confronto e di dialogo costruttivo sulla vicenda riguardante la vertenza “Rinascente” che rischia di lasciare senza lavoro centinaia di dipendenti e di infliggere un’ulteriore grave perdita al tessuto economico della città. 

In una lettera inviata a Inarcassa (proprietaria dell’immobile di via Roma che ospita la Rinascente) e Fabrica Immobiliare Sgr, che ha in gestione il Fondo Inarcassa, la presidente di Confcommercio Palermo Patrizia Di Dio fa appello “ai valori etici, sociali e ambientali a cui Inarcassa per statuto si ispira anche nei criteri di selezione degli investimenti” e auspica che la società di gestione del Fondo “sia coerente con gli obiettivi della proprietà”.

Chi deve perseguire l’obiettivo della redditività dell’immobile - dice la Di Dio - non può prescindere da principi di razionalità e convenienza: la cifra richiesta per l’affitto deve essere parametrata al “mercato” di Palermo e al particolare contesto storico di una emergenza senza precedenti e va anche considerata la solvibilità e il prestigio dell’inquilino. Mi auguro che la proprietà giunga a scelte di buon senso nella consapevolezza che correrebbe il serio rischio di non trovare inquilini disposti a spendere cifre fuori mercato, considerati anche i vincoli autorizzativi presenti sull’immobile e i drammatici scenari futuri”.

Bisogna scongiurare la chiusura di una realtà commerciale - prosegue la Di Dio - che fino ad oggi è stata baluardo del centro storico di Palermo e in particolare di via Roma che sta diventando sempre più un cimitero di vetrine a cielo aperto. Più che di “parti contrapposte” preferirei parlare di “interesse comune delle parti in causa” e interesse collettivo della città. La disponibilità pubblicamente manifestata dai dipendenti di Rinascente a ridursi lo stipendio per favorire l’intesa è la rappresentazione più drammatica dell’emergenza lavoro che da tempo attanaglia questa città, le istituzioni devono farsi parte attiva per attenuare le conseguenze economiche e sociali di una simile emergenza”.


Di seguito il testo integrale della lettera:

Con riferimento alla possibile chiusura de La Rinascente, la nostra Federazione confida che le parti giungano a scelte condivise e di buon senso scongiurando la chiusura di un’importante realtà commerciale che fino ad oggi è stata baluardo per un difficile ma prestigioso rilancio della via Roma e più in generale del centro storico di Palermo. 

La paventata chiusura de La Rinascente è un dramma che non coinvolge solo i lavoratori e le loro famiglie, ma riteniamo anche il “datore di lavoro” e l’intera città di Palermo. Per questa ragione non riteniamo debba parlarsi di “parti” contrapposte, ma di interesse comune delle parti in causa ed interesse collettivo della Città. 

Con questa premessa, auspichiamo fortemente che da parte della proprietà dell’immobile si giunga a scelte di buon senso che, se non condivise e attuate, si ritorcerebbero peraltro paradossalmente pure contro la stessa società immobiliare non solo perché non ci saranno nuovi inquilini disposti a spendere cifre fuori mercato, ma anche per i vincoli autorizzativi presenti su via Roma e sullo stesso immobile. 

In altri termini, l’immobile, quasi certamente, rimarrebbe del tutto inoccupato. Riteniamo, quindi, convintamente che un eventuale epilogo positivo della trattativa non possa che essere auspicabile dalla stessa proprietà di tale prestigioso immobile, che eviterebbe la ricerca complicata di un nuovo inquilino solido e solvibile che sia disposto, al contempo, a corrispondere le cifre ad oggi richieste al gruppo Rinascente, a superare i vincoli autorizzativi presenti sull’immobile e ad investire in un contesto urbano che fa registrare 180 vetrine commerciali spente ormai da diverso tempo. Circostanza quest’ultima che ci ha indotto di recente a definire via Roma come un vero e proprio “cimitero a cielo aperto”. Un’espressione forte, lo comprendiamo, ma è quella che meglio rappresenta una via che per tanti anni ha rappresentato una bandiera del commercio cittadino e che adesso attraversa un progressivo e inesorabile processo di declino e di desertificazione. 

A questo scenario si aggiungono peraltro i dati elaborati nei giorni scorsi dal nostro Centro studi nazionale Confcommercio che fotografano concretamente la drammatica realtà. In Sicilia, causa Covid, i consumi precipitano dell’8,2% (pari a 5,5 miliardi di euro), perdita che si somma alla riduzione di 12 punti percentuali di spesa in termini reali negli ultimi dodici anni. In tale contesto, con il crollo del turismo e in particolare di quello internazionale, in un clima di incertezza e sfiducia sul futuro non possiamo credere che non si giunga ad un dialogo risolutivo tra le parti rispetto alla condivisione di un nuovo canone di locazione. 

Da ultimo, non possiamo non appellarci agli stessi valori di Inarcassa che riporta tra gli obiettivi del fondo (fonte sito istituzionale): “Resta in ogni caso fermo che Inarcassa, nell’effettuazione delle proprie scelte di investimento, si ispira, tra l´altro, a principi etici, sociali e ambientali (ESG) e tale impostazione si riflette anche nei criteri di selezione degli investimenti.” 

Poniamo, dunque, le seguenti riflessioni: - se la proprietà si pone certi obiettivi da statuto e per volontà quindi dell’ordine degli architetti e degli ingegneri, coloro a cui è stato affidato l’incarico di gestione immobiliare non possono “tradire” il mandato; - l’obiettivo dell’attività di investimento deve pur sempre essere coerente con gli obiettivi della proprietà. 

Se la stessa proprietà dunque si pone, da statuto, certi obiettivi, dovrebbe essere consequenziale che l’Ente Gestore agisca in linea al mandato ricevuto ad esito di una gara ad evidenza pubblica e che pertanto l’attività di investimento del gestore, sia coerente con gli obiettivi della proprietà. 

Dunque, in vista delle Vostre prossime determinazioni, fiduciosi che possano essere condizionate dai principi ispiratori sopra richiamati, in quanto Associazione Datoriale maggiormente rappresentativa sul territorio cittadino, ci rendiamo disponibili per eventuali momenti di confronto e di dialogo costruttivo. 

Distinti saluti.

 

ALTRE NOTIZIE

Dopo la pandemia solo il 6% delle imprese tornerà senza smart working Digitalizzazione prioritaria per il 67%
Ricerca “Future of Work 2020” di Osservatorio Imprese Lavoro Inaz e Business International
Leggi tutto
IL SINALP INVITA I SICILIANI A DENUNCIARE IL FEDERALISMO DEI RICCHI
Questo Governo Nazionale continua imperterrito nella distruzione del Sud facendo propria, al contrario, la famosa ma...
Leggi tutto
Giornata internazionale delle persone con disabilità 2020
Il Coordinamento Nazionale dei Docenti della disciplina dei Diritti Umani vuole ricordare che il prossimo 3 dicem...
Leggi tutto
A.N.A.S. PensiamocInsieme ha organizzato una videochiamata con Babbo Natale
Quest’anno in molti hanno voluto anticipare la magia natalizia, provvedendo già agli inizi del mese di Novemb...
Leggi tutto
Nota del Forum del Terzo settore della Sicilia sul piano regionale per la ripresa e la resilienza
Abbiamo avuto modo di leggere il piano regionale per la ripresa e la resilienza preparato dalla Giunta di Governo della Sicilia e non abbiamo capito s...
Leggi tutto
Un bambino e l’amore sconfinato per i libri durante la guerra civile in Mali “La lezione dell’elefante” nuovo romanzo di Marco Rizzo
Un bambino e l’amore sconfinato per i libri
durante la guerra civile in Mali Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web