Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 08/09/2020 da Rossana Battaglia

Iniziativa nazionale per Anniversario omicidio Don Pino Puglisi 2020

Iniziativa
Il Coordinamento Nazionale dei Docenti della disciplina dei Diritti Umani, in occasione del 27° Anniversario dell’omicidio di don Pino Puglisi, 15 settembre 1993, intende ricordarne la figura e il messaggio sociale.
Don Pino Puglisi è stato un uomo la cui integrità morale e dedizione per il prossimo hanno costituito veramente l’essenza dello spirito evangelico. Ha rappresentato il volto più bello della Chiesa, quello autenticamente veicolo dell’insegnamento di Cristo. Si è speso per i diseredati; per i dimenticati; per i fanciulli abbandonati, di cui per primo ricordò la potenzialità umana e preziosità nella loro individualità nonché come futuri componenti della società. Don Pino Puglisi coniugava allo slancio umanitario di certi mistici del popolo, come Madre Teresa di Calcutta, alla lucidità dell’uomo attento alle problematiche sociali e alle loro complesse interrelazioni; comprendeva quanto l’ignoranza e il degrado costituissero l’humus ideale per la proliferazione delle organizzazioni malavitose a Brancaccio guidate dai fratelli Graviano, capi-mafia legati alla famiglia del boss Leoluca Bagarella. 
“Il prete era una spina nel fianco. Predicava, predicava, prendeva i ragazzini e li toglieva dalla strada. Faceva manifestazioni, diceva che si doveva distruggere la mafia, insomma ogni giorno martellava e rompeva le scatole. Questo era sufficiente, anzi sufficientissimo per farne un obiettivo da togliere di mezzo” (Giovanni Drago, pentito)
Appunto, Don Pino Puglisi come insegnamento – mantra ai suoi studenti ripeteva sempre che “non dovevano avere paura di rompere le scatole”.
Era un uomo generoso e valoroso. Sicuramente consapevole che nemmeno il suo abito avrebbe potuto salvarlo dal furore selvaggio di chi ormai lo considerava un simbolo di redenzione e di possibilità diverse rispetto al baratro del crimine. Doveva morire perché un messaggio così “cancerogeno” per le cosche venisse estirpato alla radice. Infatti con l’inganno venne distratto da uno dei suoi sicari, mentre qualcuno, che poi fu individuato in Salvatore Grigoli, gli sparava alla nuca. Successivamente il suo killer si pentì e raccontò quanto era accaduto. 
Dopo la sua morte, rimase un vuoto incolmabile, ma l’esempio operativo – direzionale di un uomo che conosceva il proprio territorio e in che modo agire per recuperare, convincere e salvare delle vite è rimasto. Molte associazioni e singoli cittadini si ispirano agli insegnamenti di Don Pino Puglisi e considerano prioritario soprattutto educare chi ancora può essere modificato: “Ho visto bambini poveri, bambini lasciati così in mezzo a una strada dove diventano preda di persone senza scrupoli che poi li avviano alla violenza, alla devianza e quindi in quella zona così come in altre zone ci sono scippi, furti commessi da ragazzini magari che magari sono inconsapevoli di quello che fanno. Questi bambini avrebbero bisogno di un recupero etico, morale e cioè che riescano a capire quali sono i valori fondamentali della vita perché viviamo, perché siamo in questa società che cosa ci stiamo a fare …” (Don Pino Puglisi, Tratto da un’intervista a Canale 46, dicembre 1991)
Non bisogna perdere fiducia nel cambiamento; pur non essendo uno sprovveduto visionario, il sacerdote non rinunciava alla speranza che consiste nel credere possibile qualcosa che ancora non c’è: “I tempi saranno molto lunghi ma noi speriamo che qualcosa via, via vada cambiando già ci sono tanti ragazzi che stanno intorno al centro sociale e incominciano a capire che la vita non è fatta semplicemente di violenza, di degrado ma i sono valori come la pace, la fraternità e la collaborazione” (Don Pino Puglisi, Intervista mandata in onda su RAI UNO il 25 maggio 2013)
Il CNDDU invita nella giornata del 15 settembre a promuovere l’ “Onda della Legalità Virtuale in memoria di Don Pino Puglisi”. Diffondiamo la sua immagine e le sue parole nei nostri profili social, unendoci idealmente in un abbraccio per la legalità. L’hashtag dell’iniziativa è #UnitisullOndadellaLegalità.
E a noi la forza di andare avanti e la fiducia che il bene non può essere vinto e che quindi l’amore, quello che ha ispirato la vita di Don Giuseppe, l’amore vincerà.” (Omelia dell’arcivescovo Salvatore Pappalardo durante i funerali di don Pino Puglisi)

 

ALTRE NOTIZIE

Inventaria la festa del teatro off 10° | dal 9 al 18 ottobre 2020 | carrozzerie_n.o.t. - Teatro Trastevere | Roma
Festival Re-INVENTARIA 2020 - X edizione
CONCERTI AL BAGLIO FLORIO Parco Archeologico di Selinunte, Cave di Cusa e Pantelleria
Il 2 ottobre, alle ore 18.30, con replica alle 20.00, presso l´area monumentale Parco Archeologico...
Leggi tutto
La Macchina dei Sogni 37esima edizione
La Macchina dei Sogni
37esima edizione&...
Leggi tutto
Segnalazione su misure di sicurezza antiCovid 19 scuole
Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani, valutando il continuo aumento dei contagi ris...
Leggi tutto
UIL Marsala “Dopo nostre richieste arrivate conferme da Comune e Azienda”
Dopo le sollecitazioni da parte della Uil dei scorsi giorni ho avuto comunicazione, da parte del sindaco e dell’azienda “Siciliana Pasti”, che a breve...
Leggi tutto
Castelvetrano - Incontro sul bando 40 milioni di fondi Ue per le imprese agricole
PSR Sicilia, a Castelvetrano (TP) l’incontro sul bando della sottomisura 4.1
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web