Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Salute il 22/10/2019 da Rossana Battaglia

Sicilia in prima linea contro l’epatite C: necessario identificare i portatori non consapevoli

Sicilia
Sicilia in prima linea contro l’epatite C:
necessario identificare i portatori non consapevoli:
Nella nostra regione trattati 15mila pazienti con la forma cronica, altri 2200 in attesa di terapia

Ad Acicastello (CT) un team di esperti ha fatto il punto sul virus HCV

e sull’obiettivo dettato dalll’Organizzazione Mondiale della Sanità: eradicare l’infezione entro il 2030.

Identificare specifici setting di pazienti positivi al virus HCV dell’epatite C, spesso inconsapevoli del loro stato di portatori di infezione: questa è la parola d’ordine degli specialisti riuniti nei giorni scorsi ad Aci Castello (CT) nell’incontro promosso da Gilead, che ha visto la partecipazione dei maggiori esperti nel campo dell’epatologia siciliana impegnati nel raggiungimento del traguardo indicato dell’OMS, ovvero l’eradicazione dell’infezione entro il 2030.

Le nuove frontiere ad azione antivirale diretta sono in grado di modificare la storia naturale della malattia cronica con la possibilità di guarigione oltre il 95%. La Sicilia rappresenta senza dubbio un modello virtuoso nella definizione dei percorsi terapeutici e nell’erogazione delle cure: la rete HCV Sicilia, riconosciuta con decreto della Regione, è in grado di collegare in maniera telematica i centri ospedalieri del territorio autorizzati alla diagnosi e alla terapia dell’HCV, consentendo così di identificare i pazienti con infezione cronica da virus, di definire lo stadio della malattia e allocare i pazienti alla terapia per loro indicata con appropriatezza.

In Sicilia sono oltre 15.000 e circa 2.200 quelli in attesa di trattamento, scelti sulla base degli 11 criteri di prioritizzazione stabiliti da AIFA.

Al momento attuale stiamo assistendo ad un cambiamento molto importante a livello normativo, ovvero l’aggiunta da parte di AIFA del criterio 12 per il trattamento dei pazienti con Epatite C cronica. Si tratta di un notevole passo avanti che consentirà ai medici di utilizzare un criterio diagnostico in grado di facilitare l’accesso alle cure – ha affermato Antonio Craxì, ordinario di Gastroenterologia all’Università di Palermo – I pazienti, infatti, potranno essere diagnosticati e avviati al trattamento in assenza di uno screening estensivo, come ad esempio il Fibroscan. Per ora questa metodologia si applicherà solo alle terapie antivirali di ultima generazione pangenotipici e riguarderà solo alcuni contesti, quali i serD (servizi pubblici per le dipendenze patologiche del Sistema Sanitario Nazionale) e le carceri.”

In particolare queste categorie di pazienti meritano un’attenzione particolare in termini di prevenzione e di cura, perché a più alto rischio di trasmissione dell’infezione.

Da un punto di vista epidemiologico e di sanità pubblica occorrerebbe prendere in considerazione le categorie con un’alta probabilità di trasmettere il virus a persone siero-negative: la prevalenza di epatite C è stimata tra il 7.4% e il 38% su un totale di 56mila detenuti in Italia, tra l’altro queste persone sono spesso co-infette HIV-HCV, hanno altre co-morbosità e sono costrette ad assumere numerosi farmaci che possono portare problemi di aderenza alla terapia e di interazioni farmacologiche spesso difficili da prevedere, quindi sono pazienti che necessitano un monitoraggio molto attento” – ha aggiunto Craxì.

In generale, comunque i pazienti coinfetti HIV-HCV sono pazienti a più alto rischio di progressione di malattie epatiche ma anche di malattie extra epatiche (cardiovascolari, renali, ossee e del sistema nervoso centrale), rispetto al paziente mono infetto, quindi necessitano di un trattamento in fase più precoce per il controllo dell’infezione da HCV.

Le strategie terapeutiche per fronteggiare il futuro e raggiungere l’ambizioso obiettivo di eliminazione dell’HCV entro il 2030 necessitano della collaborazione tra tutti gli stakeholders: società scientifiche, associazioni di pazienti e clinici per identificare quei pazienti spesso inconsapevoli del loro stato di portatori di infezione e di stabilire fin dalla diagnosi una strategia terapeutica adeguata.

 

ALTRE NOTIZIE

Castell’Umberto tra le città italiane con il riconoscimento “Città che legge” 2020-2021
Un paesino, di circa 3000 abitanti, in provincia di Messina, avente una planimetria a forma di scacchiera, caratteristicamente antico, incastonato sul...
Leggi tutto
Commemorazione Strage di Reggio Emilia 2020
Il Coordinamento nazionale docenti della disciplina dei diritti umani vuole commemorare le vittime della Strage d...
Leggi tutto
Si presenta alla Biblioteca centrale di Palermo il libro di Alfonso Lo Cascio “1943: la Reconquista dell’Europa. Dalla Conferenza di Casablanca allo sbarco in Sicilia”.
Organizzata dalla Biblioteca centrale della Regione Siciliana “Alberto Bombace” di Palermo, in collaborazion...
Leggi tutto
OPERAZIONE ANTIMAFIA DEI CARABINIERI: ESEGUITE 5 MISURE CAUTELARI. ARRESTATO IL BOSS MARIANO ASARO.
I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Trapani, hanno tratto in arresto, in esecuzione de...
Leggi tutto
La lenta morte di Palermo, abbandonata da tutti e sommersa di rifiuti, burocrazia e inefficienza. Da tempo Rete Sociale Attiva ed Enbilgen Sicilia denunciano l´incapacità dell´attuale Giunta Comunale.
Apprendiamo dai mezzi di stampa che nella graduatoria “Governance Poll 2020” del Sole 24 Ore, che foto...
Leggi tutto
Riserve Naturali, necessitano interventi immediati
Aree naturali protette (Parchi e Riserve) e demanio marittimo, che caratterizzano e valorizzano i nostri territori, ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web