Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Sport il 08/07/2019 da Direttore

Trapani è adesso l’esponente di spicco del calcio siciliano

Trapani
Una stagione da incorniciare. Non si potrebbe definire altrimenti il campionato da poco concluso e che ha visto la formazione granata conquistare una meritatissima promozione in Serie B, al termine di una lunga cavalcata attraverso dei playoff interminabili, come ormai da qualche anno ci ha abituato il campionato di Serie C.
Una cavalcata che ha visto protagonista una proprietà in seria difficoltà economica, durante tutto l’arco della stagione, con i giocatori pronti anche a mettere in mora la società, superare delle autentiche corazzate come il Catania, da tutti indicata come la principale favorita alla vittoria finale. E proprio il successo nel derby siciliano ha dato la giusta spinta alla squadra di Mister Italiano per poter riuscire a tagliare il traguardo con successo. Da lì i giocatori si sono compattati, mettendo il risultato davanti ogni cosa, stringendo i denti nelle ultime settimane e ottenendo una promozione a cui nessuno poteva pensare all’inizio dell’anno.
Con la promozione poi è arrivato il cambio di proprietà e, ora, nonostante la commovente separazione con Vincenzo Italiano, il Trapani si affaccia alla Serie B non come meteora, ma come una formazione che vuole provare a consolidarsi in cadetteria attraverso un percorso di crescita costante e con l’auspicio di far rivivere anche in città la passione per i colori granata.


Foto: Fonte: Wikimedia Autore: Civa61 LicenzaCC BY-SA 4.0

Oltre alle iniziative della nuova società, infatti, anche la cittadinanza dovrebbe mostrare tutta la sua buona volontà ritornando in gran massa a sostenere i colori granata. Per questo ci si augura un incremento degli abbonati e delle presenze allo stadio, per spingere la squadra anche nella prossima stagione con i favori dei pronostici dei principali operatori sportivi pronti a credere fortemente nella permanenza in Serie B.
Per un Trapani che gioisce però c’è un calcio siciliano che sta via via scomparendo dai grandi palcoscenici del panorama italiano. Era solamente il 2006 quando la Sicilia poteva vantare 3 squadre in Serie A: Palermo, Catania e Messina. Di quelle tre, oggi, nessuna è più da anni nella massima competizione nazionale e, addirittura rischiano di essere due su tre le formazioni che nella prossima stagione non potranno disputare un campionato professionistico.
Sembrano lontanissimi i tempi in cui il Palermo disputava la Coppa Uefa o i preliminari di Europa League, quando venire a giocare in questa isola era un obiettivo importante da raggiungere per i calciatori che volevano mettere in mostra le proprie doti. Quando giocare in piazze come Palermo o Catania voleva dire avere sempre uno stadio pieno alle spalle per spingerti a dare il meglio di te e a uscire dal campo con la maglietta sudata. Ora quello che fa notizia non è l’arrivo in Sicilia di un giocatore importante, ma le formazioni che riescono a presentare la domanda d’iscrizione al campionato. E questo dato, al momento, vede solamente tre squadre nei campionati professionistici. Il Trapani che sarà l’esponente principale del calcio siciliano, nel campionato di Serie B, mentre il Catania e la Sicula Leonzio di Lentini, che ha appena cambiato allenatore, disputeranno la Serie C in attesa di capire che cosa succederà al Palermo. Con la nuova proprietà che ha garantito come fosse tutto in regola, tant’è che il neo tecnico Pasquale Marino aveva già iniziato a parlare di mercato, senza poi presentare la fideiussione necessaria per l’iscrizione al campionato cadetto.


Foto:Fonte: Wikimedia Autore: Wikipal Licenza: CC BY-SA 3.0

Ancora freschi nella memoria della gente sono anche i casi di Siracusa e Akragas, con i primi che dopo la salvezza conquistata nell’ultima stagione hanno già detto addio al professionismo, rendendo tutto inutile quello che i giocatori avevano conquistato sul campo, esattamente come accadde all’Akragas di Agrigento solamente pochi mesi prima. E tutto questo non fa altro che allontanare la gente dagli stadi, con intere città e tifoserie che spariscono dal calcio che conta e dai palcoscenici importanti senza averne nessuna colpa.
Al contrario, questi tifosi e piazze storiche del calcio isolano meriterebbero trattamenti ben diversi, vista tutta la passione e lodi che hanno saputo dare alle varie dirigenze e a tutti coloro che hanno indossato con onore i colori locali.



 

ALTRE NOTIZIE

Mostra libri antichi - Amor Librorum
Domenica 20 ottobre 2019 dalle 10.00 alle 20.00 nell´androne del suggestivo Palazzo Carretta a ...
Leggi tutto
CONCERTO LABOZETA - Il Mosè di Michelangelo tra le note di Mendelssohn
Il Mosè di Michelangelo tra le note di Mendelssohn” 
L’Agrario? È vivo! Tavolo tecnico per il Danilo Dolci
Partinico- Da qualche tempo circola voce che l’indirizzo Agrario, o meglio “Agricoltura, sviluppo rurale, val...
Leggi tutto
Il Rotaract Club Palermo Montepellegrino dona dei volumni alla biblioteca Giufà dello ZEN 2
Il Rotaract Club Palermo Montepellegrino dona dei volumni alla biblioteca Giufà dello ZEN 2
Bagheria. La città Europea prima e dopo l’anno 1000: terza lezione del seminario sull’Arte di abitare organizzato da BCsicilia e dall’Ordine degli architetti
Si terrà venerdì 18 Ottobre 2019 alle ore 16,00 la terza lezione del seminario su “L’Arte di abitare”,...
Leggi tutto
L’AVO: organizzazione di volontariato senza finalità di lucro riconosciuta a livello nazionale come una delle più importanti realtà nel settore socio-sanitario
Sono circa 25.000 i volontari che ogni giorno, in oltre 250 sedi in tutta Italia, prestano un servizio concreto, co...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web