Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 20/05/2019 da Direttore

FATTURE FALSE PER EVADERE LE IMPOSTE E FALLIMENTI PILOTATI: ARRESTATO IL TITOLARE DI UN GRAN BAZAR DI PRODOTTI CINESI. SCOPERTA ANCHE UNA CONDOTTA ESTORSIVA NEI CONFRONTI DI DIPENDENTI ITALIANI.

FATTURE
La Tenenza della Guardia di Finanza di Castelvetrano, su delega della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Marsala, nella mattinata di sabato scorso, ha eseguito un’ordinanza applicativa delle misure cautelari degli arresti domiciliari e del sequestro preventivo nei confronti di un imprenditore di Castelvetrano, di nazionalità cinese, titolare di fatto di una ditta individuale e di due società con le quali ha gestito un grande magazzino di prodotti made in China.

L’imprenditore è stato denunciato alla Procura di Marsala, all’esito di una complessa indagine svolta dalla suddetta Tenenza, per aver distratto l’avviamento commerciale e
denaro per oltre 4,1 milioni di euro e per essersi sottratto al pagamento di imposte che ammontano complessivamente a 3,9 milioni di euro.

L’imprenditore, dopo essersi avvalso di un collaudato sistema di frode fiscale scoperto dalla Guardia di Finanza nel mese di settembre 2018 e connesso all’utilizzazione di migliaia di fatture per operazioni inesistenti emesse da 31 società “cartiere” aventi sedi dichiarate nei principali poli commerciali italiani, ha creato una serie di schermi giuridici con lo scopo di sottrarsi al pagamento delle imposte e di ostacolare numerose azioni esecutive proposte dai lavoratori italiani per Trattamento di Fine Rapporto (TFR) e mensilità mai percepite.

I dipendenti, stanchi dei ritmi massacranti e delle continue minacce di licenziamento, si erano rivolti ai finanzieri di Castelvetrano che avevano effettuato un controllo fiscale nei confronti dell’impresa, nel cui ambito erano stati anche scoperti 7 lavoratori irregolari, mentre altri 4 ne erano stati individuati a seguito di ulteriori approfondimenti.

E’ altresì emerso che il titolare del Gran Bazar, unitamente al consulente del lavoro, aveva costretto i lavoratori italiani, con continue minacce, a sottoscrivere una richiesta di liquidazione mensile del TFR, poi mai corrisposto, per complessivi 400 mila euro.

I controlli della Guardia di Finanza, i debiti con i dipendenti e l’esposizione con il Fisco hanno spinto il titolare di fatto della ditta a distrarre il compendio aziendale e a trasferire i dipendenti facendo confluire tutti gli assets in un nuovo soggetto giuridico, intestato fittiziamente ai familiari.

Le attività di polizia giudiziaria eseguite nel mese di settembre 2018, però, hanno costretto l’imprenditore a creare un’ulteriore società-schermo nella quale trasferire ancora una volta i lavoratori e l’avviamento lasciando tutti i debiti nel vecchio soggetto giuridico.

Dopo aver ricostruito il vorticoso meccanismo fraudolento i finanzieri hanno immediatamente notiziato il Pubblico Ministero il quale ha presentato al Tribunale Fallimentare due istanze dichiarative di fallimento con riguardo alla ditta individuale e alla società, entrambe ormai prive di assets e fortemente indebitate con i dipendenti e con l’Erario.

Per tali condotte distrattive sono stati denunciati 5 cittadini di nazionalità cinese, che si aggiungono alle 32 persone già segnalate all’Autorità Giudiziaria nella precedente fase ispettiva.

Ritenuti sussistenti i gravi indizi di colpevolezza e le esigenze cautelari, attesa l’elevata pericolosità economico-finanziaria dell’ideatore del meccanismo di frode, il Giudice per le Indagini Preliminari, su proposta della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Marsala, ha disposto la misura degli arresti domiciliari e il sequestro delle quote sociali, dei conti correnti e dei compendi aziendali di tutte le imprese interessate, che saranno ora gestite da un amministratore giudiziario.

L’attività di servizio in parola testimonia l’efficacia dell’operato della Guardia di Finanza nella sistematica attività di contrasto ai più insidiosi meccanismi di frode fiscale e ai delitti fallimentari, allo scopo di salvaguardare gli interessi dei lavoratori nonché delle imprese rispettose delle regole.

Castelvetrano, 20 maggio 2019

 

ALTRE NOTIZIE

OPERAZIONE DEI CARABINIERI: ESEGUITE 3 MISURE CAUTELARI. DIVIETO DI DIMORA PER IL SINDACO DI ERICE
I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Trapani, hanno notificato al Sindaco di Erice, TOSCANO PERCORELLA Daniela la misura ...
Leggi tutto
donne in Bikini nella villa imperiale di Piazza Armerina
Il costume da bagno è uno degli accessori più amato e ancor più temuto dalle donne: c’è un costume per assecondare le esig...
Leggi tutto
SELCIATO A ERICE E PERCORSI PER IPOVEDENTI. L’Amministrazione raccoglie le proposte alternative delle Associazioni.
A seguito di quanto occorso, raccogliendo il messaggio di apertura dell’Amministrazione, abbiamo chiesto un incontro....
Leggi tutto
AMERICAN EXPRESS LANCIA “VIAGGIO IN ITALIA”
UNA PIATTAFORMA DI GUIDE TEMATICHE PER ESPLORARE L’ITALIA E RISCOPRIRE LA BELLEZZA UNICA DEL NOSTRO PAESE Leggi tutto
COMUNICAZIONE URGENTE RINVIO CANTIERI DEL GUSTO _ PARCO ARCHEOLOGICO DI SELINUNTE
Si avvisano i signori visitatori che il previsto appuntamento per la Mietitura prevista per il 9 luglio alle ore 1...
Leggi tutto
Marsala Riparte!
Continua la campagna di promozione turistica per Marsala organizzata dalla task force Marsala Riparte. Le 4 assoc...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web