Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 10/01/2019 da Direttore

Mafia, De Raho: ´Messina Denaro sarà arrestato, abbiamo tagliato reti sostegno´

Mafia,
Il procuratore nazionale Antimafia ospite di Tv2000: “Bruzzese? Cognome su citofono fatto grave che non deve accadere. Per la politica la lotta alla mafia non è la priorità. Intere Regioni con mafia silente che controlla tutto. Serve banca dati degli appalti”. 


Roma, 10 gennaio 2019. “I latitanti godono di coperture e reti di sostegno. Non potrebbero esistere i latitanti se non ci fossero reti che consentono le latitanze. Le reti via via sono state tagliate e si assottiglia sempre più quel sostegno che ha consentito al latitante di restare ancora oggi impunito. Questo mi fa pensare che Matteo Messina Denaro sarà sicuramente arrestato”. Lo ha detto il procuratore nazionale Antimafia, Federico Cafiero De Raho, ospite del programma ‘Siamo noi’ su Tv2000.
“Di latitanti ne abbiamo arrestati tantissimi – ha aggiunto De Raho - sia quando ero Procuratore aggiunto a Napoli sia da Procuratore della Repubblica a Reggio Calabria. E a Reggio Calabria non ci sono più latitanti, anche se erano in latitanza da 20-30 anni. Sono stati arrestati tutti. Via via che si tagliano le reti i latitanti vengono necessariamente raggiunti e arrestati”.
De Raho ha inoltre commentato la vicenda dell’uccisione a Pesaro di Marcello Bruzzese fratello di un pentito di ´ndrangheta: “Per Marcello Bruzzese c’è stata una caduta di vigilanza. Il fatto stesso che sul suo portone ci fosse il suo cognome è certamente un fatto grave sul quale ci sta riflettendo la Commissione e il servizio centrale. Non può avvenire che un famigliare o collaboratore di giustizia abbia sul suo citofono nome e cognome. La vigilanza deve essere costante. Le mafie non possono essere lasciate libere di operare come è avvenuto a Pesaro. È un dovere dello Stato impedire in modo assoluto che si possano verificare fatti di questo tipo”.

“La politica”, ha proseguito De Raho, “deve porsi il contrasto alla mafia come una priorità, cosa che oggi non c’è. Anche se esistono gli strumenti legislativi, di mafia bisogna parlarne e orientare qualsiasi decisione al suo contrasto. Non è pensabile fare una legge e tacere sul resto. Bisogna rafforzare quello che è il circuito di protezione della nostra economia. Il Comune che viene sciolto per mafia, viene sciolto perché lì è presente la mafia. E quando sono passati i due anni la mafia continua ad essere lì che aspetta. Se non si bonifica il territorio e non si spezza la catena le elezioni saranno nuovamente condizionate”. 
“Ci sono intere Regioni – ha sottolineato De Raho a Tv2000 - che hanno una mafia che non si fa più sentire ma che controlla tutto. Ci sono appalti che nel momento in cui vengono assegnati finiscono per costringere l’incaricato a rivolgersi direttamente al capo mafia. Ormai non è più il contrario come avveniva una volta. Questo avviene nelle Regioni dove ci sono le mafie autoctone: Sicilia, Puglia, Calabria, Campania. Le altre mafie quelle che si sono infiltrate nel Centro e Nord Italia entrano nelle economie con soggetti economici che a volte hanno la veste della società a responsabilità limitata e a altre volte quella della società per azioni che utilizza una borghesia mafiosa”.
Il procuratore nazionale Antimafia negli studi di Tv2000 ha infine chiesto che venga “creata una banca dati degli appalti che consenta di individuare quali sono i soggetti che partecipano. Le nostre indagini hanno evidenziato in varie occasioni che con la regia mafiosa vengono creati dei cartelli di 30-40 e anche 70 imprese che si offrono liberamente ma in realtà ad offrire è una regia mafiosa che riempie anche le offerte. E chi non entra in questi cartelli non lavora. Lo Stato deve impedire che la mafia continui a gestire meccanismi di questo tipo”.

 

ALTRE NOTIZIE

L’ANDRONI GIOCATTOLI SIDERMEC PRONTA PER LA CLASSICISSIMA DI PRIMAVERA
Dopo la grande prestazione al Gran Premio Industria & Artigianato a Larciano l’Androni Giocattoli Sidermec t...
Leggi tutto
Castelvetrano. Fava ´Laboratorio di nuovo sistema di potere. Rischioso votare adesso´
"A Castelvetrano non ci sono solo le ultime confuse tracce di Matteo Messina Denaro; c´è anche il laboratorio...
Leggi tutto
Priolo Gargallo: Air Liquide e LUKOIL firmano un importante contratto per il rinnovo delle forniture
Firmato con Lukoil importante contratto a lungo termine per il rinnovo delle forniture in Sicilia
SOSTEGNO DALL’ANCISICILIA ALLA PROTESTA DI SINDACI E AGRICOLTORI IN CORSO A SANTA CATERINA VILLARMOSA PER CHIEDERE LO STATO DI CRISI PER L´AGRICOLTURA ISOLANA
Pieno sostegno agli amministratori e agli agricoltori che, in queste ore, stanno manifestando a Santa Caterina Villa...
Leggi tutto
Mazara del Vallo - Si rafforza il progetto di centrodestra. Enzo Calafato sosterrà Benedetta Corrao Sindaco.
Mazara del Vallo, 21 marzo 2019 - Enzo Calafato, il Guardiano, ha scelto: nella corsa per palazzo dei Carmelitani de...
Leggi tutto
E´ il primo giorno di primavera, ma a Castelvetrano piove!
E´ il primo giorno di primavera, ma a Castelvetrano piove! Piovono arresti e perquisizioni. Ed ancora una volta c´&e...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


Gaspare su Paceco: per il Memorial Giuseppe Barraco, riapre il palazzetto:
Peppe sempre nel cuore mi manchi amico mio


giuseppe su Crisi della Cmc-Anas con le mani legate-Il governo nazionale anticipi i soldi ai creditori per la ripresa dei lavori in Sicilia e si rivalga sulla Cmc:
perche bloccare solo caltanissetta invece tappiamo tutto il tratto palermo agrigento passino solo ambulanze e carri funebri


Augusto Marinelli su Lettere a Tito n. 234. Shoah 2019 ed il libro del giovane Alberto Forte pensando alla Shoah nostra e degli altri.:
Caro Tito, ti interesserà forse sapere che nel libro di Molfese citato nell´articolo, la frase qui riferita semplicemente non c´è. Quanto al preteso lager di Fenestrelle, è stato ampiamente dimostrato che si tratta di una invenzione.


Giovanni VINCI su Marsala Calcio: Sancataldese - Marsala, i convocati da mister Giannusa:
Forza Marsala


Daniele su Marsala Calcio: Sancataldese - Marsala, i convocati da mister Giannusa:
Forza ragazzi tenete alto il nome Marsala a San Cataldo. Un abbraccio particolare al centrale difensivo Maurizio e il centrocampista centrale Lo Nigro


Daniele su Marsala Calcio: Sancataldese - Marsala, i convocati da mister Giannusa:
Forza ragazzi tenete alto il nome Marsala a San Cataldo. Un abbraccio particolare al centrale difensivo Maurizio e il centrocampista centrale Lo Nigro


mimmo su Domenico Lanciano: ´Una carezza per Riace":
ciao


Rosario Miccichè su Paceco, al via 6 cantieri di lavoro per la realizzazione di due opere:
Non sono molto contento di come l´amministrazione ha progettato i cantieri a Paceco sicuramente il bando gestito malissimo. Dobbiamo ringraziare la regione della proroga non certo gl´assessori di competenza. L´avviso 2 / 2018 dice che bisogna favorire il maggiore numero di lavoratori, quanti lavoratori impigherete nei cantieri. E perch´ tutti quei soldi spesi in materiali € 70.000 il bando parlava di piccole manutenzioni, lo scopo principale dei cantieri e la formazione, favorire la m


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web