Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 03/12/2018 da Direttore

Arrestati dalla Polizia due corrieri di armi

Arrestati
Alcamo: arrestati dopo aver forzato un posto di blocco, trasportavano un fucile a canne mozze, una carabina di precisione, un pistola semiautomatica, materiale esplodente e più di cento cartucce.

Nella serata di venerdì scorso gli agenti della Polizia di Alcamo hanno arrestato il pregiudicato alcamese ACCARDO Maurizio, di anni 50, e AMATO Davide, di anni 21, per porto abusivo di armi, munizionamento vario e materiale esplodente.
Già da diversi giorni gli investigatori stavano monitorando gli spostamenti verso il capoluogo siciliano dell’ACCARDO Maurizio, soggetto già condannato per detenzione abusiva di armi, il quale non poteva non destare sospetti posto che nell’arco di una giornata effettuava più viaggi per poi rientrare in questo centro andando sempre in siti diversi in aperta campagna.
Nell’effettuare i viaggi verso Palermo, l’ACCARDO Maurizio non era mai solo ma in compagnia del giovane AMATO Davide il quale, nonostante lo stato d’incensuratezza, era conosciuto dagli investigatori poiché figlio del noto pregiudicato alcamese, nonché ex sorvegliato speciale di P.S., AMATO Enzo, salito alla ribalta delle cronache giudiziarie nell’ambito di un indagine del 2012 allorquando personale dipendente lo arrestava, unitamente ad altri pericolosi pregiudicati, per l’attentato dinamitardo consumato in pregiudizio della segreteria politica dell’allora Senatore della Repubblica Antonino PAPANIA.
Alla luce dell’ennesimo viaggio verso Palermo dei due soggetti, gli investigatori decidevano di attendere il ritorno del veicolo posizionando diverse autovetture in borghese in autostrada e due volanti alle uscite autostradali di Alcamo Est e di Castellammare del Golfo allorquando, verso le ore le 18.30, l’auto su cui viaggiavano i due malviventi veniva intercettata nel tratto autostradale tra l’uscita di Alcamo est e quello di Castellammare.
Seguita a debita distanza il veicolo su cui viaggiavano l’ACCARDO Maurizio e l’AMATO Davide svincolava imboccando quest’ultima uscita laddove, una volta incrociata la SP 47 si avvedeva della presenza della volante e, approfittando della sosta momentanea da parte di un veicolo che lo precedeva, eludeva il posto di controllo e si lanciava ad alta velocità in direzione di Alcamo.
Immediatamente la volante e l’auto civetta della Polizia si mettevano all’inseguimento dei fuggitivi i quali dopo neanche 500 metri si disfacevano di un grosso sacchetto lanciandolo dal finestrino lato passeggero; nonostante ciò la folle corsa continuava nel tentativo di far perdere le proprie tracce ma una seconda volante, chiamata a convergere in quella zona, gli sbarrava la strada interrompendo la loro fuga.
Armi in pugno gli agenti bloccavano i due malviventi che venivano immediatamente perquisiti e controllati a vista sino a quando altro personale in abiti civili, recuperato il sacchetto poco prima lanciato durante la corsa, raggiungevano il punto dove erano stati bloccati i fuggitivi.
Aperto il voluminoso sacchetto gli agenti rinvenivano un fucile a canne mozze, con matricola abrasa, calibro 28, una carabina di precisione calibro 9 FLOBERT e circa cento cartucce inesplose di entrambe i calibri.
Immediatamente partivano le perquisizioni domiciliari presso le abitazione dei fermati che consentivano di rinvenire nella disponibilità dell’AMATO Davide del materiale esplodente (n. 4 candelotti del tipo fuochi d’artificio acquistabili solo da soggetti muniti di autorizzazione di Polizia) e un pistola semiautomatica COLT 7.65 e numeroso munizionamento. Nonostante la giovane età e lo stato d’incensuratezza, l’AMATO Davide aveva escogitato un perfetto nascondiglio per la pistola la quale veniva rinvenuta presso un’abitazione rurale nella campagne di Partinico, opportunamente interrata all’interno di una cassetta vicino il muro dell’abitazione.
Gli investigatori sono convinti che i predetti abbiano acquistato le armi nel capoluogo siciliano o nella provincia palermitano e che gli stessi avrebbero dovuto acquistare altre armi posto che i predetti venivano trovati in possesso di circa duemila euro.
Alla luce delle risultanze investigative sono scattate le manette ai polsi dei due che, giuste intese con la Procura della Repubblica di Trapani, sono stati tradotti presso il carcere di Trapani.
Il brillante risultante investigativo del Commissariato di P.S. conferma la validità dell’attività di prevenzione e di repressione dei reati adottata già da qualche anno che, oltre ai risultati ottenuti sul fronte del contrasto alla spaccio di sostanze stupefacenti, nell’ultimo anno ha consentito di sottrarre al mercato clandestino anche delle armi cosi come è stato fatto nell’ambito delle attività investigative che sono sfociate nelle ordinanze custodiali eseguita nell’ambito dell’Operazione di P.G. REGINA DI CUORI.
Proprio la settimana scorsa sono state comminate pesante condanne, per un totale di più di trent’anni, nei confronti di alcuni componenti della banda laddove solo il capo banda REGINA Salvatore cl. 60 dovrà scontare la pena più pesante di 12 anni di reclusione.

 

ALTRE NOTIZIE

L´inclusione sociale dei bimbi attraverso strategie specifiche se ne parla a Palermo il 22 luglio
Secondo il censimento ISTAT al 1 gennaio 2018, i minori stranieri residenti in Sicilia sono circa 43.000. Gli esperti di associazioni e organizzazion...
Leggi tutto
Onoraria la retribuzione vero il lavoro: magistratura onoraria
Nei giorni scorsi i magistrati onorari si sono astenuti dall´esercizio delle loro funzioni, conseguentemente non si sono celebrati circa 500 mil...
Leggi tutto
Successo alla vigilia dello Slalom di Misilmeri
Tutto pronto per la 25° edizione che entrerà nel vivo con le verifiche tecnico sportive sabato 20 luglio] Pieno di adesioni alla gara in prog...
Leggi tutto
ORESTIADI DI GIBELLINA 38^ edizione
LA NOTTE DELLA LUNA, 20 luglio 1969/20 luglio 2019 
evento in occasion...
Leggi tutto
Fraternali (POLIMI): ´Il gioco si reinventi dopo il Decreto Dignità. Mobile in ascesa, è il futuro del settore´
Samuele Fraternali, direttore dell’Osservatorio Gioco Online del Politecnico di Milano, Leggi tutto
LAUREA MAGISTRALE: Gestione dei fenomeni migratori e politiche di integrazione nell’Unione Europea
Siamo lieti comunicare che la Scuola di Giurisprudenza dell’Università di Camerino, che ha una convenzione con la nostra realtà associat...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


Gaspare su Paceco: per il Memorial Giuseppe Barraco, riapre il palazzetto:
Peppe sempre nel cuore mi manchi amico mio


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web