Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Sport il 26/08/2018 da Direttore

IL CATANESE DOMENICO CUBEDA (OSELLA) -PRENOTA- LA 61a SALITA MONTI IBLEI

IL
Il portacolori della Cubeda Corse piazza subito la sua ‘zampata’ nella prima sessione di prove di ricognizione, già in archivio oggi sui classici 5,500 km del tracciato alle porte di Chiaramonte Gulfi. Ottimi riscontri cronometrici pure per la famiglia marsalese Conticelli, che piazza al secondo posto Francesco, su Osella PA 2000 Honda e sul podio papà Vincenzo, con la Osella PA 30 Zytek. La seconda salita di prove ufficiali è stata poi sospesa nella sua parte conclusiva a causa di un acquazzone. Domani le due gare cronometrate valevoli per il Tivm Sud, dalle 9.00 

Chiaramonte Gulfi, 25 agosto - Il plurititolato catanese Domenico Cubeda, sulla performante Osella FA 30 Zytek, gestita dalla Paco74 Corse per la parte telaistica e da Roberto Armaroli per quanto concerne il motore, prenota in anticipo la 61a Salita Monti Iblei, decima prova stagionale del Trofeo italiano velocità montagna girone Sud (con validità anche per il Regionale, per lo Challenge AssoMinicar e per il Siciliano Salita Autostoriche AciSport). E’ questo il responso maturato al culmine delle prove ufficiali di ricognizione ultimate nel tardo pomeriggio di oggi, sabato 25 agosto, senza che si siano registrate particolari difficoltà nella gestione della parte agonistica da parte dei direttori di gara Lucio Bonasera e Massimo Minasi. Un pronostico certamente rispettato alla vigilia, ma occhio ai due marsalesi Francesco e Vincenzo Conticelli, sempre più combattivi e decisi a rendere probante la vita a Cubeda, per quanto concerne la vittoria assoluta.
Un parziale decisamente buono (sebbene più alto di quasi 1” rispetto al 2017), per Domenico Cubeda, 2’32”47, ma Francesco, il più giovane della famiglia Conticelli è a soli 3” dalla vetta (2’35”47), in crescendo con la sua Osella PA 2000 Honda e promette di attaccare a fondo domani, giornata di gara. Più staccato, ma sempre “in partita” è invece papà Vincenzo Conticelli, comunque al momento terzo assoluto dopo le prove ufficiali con la sua potente Osella PA 30 Zytek, a 6”23 dal “lider maximo” catanese.
Le vetture Sport e parte del gruppo E1 Italia hanno tuttavia disputato una sola salita di prove di ricognizione, a causa di un breve, ma violento, acquazzone che ha consigliato il direttore di gara Lucio Bonasera ed una piccola rappresentanza dei piloti ad optare per la sospensione delle prove stesse. Duplice sessione invece completata regolarmente da tutti gli altri concorrenti (206 ammessi alla partenza odierna, 165 tra le Moderne e 41 tra le Autostoriche, su 223 iscritti).
“Ho trovato le medesime condizioni tecniche dello scorso anno sul tracciato - racconta Domenico Cubeda – per questo ho deciso di adottare le stesse regolazioni del 2017 sulla mia Osella. La pioggia ci ha però condizionato nell’utilizzare piccole novità che avrei voluto provare sulla vettura nella seconda salita di prova. Domani saremo quindi in gara con le stesse regolazioni di oggi, non val la pena fare esperimenti. Monterò sicuramente gomme Avon nuove di zecca e vedremo cosa succederà”.
Ai piedi del podio un’altra grande famiglia da corsa, quella comisana dei Cassibba. Anche in questo caso è il più giovane, Samuele (su Tatuus F. Master Honda iscritta dalla Catania Corse) a precedere in 2’41”50 papà Gianni, “veterano” di tante battaglie sportive, quinto assoluto, al momento, al volante della ritrovata Osella PA 20S con motore Bmw, anche lui Catania Corse. “Nella prima ed unica sessione di prove disputata – svela Gianni Cassibba – si scivolava abbastanza. Purtroppo, a causa della pioggia e della sospensione non siamo più riusciti pertanto a verificare sul campo delle nuove regolazioni sulla mia biposto. Domattina mi aspetto una gara ‘bifronte’ perché in Gara 1 certamente troveremo un asfalto meno gommato rispetto a quanto ci potremmo aspettare, a causa della pioggia caduta oggi”.
Al sesto posto della classifica virtuale, dopo le prove ufficiali, è il primo dei piloti non siciliani, l’ottimo calabrese (di Reggio Calabria) Giuseppe Cuzzola, abile a chiudere con il tempo di 2’44”72 nell’abitacolo della performante Radical Prosport Evo Suzuki iscritta dalla Piloti per passione, ma curata nella “factory” del catanese Giuseppe Jo Spoto. Completano la “top ten” dopo le prove ufficiali il comisano Agostino Bonforte (7°, su Gloria C8P Suzuki, Catania Corse), il marsalese Giuseppe Buscaino (8°, su Osella PA 2000 Honda), il catanese Matteo D’Urso (di Belpasso, nono assoluto, Radical SR4 Suzuki, Catania Corse), quindi l’etneo Franco Caruso (10°, su Osella PA 21S Evo Honda, Catania Corse). Salite di ricognizione assai proficue pure per il forte calabrese Francesco Ferragina, con la nuova e veloce Elia Avrio ST09-18 Suzuki (schierata dalla Vesuvio) e per il giovane e promettente nisseno Salvatore Miccichè, al suo rientro dopo un anno di assenza nell’abitacolo della Osella PA 21S Evo Honda della Project Team.
Affascinante la lotta tra le 41 Autostoriche in gara. Il miglior riscontro cronometrico è stato fatto registrare, in questo caso secondo i pronostici della vigilia, dal preparatore di Marineo (PA) Ciro Barbaccia, ancora una volta tra i protagonisti di rilievo con la bella e potente Stenger ES861 Bmw. L’alfiere della scuderia Aspas Palermo ha fermato i cronometri in 3’11”17, precedendo in una ideale e provvisoria classifica “vintage” l’ottimo messinese Salvatore Caristi, con la Fiat 128 Giannini del Team Automobilistico Phoenix ed il sempre veloce reggino (Melito Porto Salvo) Salvatore Patamia, altro “veterano” della Monti Iblei (nel 1972 la sua prima gara a Chiaramonte Gulfi), su Porsche 911 Sc della Cst Sport. In evidenza, inoltre, il “coriaceo” comisano Franco Corallo, su Alfa Romeo Giulia Gta (Catania Corse) ed il palermitano Girolamo Cutrone, sul sediolo di un’altra Porsche 911 Sc, ma dell’Aspas.
Nella numerosa e combattiva pattuglia di piloti locali svetta al momento il “brianzolo” Giuseppe Presti, oramai un’autentica istituzione alla Monti Iblei su Lucchini SN98 Bmw. Domani, giornata decisiva per l’assegnazione dei trofei dei vincitori, Gara 1 scatterà alle 9.00. A seguire la seconda sessione cronometrata, al culmine della quale saranno stilate le classifiche per la somma dei tempi. Prima della partenza, gli appassionati potranno ammirare in passerella la splendida Alfa Romeo 33 TT3 Autodelta del 1973 ex Mondiale Marche, portata in Sicilia dal noto collezionista siculo-statunitense Joe Nastasi (la sua famiglia è originaria del Messinese, ma è trapiantata ormai da tempo nel New Jersey), diversi prestigiosi modelli Ferrari ed una dozzina di altri modelli Abarth, del presente e del passato.
La sfida si disputerà sul tortuoso ed a tratti velocissimo tracciato di 5,500 km articolato lungo una sezione della strada provinciale 7, compresa tra il territorio di Comiso, la frazione di Roccazzo ed il comune di Chiaramonte Gulfi (con “intersezione” sulla s.p. 108). Lo “start” si trova nelle adiacenze della zona artigianale del paese, la bandiera a scacchi verrà sventolata in prossimità del centro abitato di Chiaramonte Gulfi, non lontano dalla via Togliatti. Il percorso presenta un dislivello inteso tra partenza ed arrivo pari a 410 metri, con pendenza media calcolata al 6,68%. “Icona” e simbolo della Monti Iblei sarà l’edicola votiva “quadrifronte” sita in contrada Quattro Cappelle. Per il 2019, il Comitato organizzatore ha già annunciato l’allungamento del percorso di gara, portato ad 8,500 km, con arrivo in località Antica stazione.
La 61a Salita Monti Iblei è promossa sul territorio dal Team Palikè Palermo e dal Comune di Chiaramonte Gulfi, in sinergia con la Muxaro Corse di Sant’Angelo Muxaro (AG) ed il gruppo dei Cinquecentisti Chiaramontani, con l’appoggio del Libero consorzio comunale (l’ex Provincia regionale di Ragusa), nonché dei vertici del Distretto turistico degli Iblei.
Ulteriori informazioni e curiosità sulla 61a Salita Monti Iblei potranno comunque essere facilmente reperite in qualsiasi momento da addetti ai lavori ed appassionati di motori sul sito internet ufficiale del Team Palikè Palermo: http://www.palike.it/smontiiblei.html oppure su Facebook: www.facebook.com/nicola.palike, www.facebook.com/events/61°SalitadeiMontiIblei. Altre informazioni reperibili su #salitamontiblei, quindi su Twitter, all’indirizzo: @FlavioLipani e su Linkedin, al medesimo indirizzo. Per tempi e classifiche “live” si potrà consultare il sito internet ufficiale della Federazione italiana Cronometristi: www.ficr.it .



 

ALTRE NOTIZIE

Curiosità, misteri e maledizioni: quello che non sai sulla roulette
Vincite record, credenze popolari e misteri
Spesso dietro a quello ch...
Leggi tutto
100 STUDENTESSE PER IL FUTURO DEL SUD ITALIA
100 STUDENTESSE PER IL FUTURO 
DEL SUD ITALIA
GIORNO DELLA MEMORIA 2021: Cori partecipa alla diretta streaming da Auschwitz
Quest´anno, a causa della pandemia, non potrà aver luogo la tradizionale visita istituzionale dell´Amministrazione Comunale alla ge...
Leggi tutto
ALCAMO: 45° ANNIVERSARIO DELLA STRAGE DI ALCAMO MARINA
L’Arma dei Carabinieri, anche quest’anno in cui ricorre il 45° anniversario in ricordo dell’Appuntato Salvatore F...
Leggi tutto
Giornata della memoria 2021
Il Coordinamento Nazionale dei Docenti della disciplina dei Diritti Umani in occasione della Giornata dell...
Leggi tutto
On. Assenza: "Approvare il ddl anti cyber bullismo è priorità"
Assenza: "Approvare il ddl anti cyber bullismo è priorità" Sulla stessa linea il Garante per l´infanzia, D´andrea, e la refe...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web