Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 09/08/2018 da Direttore

Sulle problematiche gestionali del Sistema di Accoglienza Straordinaria (immigrazione) in Provincia di Trapani

Sulle
Da più di 10 anni il movimento delle Cooperative Sociali della Provincia di Trapani, e in gran parte aderente a ConfCooperative, fornisce il suo contributo alla gestione sia dei flussi migratori, che del sistema di accoglienza e integrazione sociale dei migranti, siano essi rifugiati o migranti economici. In molti casi, specialmente all’inizio dell’ “Emergenza Migranti” tale contributo è stato espressamente richiesto e caldeggiato dalle varie Autorità Pubbliche, a cominciare dalla stessa Prefettura di Trapani, nella consapevolezza che solo la collaborazione fra Pubblico e Privato Sociale avrebbe potuto, in tempi brevi, dare risposte adeguate, all’esplosione del fenomeno.

Non si trattava solo di dare “ospitalità” alle migliaia di immigrati che da allora sono passati nel nostro territorio, ma soprattutto di mettere in atto tutte le strategie sociali necessarie ad evitare un eccessivo impatto sulle Comunità Locali. Da questo punto di vista possiamo certamente affermare che il modello di accoglienza diffusa, che per prima la Provincia di Trapani ha saputo strutturare in Italia, è stato un evidente deterrente contro fenomeni di devianza, intolleranza, razzismo e xenofobia. Infatti nonostante il numero elevato di presenze di adulti nei centri CAS e SPRAR e di strutture che accolgono minori stranieri non accompagnati, nonché la presenza dell’Hotspot sul territorio, non sono stati mai registrati eclatanti episodi di protesta, di intolleranze, di aggressione, di razzismo e di xenofobia e d’altro canto non si sono registrati fenomeni di aumento generalizzato della criminalità da parte degli stessi immigrati, che anzi in molti casi sono anche stati accolti dal sistema produttivo della Provincia.

Questo grande sforzo collettivo e integrato, che evidentemente non si è limitato a sole questioni di “ordine pubblico” ma ha richiesto approcci sociali multidisciplinari, è stato possibile grazie al lavoro di circa 700 operatori del settore sociale che quotidianamente lavorano al fine di garantire un servizio professionale, e dietro i quali possiamo contare altre centinaia di lavoratori di aziende dell’indotto che in questi anni hanno erogato le diverse forniture necessarie al servizio di accoglienza. 

Le nostre cooperative, hanno sempre garantito servizi qualitativamente elevati anche in condizioni di evidente difficoltà quali, in primis, i ritardi dei pagamenti (con un accumulo di almeno 6 mensilità). Ciononostante, negli ultimi mesi, abbiamo, nostro malgrado, dovuto registrare un irrigidimento delle Autorità Pubbliche , in particolare della stessa Prefettura di Trapani, nei confronti delle Cooperative/ Enti Gestori, soprattutto quelli impegnati nella gestione dei CAS, con controlli dal nucleo NAS dei Carabinieri ASP; Vigili del Fuoco; Ispettorato del Lavoro, Questura, ecc…. Peraltro i vari controlli hanno sempre dato esito positivo a ulteriore conferma che il sistema nel suo complesso è sano e opera nel rispetto delle regole convenzionali.
Nel frattempo la Prefettura di Trapani, a decorrere dal Novembre 2017, ha cambiato le regole della rendicontazione dei costi, non solo aggravando la situazione dei ritardi, già cronici, nei pagamenti, ma mettendosi anche in contrasto con le norme che disciplinano le modalità di gestione relative ai servizi ed alle forniture attraverso le procedure legate agli appalti pubblici.
Questo sta comportando per le cooperative ulteriori problemi di indebitamento, esposizione bancaria e mancati pagamenti ai lavoratori, ormai del tutto insostenibili, anche per la evidente sfiducia manifestata dalle istituzioni.

Confcooperative ha sempre tenuto una posizione chiara e netta contro le false cooperative, protagoniste di scandali, riportati alla ribalta nazionale attraverso i mass media, (Mafia Capitale, CARA di Mineo, etc) ed ha sempre provveduto ad allontanare quelle realtà, anche provinciali, che avessero dimostrato di operare al di fuori dei codici etici dell’organizzazione.

In virtù di ciò chiediamo, dunque, a nome e per conto delle nostre associate una civile rivisitazione della struttura gestionale dei rapporti tra le istituzioni e gli enti cooperativi, e la possibilità di prendere parte ad una trattativa che abbia lo scopo non solo di risolvere l’emergenza di natura economica del momento, ma soprattutto quello di creare le condizioni sufficienti e necessarie all’attuazione di politiche più responsabili e sostenibili. 
Solo il ripristino di una normale interlocuzione, in tempi celeri, all’interno dei tavoli istituzionali, che rispetti un sistema collaborativo, permetterà alle cooperative di proseguire negli impegni assunti.

Numeri: 
Oggi la Provincia di Trapani accoglie oltre 1.700 migranti mediante il sistema dei CAS in convenzione con la Prefettura di Trapani. Inoltre accoglie, favorendo l’integrazione nel contesto sociale comunitario almeno altri 400 migranti attraverso il sistema dello SPRAR; ed infine accoglie nelle strutture presenti almeno altri 300/400 minori stranieri non accompagnati; a tutti questi si devono sommare i numeri determinati dalla presenza dello Hotspot sul territorio di Trapani.
Il sistema dell’Accoglienza in provincia coinvolge, nel Privato Sociale, circa 700 lavoratori diretti (attraverso le Cooperative) e varie centinaia di lavoratori dell’indotto, e rappresenta quindi un importante asset economico del territorio.

Confcooperative, movimento cooperativo italiano e delle imprese sociali con finalità di tutela e rappresentanza degli enti cooperativi, è un ente al quale aderiscono le imprese cooperative di svariati settori.
In particolare ampia tutela viene riconosciuta alle cooperative sociali che, a differenza di altre tipologie di cooperative che gravitano nel contesto economico imprenditoriale, promuovono e perseguono valori importanti quali la partecipazione, la responsabilità, la solidarietà e l’integrazione dell’intera comunità in cui operano (art. 1 L.381/91). 

 

ALTRE NOTIZIE

GIORNATA NAZIONALE SULLA SLA: RACCOLTI 240.000 EURO
La raccolta fondi portata avanti il 16 settembre in 150 piazze italiane da 300 volontari di AISLA, Associazione...
Leggi tutto
Amato (Confintesa Sanità): La carenza record di infermieri in Sicilia grave danno alla salute dei cittadini
“L’analisi presentata dalla Federazione Nazionale degli ordini degli Infermieri è preoccupante e grave. Solo ...
Leggi tutto
CASTELVETRANO: WEEKEND DI CONTROLLI PER I CARABINIERI: QUATTRO ARRESTI.
Nel weekend appena trascorso i militari della Compagnia Carabinieri di Castelvetrano hanno incrementato i servizi di...
Leggi tutto
RIAPRE AMBULATORIO VACCINALE A BUSETO PALIZZOLO
Riattivato l’ambulatorio vaccinale dell’ASP a Buseto Palizzolo. Da domani, 19 settembre, ogni mercoledì sar&...
Leggi tutto
Dopo 15 anni don Giovanni D’Angelo lascia Buseto Palizzolo.
al primo ottobre il nuovo parroco sarà don Salvatore Cammilleri.
Sanità privata. Il centro dialisi Diaverum Italia annuncia 25 esuberi
Sanità privata. Il centro dialisi Diaverum Italia annuncia 25 esuberi, la Ugl sanità Sicilia chiama ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

AMACA su Il Servizio militare obbligatorio la c.d. leva era un grande momento di formazione e di crescita, era quel momento che sanciva la maturità "l´emancipazione" delle persone:
Molti giovani partivano sani e tornavano a casa DROGATI dopo 19 anni si sta scoprendo la VERITA´ sulla morte del Paracadutista SCIRE di Siracusa ( Laureato in Giurisprudenza) allora Ministro della Difesa Sergio MATTARELLA.


Simona Buts su Dichiarazione su mobilità docenti l. 107/2015 del ministro Bussetti:
sono una docente esiliata con 2 figli...dall´Abruzzo a Finale Emilia...per mantenere il mio posto ho dovuto lasciare i miei figli e vivere in condizioni di estrema difficolta´ dive ogni dignita´ e´ calpestata...spero tutto cio´ finisca presto e possa tornare a lavorare con serenita´ accanto ai miei figli di 12 e 14 anni


Scicolone Stefania su Dichiarazione su mobilità docenti l. 107/2015 del ministro Bussetti:
Spero che il ministro attui quanto sostiene. È necessario che questo incubo finisca al più presto. Troppi sono i disagi economici e psicologici che questo trasferimento ci ha causato. Ci aiuti ministro per favore. Ve ne saremo eternamente grati.


Giorgio su Nave Diciotti. Appello di Fava, Bartolo, Nicolini e Viviano al Presidente della Repubblica:
signor presidenteLei è il capo delle forze armate è Lei che come l´altra volta aiuti lo sbarco ne ha la possibilità.Grazie e mi scusi se l´ho disturbata


a su GAIA ANIMALI & AMBIENTE SI COSTITUIRA’ PARTE CIVILE:
GRAZIE SIETE MERAVIGLIOSI


Ludovico Vinci su Mazara del Vallo - XVI° Edizione, il Blues & Wine Soul Festival – Joe Castellano Band:
Come preannunciato ci sarò. Un caro abbraccio con tanti in bocca al lupo.


ELENA DODESINI su Aeroporti minori. M5S chiede rassicurazioni al Governo regionale:
inammissibile che nell era della globalizzazione si permetta lo sbando di un aeroporto che se pur piccolo aveva un movimento eccezionale di viaggiatori e turisti che incrementavano tantissimo l economia di TUTTA la PROVINCIA di TRAPANI. solo e sopratutto in Sicilia possono avvenire queste coseVERGOGNA!


roberto su Vela, windsurf, attività stimolanti che fanno bene. Sclerosi Multipla e sport all’aria aperta:
Buongiorno , ho letto per caso questo articolo , sono anch´io malato di sclerosi multipla e pratico windsurf , posso confermare quanto da voi scritto e sapere che esistono iniziative simili mi riempie il cuore , se aveste bisogno di una mano non esitate a contattarmi se posso volentieri


vito serra su Aeroporti minori. M5S chiede rassicurazioni al Governo regionale:
SIAMO SICURI CHE GLI ERRORI CHE HANNO COMPORTATO LA BOCCIATURA AL TAR, NON SIANO STATI FATTI DI PROPOSITO PER DANNEGGIARE ANCORA UNA VOLTA L´AEROPORTO DI TRAPANI ???


vito ingrande su Mazara del Vallo RACCOLTA DIFFERENZIATA:
E´ una vergogna che non siano applicate le OO.SS. sulla differeziata. Di fatto sono state abolite le isole ecologiche rionali e realizzate le isole ecologiche negozio per negozio contro le difettive sindacali. Sindaco intervieni


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web