Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 09/08/2018 da Direttore

Sulle problematiche gestionali del Sistema di Accoglienza Straordinaria (immigrazione) in Provincia di Trapani

Sulle
Da più di 10 anni il movimento delle Cooperative Sociali della Provincia di Trapani, e in gran parte aderente a ConfCooperative, fornisce il suo contributo alla gestione sia dei flussi migratori, che del sistema di accoglienza e integrazione sociale dei migranti, siano essi rifugiati o migranti economici. In molti casi, specialmente all’inizio dell’ “Emergenza Migranti” tale contributo è stato espressamente richiesto e caldeggiato dalle varie Autorità Pubbliche, a cominciare dalla stessa Prefettura di Trapani, nella consapevolezza che solo la collaborazione fra Pubblico e Privato Sociale avrebbe potuto, in tempi brevi, dare risposte adeguate, all’esplosione del fenomeno.

Non si trattava solo di dare “ospitalità” alle migliaia di immigrati che da allora sono passati nel nostro territorio, ma soprattutto di mettere in atto tutte le strategie sociali necessarie ad evitare un eccessivo impatto sulle Comunità Locali. Da questo punto di vista possiamo certamente affermare che il modello di accoglienza diffusa, che per prima la Provincia di Trapani ha saputo strutturare in Italia, è stato un evidente deterrente contro fenomeni di devianza, intolleranza, razzismo e xenofobia. Infatti nonostante il numero elevato di presenze di adulti nei centri CAS e SPRAR e di strutture che accolgono minori stranieri non accompagnati, nonché la presenza dell’Hotspot sul territorio, non sono stati mai registrati eclatanti episodi di protesta, di intolleranze, di aggressione, di razzismo e di xenofobia e d’altro canto non si sono registrati fenomeni di aumento generalizzato della criminalità da parte degli stessi immigrati, che anzi in molti casi sono anche stati accolti dal sistema produttivo della Provincia.

Questo grande sforzo collettivo e integrato, che evidentemente non si è limitato a sole questioni di “ordine pubblico” ma ha richiesto approcci sociali multidisciplinari, è stato possibile grazie al lavoro di circa 700 operatori del settore sociale che quotidianamente lavorano al fine di garantire un servizio professionale, e dietro i quali possiamo contare altre centinaia di lavoratori di aziende dell’indotto che in questi anni hanno erogato le diverse forniture necessarie al servizio di accoglienza. 

Le nostre cooperative, hanno sempre garantito servizi qualitativamente elevati anche in condizioni di evidente difficoltà quali, in primis, i ritardi dei pagamenti (con un accumulo di almeno 6 mensilità). Ciononostante, negli ultimi mesi, abbiamo, nostro malgrado, dovuto registrare un irrigidimento delle Autorità Pubbliche , in particolare della stessa Prefettura di Trapani, nei confronti delle Cooperative/ Enti Gestori, soprattutto quelli impegnati nella gestione dei CAS, con controlli dal nucleo NAS dei Carabinieri ASP; Vigili del Fuoco; Ispettorato del Lavoro, Questura, ecc…. Peraltro i vari controlli hanno sempre dato esito positivo a ulteriore conferma che il sistema nel suo complesso è sano e opera nel rispetto delle regole convenzionali.
Nel frattempo la Prefettura di Trapani, a decorrere dal Novembre 2017, ha cambiato le regole della rendicontazione dei costi, non solo aggravando la situazione dei ritardi, già cronici, nei pagamenti, ma mettendosi anche in contrasto con le norme che disciplinano le modalità di gestione relative ai servizi ed alle forniture attraverso le procedure legate agli appalti pubblici.
Questo sta comportando per le cooperative ulteriori problemi di indebitamento, esposizione bancaria e mancati pagamenti ai lavoratori, ormai del tutto insostenibili, anche per la evidente sfiducia manifestata dalle istituzioni.

Confcooperative ha sempre tenuto una posizione chiara e netta contro le false cooperative, protagoniste di scandali, riportati alla ribalta nazionale attraverso i mass media, (Mafia Capitale, CARA di Mineo, etc) ed ha sempre provveduto ad allontanare quelle realtà, anche provinciali, che avessero dimostrato di operare al di fuori dei codici etici dell’organizzazione.

In virtù di ciò chiediamo, dunque, a nome e per conto delle nostre associate una civile rivisitazione della struttura gestionale dei rapporti tra le istituzioni e gli enti cooperativi, e la possibilità di prendere parte ad una trattativa che abbia lo scopo non solo di risolvere l’emergenza di natura economica del momento, ma soprattutto quello di creare le condizioni sufficienti e necessarie all’attuazione di politiche più responsabili e sostenibili. 
Solo il ripristino di una normale interlocuzione, in tempi celeri, all’interno dei tavoli istituzionali, che rispetti un sistema collaborativo, permetterà alle cooperative di proseguire negli impegni assunti.

Numeri: 
Oggi la Provincia di Trapani accoglie oltre 1.700 migranti mediante il sistema dei CAS in convenzione con la Prefettura di Trapani. Inoltre accoglie, favorendo l’integrazione nel contesto sociale comunitario almeno altri 400 migranti attraverso il sistema dello SPRAR; ed infine accoglie nelle strutture presenti almeno altri 300/400 minori stranieri non accompagnati; a tutti questi si devono sommare i numeri determinati dalla presenza dello Hotspot sul territorio di Trapani.
Il sistema dell’Accoglienza in provincia coinvolge, nel Privato Sociale, circa 700 lavoratori diretti (attraverso le Cooperative) e varie centinaia di lavoratori dell’indotto, e rappresenta quindi un importante asset economico del territorio.

Confcooperative, movimento cooperativo italiano e delle imprese sociali con finalità di tutela e rappresentanza degli enti cooperativi, è un ente al quale aderiscono le imprese cooperative di svariati settori.
In particolare ampia tutela viene riconosciuta alle cooperative sociali che, a differenza di altre tipologie di cooperative che gravitano nel contesto economico imprenditoriale, promuovono e perseguono valori importanti quali la partecipazione, la responsabilità, la solidarietà e l’integrazione dell’intera comunità in cui operano (art. 1 L.381/91). 

 

ALTRE NOTIZIE

SIGEL MARSALA VOLLEY - Penultima di andata della stagione regolare in A2 femminile
Penultima di andata della stagione regolare in A2 femminile. La Sigel, contrariata per gli ultimi risultati patiti, ...
Leggi tutto
Pall.Trapani: Domani Conferenza stampa pregara
Domani, venerdì 16 novembre, alle ore 17.00, presso la sala stampa “Cacco Benvenuti” del Pala Conad, in prepa...
Leggi tutto
Trapani - Attività di rilancio dell´area portuale e Zone Economiche Speciali
Sono in fase di avvio i lavori della nuova stazione marittima di Trapani. Sono state approntate le progettualit&agra...
Leggi tutto
AGRIPESCA. Incontro con Assessore Bandiera
Toni Scilla: “Servono infrastrutture adeguate e sburocratizzazione del settore”.
Leggi tutto
Cga, il giorno dopo - Nota stampa del Movimento No Muos
Nell’udienza di ieri davanti al Consiglio di Giustizia Amministrativa di Palermo l´Avvocatura dello Stato non ...
Leggi tutto
Iniziative legali dissesti idrogeologici (Risarcimento ed intervento da parte della Regione Sicilia e altre autorità amministrative competenti)
In merito ai danni recati dal dissesto idrogeologico sul nostro territorio, verrà istituito un incontro press...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Paola natali su Canile Millemusi Messina i maltrattamenti e le morti continuano.:
Fate intervenire le forze dell´ordine


Luisa su Canile Millemusi Messina i maltrattamenti e le morti continuano.:
Condivido che certe persone non debbono gestire un lager di questo genere per i poveri animali


Valenziano su Il Parlamento vari una commissione d´inchiesta per accertare chi ha sollecitato l´ONU e lo deferisca alla magistratura per attentanto alla sovranità:
E....l´articolo del Codice Penale che punisce l´ "attentato alla sovranità nazionale" sarebbe il numero??


direttore su ALCAMO: un corso di apicoltura a Novembre:
Sig. Andrea per avere informazioni sul corso di apicoltore può farlo chiamando il numero di telefono 388-6926911 oppure inviando una email a: mimmo.barracco80@gmail.com


Andrea su ALCAMO: un corso di apicoltura a Novembre:
Quali sono i costi se ci sono del corso? Rilasciate attestato?


Rizzi ivana su Mazara del Vallo RACCOLTA DIFFERENZIATA:
Buongiorno,non so se sono sulla pagina giusta. Da giorni che chiamo i numeri riportati per il ritiro a domicilio di un vecchio elettrodomestico,nessuno risponde. Come posso fare?. Grazie anticipatamente


VITO su TRAPANI BIRGI: LA REGIONE PRENDE ANCORA TEMPO:
CI SONO ANCORA PERSONE CHE FANNO FINTA DI NON CAPIRE CHE LA REGIONE SICILIA E L´AEROPORTO DI PALERMO VOGLIONO LA CHIUSURA DI BIRGI !!!!!


Vittorio Carcò su Accademia di Sicilia - Convegno sul tema Aspetti diagnostici, eziologici e terapeutici dell´acufene:
Vorrei sapere se è possibile avere copia delle relazioni, sotto qualsiasi forma e ovviamente con le spese, comprese quelle del´eventuale spedizione, a mio carico. a mio carico..Grazie comunque per l´eventuale riscontro..Vittorio Carcò - Vico La palma,6 -09126 CAGLIARI tf.3280744108


Salvatore Bartolone su MARINA MILITARE: CONSEGNA DELLA BANDIERA DI COMBATTIMENTO A NAVE RIZZO A MILAZZO (ME):
Evento eccezionale. Oltre al ricordo del nostro caro Comandante, Luigi Rizzo, viene anche ricordata la sua impresa.Sono onorato di essere milazzese ed italiano.


AMACA su Il Servizio militare obbligatorio la c.d. leva era un grande momento di formazione e di crescita, era quel momento che sanciva la maturità "l´emancipazione" delle persone:
Molti giovani partivano sani e tornavano a casa DROGATI dopo 19 anni si sta scoprendo la VERITA´ sulla morte del Paracadutista SCIRE di Siracusa ( Laureato in Giurisprudenza) allora Ministro della Difesa Sergio MATTARELLA.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web