Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 10/01/2018 da Direttore

Perché includere? Urge un cambiamento etico in ogni essere umano

Perché Se diamo uno sguardo alla storia, nelle diverse società, passate e presenti, non possiamo fare a meno di annotare tutti i casi di estromissione, di allontanamento che hanno impedito di comprendere e vivere l’unione. Già dalla creazione Adamo scarica la responsabilità sulla donna che ha accanto e questa sul serpente, Caino si scaglia contro il fratello e lo uccide e, via via, fino ad arrivare ai nostri giorni in cui vediamo scene di femminicidio, di parricidio, infanticidio, matricidio, genocidio, di intere famiglie che vengono sgominate, di interi villaggi e nazioni annullate o ridotte allo stato di povertà strisciante. Assistiamo a un protagonismo, all’arricchimento a scapito di altre nazioni e popoli, adducendo motivazioni d’ogni genere, senza alcun rimorso, come le diverse forme di colonizzazione e neo-colonizzazione e le svariate guerre provocate, fino ai nostri giorni. Sembra che l’alterità piuttosto che essere un valore sia una paura da attaccare e annientare. Così è avvenuto e avviene a livello familiare, politico, economico…

Eppure tutto ci svela un valore assoluto che è quello dell’includere [dal lat. includĕre, in- e claudĕre «chiudere»], con significati diversi come chiudere dentro, contenere in sé, com-prehèndere. L’atto del racchiudere è quello più alto di unità, di ‘amore’ che troviamo in tutti i campi dell’esistenza: umana, ecologico-naturale, fisica, fisiologica e soprattutto in un contesto sociologico. Il bisogno, infatti, di creare cosmos, armonia, in greco κόσμος (kósmos) che significa “ordine”, è un’esigenza osmotica non solo delle creature animate ma inanimate. Inclusione è permettere e dare vita al seme, al bambino, al giovane, alla donna, all’adulto, all’anziano, sia nel campo vitale, familiare, sociale, lavorativo, culturale, religioso… comporta una complicità.

L’includere ha bisogno di due cardini essenziali: l’accettazione di chi accoglie e la disponibilità di chi è accolto. Solo in questo modo si crea integrazione, unione, vita. Se da ambedue le parti ci si autoesclude (e questo la natura non lo fa mai, l’uomo sì), si rifiuta l’altro e il dono che egli fa; nella stessa negazione è, in un certo qual modo, la morte di ambedue: se il seme che cade per terra non trova humus è destinato a morire e se, nonostante sia presente l’elemento organico, la semente è inefficace, si ha lo stesso effetto.

L’accogliere è, di per sé, un principio ontologico, riguarda cioè gli aspetti essenziali che servono a completare, sviluppare, vivificare. Il perché di tutto questo si trova nel diritto di essere immesso, quale componente essenziale (e non è appannaggio di alcuna cultura o nazionalità), al fine di realizzare il contenuto e il contenitore: il polo positivo senza la presenza di quello negativo è incapace di produrre luce e vita e questo al contrario. Dal momento in cui i due vengono a contatto, assumono un dovere di inclusione l’uno dell’altro perché ambedue diventano un valore. Qualora uno dei due punti focali non comprende questa funzione, occorre passare a in procedimento interventistico o educativo-pedagogico al fine di acquisire l’importanza dell’inglobare. L’includere, poi, porta unità, gioia, serenità, equilibrio, forza, arricchimento, collaborazione, crescita.

Esistono delle inclusioni naturali (e tutte dovrebbero essere tali se l’egoismo umano non prendesse il sopravvento) e altre che richiedono il consenso della nostra volontà, comunque sempre essenziali. Chi integrare? L’elenco sarebbe molto lungo, mi limito ad alcune categorie nell’ambito sociologico, segnalando che l’inclusione comporta un lavorio globale e personale, il superamento di determinate barriere, di pregiudizi e frontiere: psicologiche, politiche, sociali, culturali, economiche. Parlando della natura umana oserei dire che tutti gli uomini hanno il diritto di essere accettati dai propri simili senza esclusione alcuna poiché il contesto razziale (umano) è uno (esiste una sola famiglia umana e non più razze, semmai più etnie). Vi sono, però, alcune categorie che richiedono un’inclusione particolare per le condizioni nelle quali sono state ridotte, esse sono le minoranze di qualsiasi genere. Fino a quando la società non includerà adeguatamente chi vive ai margini della strada (prositute, clochart, portatori di disabilità, appartenenti a classi eterogenee,…) per renderlo compartecipe, valorizzandolo come soggetto, per farlo diventare responsabile, per fargli prendere coscienza, coinvolgendolo, e tutti non avranno i diritti sacrosanti di ogni essere umano, non sarà una società perfetta, anzi sarà sempre perdente, ecco perché è un dovere accogliere. Nel campo educativo, si chiede Roberto Carnero su Avvenire (del 3 maggio 2017), «l’inclusione è una ”ideologia” nefasta? O piuttosto è un dovere, una necessità etica prima ancora che ´amministrativa´? Anche perché il contrario dell’inclusione si chiama esclusione. E quest’ultima è la negazione di un vero approccio educativo. Bisogna però capire che cosa significa veramente includere (…) portare tutti i ragazzi, o quanto meno il maggior numero di ragazzi possibile, ai cosiddetti “obiettivi minimi”, raggiunti i quali si è in grado di seguire con profitto il successivo anno di corso».

Includere vuol dire anche togliere dall’isolamento, dalla solitudine, dalla paura, da un processo non-violento, malavitoso, criminale.

Oggi per inclusione s’intende, secondo una vecchia idea illuminista, “utilizzare” l’altro purché questi stia al proprio posto e, nonostante la legislazione lo avvicini alle istituzioni, si preferisce che rimanga nel proprio ambito, mortificando la democrazia e tutti gli altri organi di partecipazione attiva. Il risultato: allontanare i cittadini dalla gestione della cosa pubblica, disinteressandoli dal voto, non prendendo parte a tutto ciò che li possa coinvolgere in prima persona. La delega, poi, ha prodotto cittadini disincarnati dalla vita quotidiana del paese. Anche l’odio, la violenza, l’intolleranza, il razzismo, l’antisemitismo, il nazismo, il terrorismo, l’ingiustizia di qualsiasi matrice sono forme di esclusione. Il giudicare l’altro è una forma di violenza ed esclusione, come il non condannare e far silenzio è, in alcune circostanze (soprattutto da parte di chi detiene il potere), connivenza e complicità.

Siamo figli di un Dio che abbraccia e difende ogni persona. Egli è un Dio amore e speranza, un Dio che ama anche i nemici. Ci ha inclusi nella salvezza che è universale. Cristo non ha mai cacciato alcuno che a lui si è rivolto e non è morto per un solo uomo o per alcuni ma per tutti: quelli esistiti prima e quelli che verranno nei secoli. «Nessuno di noi – scrive l’Apostolo Paolo - vive per sé stesso o muore per sé stesso. Perché se viviamo, viviamo per il Signore, e se moriamo, moriamo per il Signore. E così, sia che viviamo, sia che moriamo, apparteniamo al Signore. Infatti Cristo è morto ed è tornato in vita per essere il Signore dei morti e dei vivi» (Rm 14, 7-9).

Č impellente che ci sia una ricomposizione della diversità dei popoli e una rivitalizzazione etica della società per comprendere tutti che al centro della creazione, della storia, della vita politica c’è la persona, il cittadino, soggetto primario di diritti e doveri, di salvezza.

 

ALTRE NOTIZIE

Messaggio del Fratel Biagio Conte all´ottavo giorno di preghiera, digiuno e opere di Riccardo Rossi
Ringrazio di cuore tutti i cittadini e le istituzioni che in questi giorni hanno manifestato la solidarietà e la vicinanza. Ringrazio il Presid...
Leggi tutto
A San Vito Lo Capo strade piu sicure con le isole pedonali
Un intervento capillare per rendere più sicura la viabilità a San Vito lo Capo, con particolare attenzione ai pedoni: l’Amministrazione ...
Leggi tutto
Trapani Calcio comunica la cessione al Novara con la formula del prestito con diritto di riscatto del calciatore Federico Maracchi
La Società Trapani Calcio comunica la cessione al Novara con la formula del prestito con diritto di riscatto del calciatore Federico Maracchi. ...
Leggi tutto
Nella Terra del Gattopardo i Sindaci si scambiano le poltrone in seno all´ANCI
“Azzerare le distanze e le diversità per conoscere e gestire al meglio due amministrazioni apparentemente lontane ma accomunate dalla volont&ag...
Leggi tutto
Trapani: Bologna incontra il segretario della CGIL
Disoccupazione, lavoro nero e sommerso, norme che regolano il contratto di lavoro, legalità, sviluppo economico e turistico. Questi i temi al ...
Leggi tutto
Scegli Trapani, guidato dall´avv. Salvo D´angelo, presenterà ufficialmente la scuola di formazione politica
Venerdì 19 Gennaio, alle ore 17.30 presso l´’Accademia di belle Arti Kandinskij, in Via Cappuccini, a Trapani, il movimento Scegli Trapani, gu...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Ethan su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
Ciao, sei hanno bisogno di un prestito urgente e sicura di qualsiasi tipo? Offriamo prestiti a soggetti privati ed enti cooporate, siamo una società di prestito stimabile e registrata situato negli Stati Uniti d´America (USA), offriamo prestiti a tasso di interesse del 3%, un prestito molto veloce e affidabile con 3 giorni. Contattaci oggi sul nostro e-mail: ethanloans@financier.com


laura su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
Salve Sig.r. & Sig.ra Vi offro un prestito di 2.000€ a 3.000.0000€ in grado di ripagare con gli interessi al 2 a 3% . E-mail: lauracredito2000@gmail.com WHATSAPP :+33682540740


Cassano su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
whatsapp:+33756837773 Metto a vostra disposizione un prestito a partire da 5.000,00 € ha 1.000.000,00 € a condizioni molto semplice ad ogni persona che può rimborsare. Faccio anche investimenti e prestiti tra privato di qualsiasi tipo. Email:lucianocassano09@virgilio.it whatsapp:+33756837773


Larry Fox su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
Hai provato a ottenere prestiti dalle banche senza successo? Hai urgente bisogno di denaro per uscire dal debito? Hai bisogno di soldi per l´espansione o la creazione della tua attività? Per ulteriori informazioni, si prega di contattare via e-mail: larryfox2017@gmail.com


annak su L’Inps contro le pagine fake di Facebook:
Sono un prestatore di prestiti privati ​​e investitori, è necessario un prestito legale, onesto, affidabile e veloce? Posso aiutarti Offerta di prestito con garanzia del 100% per aziende e privati Prestiti, Plus finanzia anche tutti i tipi di lavori. per maggiori informazioni contattaci all´indirizzo e-mail kowaanna22@gmail.com


luis fabian su L’Inps contro le pagine fake di Facebook:
Buongiorno amici il mio nome è Fabian splendono e sono di Equatore. Se hai bisogno di un certo tipo di prestito tra 1000 e 1000000 EUR per tuo vari progetti, non dubitate contattarne ad un cavaliere che lo aiuterà a soddisfare tra le 72ore al massimo e senza alcuna difficoltà n´difficoltà. molte persone hanno provato ed hanno testimoniato. è qui il suo indirizzo:Sebastienfernand84@gmail.com


VITO su Nel Mediterraneo, la Colombaia rappresenta un forziere ricco di storia:
IO AVREI LA SOLUZIONE A TUTTI I PROBLEMI : TAGLIARE LA TESTA A TUTTI I FALSI GOVERNANTI PERCHE´ E´ DA LA CHE PUZZANO !!!


GIUSEPPE CHINELLI su Bonanno: "Il Commissario Provinciale si attivi per il completamento della SP38" che ad oggi desta pericolosità:
In contatto con me : (giuseppe.chinelli0@libero.it) In contatto con me Whataspp : +229-96-93-70-99 Ciao Signore / Signora , Let me in contatto con voi in questo Giorno. Vi offro un prestito di 5.000 € a 99.000.000 di EURO per tutte le persone in grado di ripagare con gli interessi al tasso del 2% per chiunque sia interessato scrivimi, persona non seri astenersi. Appena onesto ed affidabile. In contatto con me : (giuseppe.chinelli0@libero.it) In contatto con me Whataspp : +229-96-93-70-


GIUSEPPE CHINELLI su L’Inps contro le pagine fake di Facebook:
In contatto con me : (giuseppe.chinelli0@libero.it) In contatto con me Whataspp : +229-96-93-70-99 Ciao Signore / Signora , Let me in contatto con voi in questo Giorno. Vi offro un prestito di 5.000 € a 99.000.000 di EURO per tutte le persone in grado di ripagare con gli interessi al tasso del 2% per chiunque sia interessato scrivimi, persona non seri astenersi. Appena onesto ed affidabile. In contatto con me : (giuseppe.chinelli0@libero.it) In contatto con me Whataspp : +229-96-93-70-


Elena Calore su L’Inps contro le pagine fake di Facebook:
Vera prova di un prestito serio acquisito, quando le banche o i parenti non possono seguirli, è bene di sapere che esiste una mutua assistenza da qualche parte. Dopo numerosi rifiuti di cartella da parte delle banche, ho avuto il mio prestito di 350.000,00 euro tramite la signora VERUSCHKA PIAZZA che la ha messa in contatto con il sig. giusto del nome GIUSEPPE CHINELLI. E-mail: giuseppe.chinelli0@libero.it


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

powered by
First Web