Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Un caffè con... il 18/11/2017 da Direttore

L’INPS revoca la pensione ad un condannato per associazione mafiosa: il Giudice del Lavoro dispone il ripristino della pensione

Il Giudice del Lavoro del Tribunale Civile di Teramo, Dr.ssa Daniela Matalucci, con sentenza emessa e pubblicata nel mese di Ottobre 2017 ha accolto un ricorso presentato dall’Avv. Fabio Cassisa, del Foro di L’Aquila, con il quale il Legale domandava l’annullamento del provvedimento di revoca della pensione di invalidità civile disposta dall’INPS nei confronti di un suo assistito, il Sig. L.S., soggetto condannato per gravi reati cc.dd. ostativi (tra cui quello previsto dall’art. 416 bis cp), attualmente sottoposto a sospensione della pena per gravi motivi di salute. La revoca della pensione era stata disposta in base all’art. 2, commi 58/63 L. n. 92/2012 (meglio nota come Legge Fornero), la quale prevede detta sanzione a carico di soggetti condannati per alcuni dei reati cc.dd. ostativi (quelli più gravi, ritenuti di maggior allarme sociale, quale l’associazione mafiosa) fino al termine del periodo di esecuzione della pena inflitta. Con la predetta sentenza il Giudice del Lavoro di Teramo ha giustamente annullato il provvedimento di revoca emesso dall’INPS, con conseguente ordine di ripristino della prestazione assistenziale a favore del ricorrente, condannando l’ente previdenziale al versamento degli arretrati dovuti dalla revoca in poi. Si tratta del primo provvedimento giudiziario in Italia che dispone in tal senso. L’INPS, in base alla suddetta normativa e su disposizione del Ministero della Giustizia, ha cominciato a revocare le prestazioni assistenziali solo a partire dal mese di maggio del 2017, nonostante la norma sia in vigore dal 2012. Il ricorso del Legale del ricorrente, Avv. Fabio Cassisa, era fondato su due distinti motivi di doglianza, entrambi di rilievo costituzionale. Con il primo motivo il Legale del ricorrente ha dedotto come la normativa in questione non possa ritenersi applicabile nei confronti di soggetti non detenuti (perché in sospensione della pena per motivi di salute - come il proprio assistito -, o anche perché sottoposti a misure alternative alla detenzione, quali la detenzione domiciliare o l’affidamento in prova ai servizi sociali), ancorchè condannati in via definitiva per i gravi reati previsti dalla normativa in questione. Ciò in quanto diversamente si incorrerebbe nella violazione dell’art. 38 Cost., il quale prevede come principio assoluto che ogni cittadino inabile al lavoro e provvisto dei mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento ed all’assistenza sociale. Con il secondo motivo il Legale del ricorrente, ritenendo che la misura della revoca delle prestazioni assistenziali costituisca una sanziona amministrativa accessoria alla condanna penale e che, dunque, detta sanzione abbia natura penale, ha eccepito come la stessa non possa trovare applicazione retroattiva, in quanto diversamente detta normativa finirebbe col violare l’art. 25 Cost., il quale dispone l’irretroattività della legge in ambito penale e, dunque, anche delle sanzioni accessorie a condanna penale (nel caso di specie, il reato era stato commesso dal ricorrente prima dell’entrata in vigore della norma). La pronuncia assume grande rilevanza giuridica, anche in considerazione del fatto che con essa il Giudice del Lavoro, sulla base dei motivi di ricorso, pur non rimettendo la questione alla Corte Costituzionale – come richiesto dal Legale del ricorrente - per mancanza di specifica rilevanza nel caso sottoposto alla sua attenzione, ha dato una lettura costituzionalmente orientata della norma e nelle motivazioni della sentenza ha individuato i criteri ermeneutici a sostegno della natura penale della sanzione accessoria, assumendo come non possa legittimarsi alcuna applicazione retroattiva della sanzione accessoria della revoca della prestazione assistenziale, pena l’illegittimità costituzionale del disposto normativo. Come detto, si tratta della prima pronuncia in ambito nazionale che abbia disposto il ripristino del diritto pensionistico in favore di un soggetto condannato per reati ostativi a seguito della revoca della prestazione in base alla Legge Fornero. La pronuncia è destinata ad avere eco e risalto nazionale, anche per la grande rilevanza economica della questione, posto che, secondo dati INPS, in ambito nazionale le prestazioni assistenziali revocate in base alla normativa sopra richiamata sarebbero circa 15.000. In considerazione della novità della questione giuridica posta alla Sua attenzione, il Giudicante ha, infine, disposto per la metà la compensazione delle spese di lite, condannando per la seconda metà l’INPS alla refusione delle spese legali sostenute dal ricorrente. Grande soddisfazione è stata espressa da parte del Legale, Avv. Fabio Cassisa, il quale ritiene evidenziare l’importanza della pronuncia (allo stato non impugnata dall’INPS), in quanto la stessa, anche se indirettamente, ha ribadito come tutte le leggi ordinarie, anche quelle che riguardano provvedimenti afflittivi nei confronti di soggetti condannati per gravi reati, debbano rispettare la carta costituzionale, che enuncia i principi cardine dell’ordinamento giuridico italiano e del vivere civile e democratico, quali quelli enunciati negli artt. 25 e 38 Cost.

 

ALTRE NOTIZIE

Il responsabile provinciale romano del movimento Italia dei Diritti Carlo Spinelli scrive ai sindaci in merito alle inadempienze salariali della Ago uno
Il responsabile provinciale romano del movimento Italia dei Diritti Carlo Spinelli invia una lettera ai sindaci dei comuni dove opera in appalto l’...
Leggi tutto
Il 25 luglio alle Orestiadi di Gibellina tre appuntamenti
Alle 18:00 presentazione
QUI SONO I MIEI SOGNI
Leggi tutto
Trapani - Potenziato il servizio di controllo e vigilanza per il rispetto delle norme che regolano il conferimento dei rifiuti
Il rispetto per il decoro urbano e la pulizia della città passa anche attraverso severi controlli verso quei ...
Leggi tutto
104 anni per nonna Maria di Marsala
E sono 104. Questa l´età di Maria Gucciardi Maria vedova di Michele Torre (barbiere di c.da Fontanelle), che ...
Leggi tutto
Valderice - Giornata ecologica della costa valdericina denominata Ripuliamo il Litorale
Considerando il notevole incremento delle presenze lungo il litorale costiero della stagione estiva e l´indiscrimina...
Leggi tutto
Mazara del Vallo LA TV9 TUNISINA INTERVISTA IL SINDACO CRISTALDI
Il Primo Cittadino risponde al giornalista Moez Ben Gharbia
La C...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

vito serra su Rifiuti. Lupo: Musumeci come Ponzio Pilato, scarica le responsabilità sui Comuni:
ABBIAMO FATTO UN´ALTRO OTTIMO ACQUISTO !!!


Antonino su ANAS - CONCORSO INTERNAZIONALE AL MERITO SOCIALE “ARTI E MESTIERI”:
Per me il premio se lo.meritaIo il dott mario liberto, giornalista, scrittore animatore musicista ecc un grande personaggio da tantiun siciliani


Roasario Mazarese su Calatafimi, don Campo festeggia 60 anni da prete:
Auguri Padre Campo francesco Di altri sessanta anni di ordinamento dal Parrocchiano Rosario lontano per necessità lavorative ( dia un saluto a mio Padre Giovanni se non impossibilitato ) il tempo inesorabbile trscorre


carlo su Governo riferisca in aula su crisi Riscossione Sicilia:
Salve,guarda caso L´On.Cracolici si accorge proprio adesso della situazione di Riscossione Sicilia e non durante il precedente governo regionale quando era assessore regionale.Forse no ricorda quando una nostra delegazione lo ha incontrato prospettandogli la situazione in cui versava la società.Io al suo posto mi vergognerei.


GERARD su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
offrono prestiti tra particolare Avete bisogno di un prestito?   Rufus la banca per voi Un prestito, noi siamo qui per aiutarvi finanziariamente, Per il vostro prestito immediato qualsiasi importo In qualsiasi destinazione. La vostra felicità è la nostra priorità. Tutto quello che dovete fare ora è quello di entrare in contatto Scrivici (gerardrafinon@gmail.com) WHATSAPP : +33756897323


GIUSEPPE MIGNACCA su AIC Sicilia, Giuseppina Costa e gli sviluppi che avrà sulla popolazione celiaca siciliana il “decreto Razza”:
Spero i medici di base saranno informati di questo protocolo, io ho dovuto pagare per un follow.up richiestomi dalla asl dopo il controllo annuale.


Angelo Carollo su Per far ripartire Trapani non servono sogni, investimenti mastodontici ma serve avere una strategia:
Ricordatevi che se vi promettono il ponte fate attenzione che sotto ci sia il fiume altrimenti avranno la scusa facile per giustificare la promessa non mantenuta


Angelo Carollo su Per far ripartire Trapani non servono sogni, investimenti mastodontici ma serve avere una strategia:
D´accordo con la Signora Monica. Invece Signora Mariarosa tutti faranno di tutto per mantenere lo scalo ma chi ha facoltà decisionale in quello non è di certo il comune di Trapani. Siamo di fronte ad una politica regionale che mira ad accrescere i grossi centri. Di certo nessuno mollerà la questione ma chi le prometterà l´aeroporto stia tranquilla che non ha i poteri per mantenere la promessa.


MR WILLIAMS su IPAB: UGL “IERI SIT-IN, SIAMO CON I LAVORATORI ”:
Enviar esta empresa legítima por correo electrónico; willianloanfirm6@gmail.com, whatsapp +1(214)305-8945, para un pr´stamo real. Recibí mi pr´stamo de ellos despu´s de leer acerca de sus ofertas de pr´stamos aquí en Facebook y mis deudas están completamente resueltas ahora


Mirko Rimessi su L’A.S.D. Polisportiva Saline Trapanesi alla 2^ Placentia Roller Half Marathon:
Ciao, la foto usata è di libero utilizzo (è nostra come organizzatori della gara di Ferrara) vi chiedo però di inserire l’autore Isabella Gandolfi.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web