Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Un caffè con... il 03/11/2017 da Direttore

Fino a quando gli obbligazionisti del Monte dei Paschi di Siena dovranno attendere?

Fino
Il 30 ottobre 2017 avrebbe dovuto iniziare l’offerta di scambio azioni-obbligazioni attraverso la quale il Tesoro si impegna a rilevare le azioni che sono state assegnate ai detentori di bond subordinati del Monte dei Paschi di Siena in cambio di obbligazioni senior di nuova emissione della banca senese. E invece, stando a un comunicato dello stesso istituto di credito, l’offerta non può partire in quanto il ministero del Tesoro non ha ancora emanato l’apposito decreto pur avendo stanziato 1,5 miliardi di euro a servizio dell’operazione.

Nella stessa nota l’istituto sottolinea che “ove per qualsivoglia ragione il Ministero dell’Economia e delle Finanza non adotti il predetto decreto o, comunque, non lo pubblichi (ad esito dell’apposizione del visto sullo stesso da parte della Corte dei Conti) in tempo utile per avviare l’offerta e tenere la data di scambio entro il 25 novembre 2017, l’offerta non potrà essere finalizzata e si intenderà decaduta”.Che ci potessero essere delle difficoltà lo si era capito alla vigilia del ritorno in Borsa di Montepaschi quando la banca, oltre al comunicato stampa con cui annunciava il via libera della CONSOB al prospetto informativo, ha diffuso una nota in cui chiariva che il documento d’offerta relativo allo scambio azioni-bond non sarebbe stato pubblicato fino a quando la CONSOB non avesse ricevuto copia del decreto emanato dal Tesoro. Quella che fino a ieri pareva una remota possibilità, la decadenza dell’offerta, assume oggi tutta un’altra valenza alla luce dei ritardi del Tesoro. Il termine del 25 novembre è perentorio e potrà essere forse prorogato dal decreto stesso, ma modalità e tempistiche dell’operazione sono state concordate con le autorità di vigilanza e con Bruxelles e con ogni probabilità l’iter per ottenere una proroga rischia di essere lungo, senza considerare la figuraccia. E’ mai possibile che un’operazione studiata per mesi in tutti i dettagli si fermi alla vigilia dell’avvio? Per quale ragione il decreto non è ancora stato emanato? Viene il sospetto che la banca e le autorità italiane, peraltro assistite da prestigiosi advisor (Deloitte e lo studio legale Orrick per il Tesoro e Mediobanca per MPS), abbiano affrontato ancora una volta con improvvisazione e senza curarsi dei dettagli un dossier delicato, guarda caso proprio quello che riguarda i rimborsi ai risparmiatori.

Fonti del ministero hanno assicurato che il decreto dovrebbe essere pronto in un paio di giorni, senza però spiegare le ragioni del ritardo e, anzi, scaricandone la responsabilità sulla banca.

Intanto all’inizio della scorsa settimana il Montepaschi di Siena ha fatto il suo rientro in Borsa anche se al buio e con tante incognite.Al momento non si è a conoscenza dei numeri di Montepaschi ma, stando a quanto scrive la stessa banca nel prospetto informativo, non c’è da aspettarsi molto di buono; infatti, le azioni sono state “prudenzialmente” valorizzate 4,28 euro a fronte dei 6,49 euro pagati dal Tesoro, cioè il 34% in meno. Si tratta, naturalmente, di un prezzo teorico che ha consentito il rientro in Borsa dell’Istituto di credito dopo 10 mesi di sospensione delle contrattazioni. In questi ultimi mesi è successo di tutto di cui si è saputo poco o niente a parte il fatto che i contribuenti, attraverso il Tesoro, sono stati costretti ad immettere altri miliardi di euro nell’istituto senese per ricapitalizzarlo. Quale sia oggi lo stato di salute del Monte dei Paschi di Siena non è possibile sapere. Solo l’approvazione e la presentazione dei conti del terzo trimestre 2017, inizialmente prevista per il 27 ottobre e poi rinviata al 7 novembre, potrà illuminarci. Tale ritardo ha indotto i grandi investitori, come il fondo statunitense Bridgewater, a scommettere contro l’Italia e le sue banche vendendo grossi pacchetti azionari allo scoperto. Da parte loro le agenzie di rating, come Moody’s, puntano nuovamente il dito sugli elementi di debolezza che caratterizzano il nostro sistema con particolare riferimento all’ammontare dei crediti in sofferenza e all’eccessiva esposizione dei portafogli bancari ai titoli di Stato italiani. A furia di raccontare che il peggio è passato, il Governo e in molti casi gli stessi banchieri “di sistema”, come il presidente dell’ABI Antonio Patuelli, hanno finito con il crederci davvero.

Con le attuali condizioni di mercato e il livello dei tassi d’interesse sarà molto difficile che Montepaschi possa crescere più della media: la sua redditività resta bassa come ha sottolineato a più riprese la stessa BCE. La banca rischia inoltre di dover operare nuovi pesanti accantonamenti sui crediti qualora le linee guida di Francoforte sulla valutazione delle sofferenze dovessero restare confermate “nei medesimi termini rappresentati in sede di consultazione”. Quest’eventualità, si legge nel prospetto, potrebbe determinare il “mancato raggiungimento degli obiettivi del piano di ristrutturazione” e, allora, per la banca potrebbe riaprirsi no scenario catastrofico già dai prossimi mesi, senza contare che nel primo semestre 2018 MPS sarà nuovamente sottoposta agli stress test. Si deve sempre tenere in conto che l’incidenza dei crediti deteriorati è destinata a pesare a lungo sui bilanci dell’istituto visto che “permane superiore a quella dei primi cinque gruppi bancari italiani” e che – come sottolinea lo stesso prospetto informativo – il valore atteso al 31 dicembre 2019 e al 31 dicembre 2021 “risulta superiore rispetto al corrispondente dato medio delle banche europee riferito al 31 dicembre 2016”. In tale situazione appaiono quantomeno risibili le dichiarazioni del ministro del Tesoro, Pier Carlo Padoan, che la scorsa estate classificò come un “buon affare” l’ingresso dello Stato nel capitale del Montepaschi, per non parlare di quelle dell’ex premier, Matteo Renzi, che a fine 2015 invitava ad acquistare azioni della banca “ormai risanata”.

Francesco Gallo

 

ALTRE NOTIZIE

GRAZIE AL CONTRIBUTO DI FEDERFARMA PALERMO NASCE IL PRIMO AMBULATORIO D’ITALIA PER LA CURA DELLA LEUCEMIA IN GRAVIDANZA E IN ETA’ FERTILE.
L’INIZIATIVA E’ NATA DOPO IL PRIMO CASO AL MONDO DI PARTO E GUARIGIONE
Libertas, ultima dell´anno in casa con sorprese
Si gioca domenica prossima al “PalaTreSanti” l’ultima gara del 2018 del campionato di basket di serie C Silver. Ad A...
Leggi tutto
Pall.Trapani: I numeri di Biella
Ambiente sempre carico, i vari giovani del vivaio che crescono, quel basket aggressivo e veloce che è ormai u...
Leggi tutto
ENTELLO VOLLEY: VERSO LA 6^ GIORNATA
Si va verso la sesta giornata nei rispettivi campionati di Serie D per le due compagini dell´Erice Entello, che sara...
Leggi tutto
Erice - CHIUSURA DEL REPARTO NASCITE CLINICA S.ANNA: LA PREOCCUPAZIONE DEL SINDACO DANIELA TOSCANO
Esprimo la mia fortissima preoccupazione dopo aver appreso dalla stampa la notizia della imminente chiusura del repa...
Leggi tutto
MILITARE: AVVICENDAMENTO AL COMANDO MARITTIMO SICILIA
Segui le novità della #MarinaMilitare live su Twitter (@ItalianNavy #ProfessionistiDelMare #ilTuoFuturo&eg...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Francesco su MARSALA. CENTRO STORICO AREA PEDONALE:
In altre vie i mezzi di soccorso e di polizia nonch´ ai residenti, mentre per i residenti della Via Caturca, considerati per cittadini di serie B possono morire, in quanto se qualcuno ha un malore lo devono avere nelle ore diurno. Aprite la predetta Via ; state facendo un illecito. Grazie per averci seppelliti. Il turismo a Marsala arriva anche con la Via Caturca aperta. Preoccupatevi più per i residenti e non per i ristoranti. Auguratevi che non succeda mai nulla. Non sottovalutate


direttore su Custonaci approvati due cantieri di lavoro:
Provi a scrivere al Comune: comunicazione@comunecustonaci.it


Spada vito su Custonaci approvati due cantieri di lavoro:
Buongiorno vorrei sapere come candidarmi per i cantieri di lavoro del comune di custonaci. Nell´attesa della vostra cortese risposta invio distinti saluti


aldo castellano su Trapani - Controlli della Polizia Municipale su uso cellulare durante guida:
Solo 5? La città ne è piena, come pure dei trasgressori del semaforo e di quelli che parcheggiano all´angolo delle strade, dopo le strisce blu. Con le contravvenzioni si potrebbe impinbguare le casse del comune e contemporaneamente educare i cittadini..


Paola natali su Canile Millemusi Messina i maltrattamenti e le morti continuano.:
Fate intervenire le forze dell´ordine


Luisa su Canile Millemusi Messina i maltrattamenti e le morti continuano.:
Condivido che certe persone non debbono gestire un lager di questo genere per i poveri animali


Valenziano su Il Parlamento vari una commissione d´inchiesta per accertare chi ha sollecitato l´ONU e lo deferisca alla magistratura per attentanto alla sovranità:
E....l´articolo del Codice Penale che punisce l´ "attentato alla sovranità nazionale" sarebbe il numero??


direttore su ALCAMO: un corso di apicoltura a Novembre:
Sig. Andrea per avere informazioni sul corso di apicoltore può farlo chiamando il numero di telefono 388-6926911 oppure inviando una email a: mimmo.barracco80@gmail.com


Andrea su ALCAMO: un corso di apicoltura a Novembre:
Quali sono i costi se ci sono del corso? Rilasciate attestato?


Rizzi ivana su Mazara del Vallo RACCOLTA DIFFERENZIATA:
Buongiorno,non so se sono sulla pagina giusta. Da giorni che chiamo i numeri riportati per il ritiro a domicilio di un vecchio elettrodomestico,nessuno risponde. Come posso fare?. Grazie anticipatamente


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web