Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 21/09/2017 da Direttore

Apre a Selinunte il Museo di Baglio Florio con la mostra Thois Theiois. Selinunte e le forme della fede: Architettura e riti dall’Età arcaica all’ellenistica

Apre
Conclusi i lavori di completamento ai fini museali di Baglio Florio a Selinunte (Castelvetrano). La grande struttura industriale Ottocentesca un tempo destinata alla produzione del vino, dal 22 settembre alle ore 17,30 aprirà le sue porte ai visitatori nella sua nuova veste di museo archeologico, grazie alla chiusura dei lavori finanziati con il programma europeo PO FESR 2007-2013.

Alla cerimonia di apertura saranno presenti l’Assessore regionale ai Beni Culturali Aurora Fratoianni, la Dirigente Generale Maria Elena Volpes e il Direttore del Parco archeologico di Selinunte Enrico Caruso. Saranno presenti, inoltre, Pietro Sciortino, Commissario straordinario del C.d.A. del Parco, il Prof. Clemente Marconi e, inoltre, la Console Generale USA per il Sud Italia, Mary Ellen Countryman.

La Mostra dal titolo Thois Theiois. Selinunte e le forme della fede: Architettura e riti dall’Età arcaica all’ellenistica, frutto della fattiva collaborazione tra alcune delle più importanti istituzioni e Università che da anni operano nel Parco di Selinunte, sarà ospitata nel vasto ambiente caratterizzato dai grandi archi acuti e presenterà le più recenti acquisizioni in campo archeologico.

Ideata dal direttore del Parco archeologico di Selinunte e Cave di Cusa, Arch. Enrico Caruso, la mostra presenterà importanti aspetti che caratterizzavano la fede religiosa dell’antica città greca: l’architettura sacra e i riti in onore degli Dei.

Particolarmente vistosa sarà la presenza della più antica architettura dorica, il Tempio Y, un tempio periptero di dislocazione sconosciuta i cui resti riusati nelle fortificazioni di Porta Nord sono da oggi assemblati in fondo alla vasta sala, incorniciati dagli archi trasversi. Il progetto immaginato dal Prof. Dieter Mertens, oggi direttore emerito del DAI – Istituto Germanico di Roma – è stato portato a compimento dal Direttore dei Lavori arch. Carmelo Bennardo, la cui opera è stata eseguita con il coordinamento amministrativo dal RUP, Arch. Luigi Biondo.

Un secondo aspetto di assoluta novità su Selinunte, dall’Età arcaica all’ellenistica, sarà quello studiato dai Prof. Clemente Marconi e Rosalia Pumo dell’Institute of Fine Arts dell’Università di New York. Grazie ai prestigiosi e copiosi ritrovamenti archeologici effettuati dalla missione americana nel più antico tempio in pietra della città, il tempio R, possiamo conoscere i riti di fondazione di un tempio in una città greca di frontiera, testimoniati tra le altre cose, dalle punte di lancia incrociate infisse nel terreno dai primi coloni proprio al momento della presa di possesso del territorio. Un antico vaso corinzio datato proprio al momento dell’insediamento sul sito, usato nella copertina della mostra, dialoga con l’aulos, uno strumento a fiato in osso che testimonia l’esistenza di cerimonie religiose ritmate dal suono nelle feste in onore della divinità cui il tempio sembra fosse dedicato, la Dea Demetra, come attestano i ritrovamenti di sacrifici animali, arieti e maiali principalmente, nonché le lucerne legate ai riti notturni, generalmente osservati in onore della Dea.

La mostra si concluderà con uno sguardo sui tetti dei templi selinuntini, studiati dalla Prof. Maria Clara Conti dell’Università di Torino, caratterizzati dalla presenza di grandi cornici in terracotta, quasi sempre di grandi dimensioni, che decoravano le sommità dei templi. Le parti aeree degli edifici sacri si distinguevano allora per una fitta, vistosa e ricca policromia, espressione originalissima dell’arte selinuntina in onore degli Dei; le cornici testimoniano oggi la ricchezza e l’inventiva degli artigiani della città i quali, pur rifacendosi a stilemi della Grecia continentale, seppero donare alle loro opere non solo una dimensione inusitata ma anche una forza ed una magnificenza che trova ben pochi confronti tra le colonie greche di Sicilia.

Un aperitivo offerto dalle Cantine Settesoli e dall’I.PS.E.O.A. “V. Titone” di Castelvetrano chiuderà l’evento.

 

ALTRE NOTIZIE

OPERAZIONE DEI CARABINIERI: ESEGUITE 3 MISURE CAUTELARI. DIVIETO DI DIMORA PER IL SINDACO DI ERICE
I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Trapani, hanno notificato al Sindaco di Erice, TOSCANO PERCORELLA Daniela la misura ...
Leggi tutto
donne in Bikini nella villa imperiale di Piazza Armerina
Il costume da bagno è uno degli accessori più amato e ancor più temuto dalle donne: c’è un costume per assecondare le esig...
Leggi tutto
SELCIATO A ERICE E PERCORSI PER IPOVEDENTI. L’Amministrazione raccoglie le proposte alternative delle Associazioni.
A seguito di quanto occorso, raccogliendo il messaggio di apertura dell’Amministrazione, abbiamo chiesto un incontro....
Leggi tutto
AMERICAN EXPRESS LANCIA “VIAGGIO IN ITALIA”
UNA PIATTAFORMA DI GUIDE TEMATICHE PER ESPLORARE L’ITALIA E RISCOPRIRE LA BELLEZZA UNICA DEL NOSTRO PAESE Leggi tutto
COMUNICAZIONE URGENTE RINVIO CANTIERI DEL GUSTO _ PARCO ARCHEOLOGICO DI SELINUNTE
Si avvisano i signori visitatori che il previsto appuntamento per la Mietitura prevista per il 9 luglio alle ore 1...
Leggi tutto
Marsala Riparte!
Continua la campagna di promozione turistica per Marsala organizzata dalla task force Marsala Riparte. Le 4 assoc...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIŮ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web