Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Sport il 18/09/2017 da Direttore

Antonio Di Giuseppe, il campione alcamese con cuore e testa

Antonio
«Alcamo ha tutto quello che una città grande può desiderare e sognare, e non potrà mai avere». Parole di Antonio Di Giuseppe, 26 anni, il nuovo + centrocampista della Alqamah, nato e cresciuto a Alcamo, respirando calcio. Una vera e propria celebrità per i tifosi che lo ricordano, ancora, al suo brillante esordio nella giovanile della Juventus.

È genuino, altruista, sognatore, un vero e proprio campione con mille sogni nel cassetto. Al di là del successo iniziale, alcuni sogni traditi, la “spinta giusta” che non è mai arrivata, pur avendone le qualità, è rimasto il nostro Antonio di sempre.

Antonio è un ragazzo che ci ha sempre creduto in ciò che fa, che si è impegnato, che ha fatto sacrifici, che non ha mai smesso di sperare, perché alla fine, come dice lo stesso Antonio nella brillante intervista, è questa la
cosa più importante. Senza speranza l’uomo tracolla.
Lui ha compreso che la strada per diventare campioni è irta di difficoltà. Non è come si crede e si vede da fuori, infatti, che con aiuti o parole o guardando i campioni alla tv si può diventare calciatori.
Il suo successo, il suo essere diverso dai tanti altri lo deve al fatto che in tutto ciò che ha fatto ci ha messo testa e cuore, anche se, e di questo ce ne rammarichiamo tutti, sarebbe servito anche un pizzico di fortuna. Ma Antonio Di Giuseppe, nonostante non militi nella seria A, è pur sempre un campione, un vero numero uno.
Per questo campionato, come per tutto il resto, bisogna scendere in campo e dare tutto senza rimpianti.
E speriamo che Antonio Di Giuseppe faccia davvero la differenza, lui che, ovunque è stato, ha rappresentato un elemento di grande novità e una potenzialità eccezionale e utilissima.

Ma conosciamolo meglio il campione alcamese.
Antonio Di Giuseppe nasce nel 1991 ad Alcamo, dove studia presso l´istituto magistrale Vito Fazio Allmayer.
Ha giocato nel settore giovanile della salernitana e della Juventus.
Poi il passaggio tra i “Grandi” lo hanno portato nel Marsala 1912, nel Castellammare, nell’Alcamo Calcio, nel Salemi, nella Folgore, nel Partinico e per finire, lo scorso anno, alla Nuova Sancis di San Giuseppe Jato.
Adesso, solo di qualche giorno fa, il progetto Alqamah che affascina il giovane campione alcamese.
Il suo sogno «voglio aiutare a far crescere questa giovane società, composta da soli Alcamesi».
Evidentemente il tutto grazie anche alla sua organizzazione di eventi sportivi, prevalentemente calcistici, denominata “AA Organization”, molto sentita nel territorio alcamese e, anche, nei dintorni.
Lo abbiamo voluto conoscere meglio, cercando di carpirne le emozioni, focalizzando l’attenzione sulle sue grandi potenzialità e esaltando le sue spiccate qualità tecniche.

(Afu) Quando inizia la tua passione per il calcio e cosa provi quando vieni un pallone tra le mani?
«La mia passione per il calcio nasce fin da bambino. Mio padre è un noto ex calciatore ad Alcamo, quindi già da piccolo avevo il pallone tra i piedi. Ancora oggi, ogni volta che inizio una partita, è come se fosse sempre la prima volta. La stessa emozione, la stessa grinta, la stessa determinazione».

Tra mille sport, perché proprio il calcio?
«Perché il calcio? Come detto prima, sin da bambino mio padre e mio zio mi portavano sempre allo stadio a vedere le loro partite per cui non potevo che innamorarmi del calcio».

Cosa ricordi negli anni in cui tuo padre militava nella Alcamo calcio e quanto è stato importante della tua formazione prima umana e poi sportiva?
«Mio padre giocava nella blasonata Juve gemini Alcamo. I ricordi sono vaghi. Quello che so è perché ne sento parlare negli ambienti sportivi. Era, certamente, molto forte. Quando qualcuno mi vede giocare, iniziano subito a fare i paragoni con lui. Il che mi fa tanto piacere».

Cosa vorresti dire a un giovane che decide di avvicinarsi al più popolare sport al mondo?
«Ad un giovane che comincia a giocare a calcio direi soltanto di divertirsi: Attraverso questo sport si migliora e si diventa una persona migliore. Perché lo sport migliora la tua autostima, migliora il modo in cui ti relazioni e stai nel sociale e, infine, ti fa diventare un professionista anche se non lo sei. Un professionista lo si diventa diventando un uomo o una donna competitivi e forti».

Giocare per vincere o semplicemente giocare?
«Penso comunque che la cosa più importante in uno sport sia il divertimento anche se vincere è quello che ti permettere di essere differente dagli altri. Io sono del parere che si deve sempre giocare per vincere, per migliorarsi. Se c´è impegno, divertimento e, principalmente, lavoro, la vittoria arriva prima o poi; così come le soddisfazioni».
Se volessi ricordare un aneddoto della tua vita calcistica in campo di cosa parleresti?
«Se dovessi ricordare un aneddoto della mia vita in un campo, ricorderei, certamente, l´esordio nelle giovanili con la maglia della Juventus. Allora giocavo contro squadre, come l´Inter, fatta da calciatori che adesso giocano in serie A, come Destro, Obi, Caldirola, Laribi, Santon … Quello è stato il punto più alto e anche il più affascinante della mia vita calcistica. Anche se penso che se avessi avuto più fortuna e gente attorno a me che voleva farmi giocare in alto, sarei arrivato anch´io in serie A. ci voglio credere fermamente. Io ho messo tutto me stesso».

In quale ruolo hai giocato nel corso della tua vita e quali ritieni che maggiormente rispondano alle tue caratteristiche tecniche e fisiche?
«Io sono un centrocampista dalle qualità offensive. Mi piace fare in modo che siano altri a prendere la palla che io porto in avanti e far fare gol agli attaccanti della mia squadra. Non vivo per il gol. In effetti non sono una vera prima punta. Preferisco far divertire la gente che mi guarda con belle giocate o altro».

Oltre al calcio quale altra attività sportiva pratichi con abitudine o in che progetto ambizioso sei impegnato? Uno lo conosciamo tutti, però.
«Nella mia vita ultimamente sono circondato da gente che mi vuole davvero bene. Grazie alla mia organizzazione di eventi sportivi, con il mio socio Aleandro Fagone, stiamo riuscendo a far divertire tanta gente. Come ultimo esempio prenderei il famosissimo torneo in spiaggia ad Alcamo Marina. Alla finale erano presenti quasi duemila persone in Battigia».

Se volessi cambiare la tua terra cosa faresti di diverso da ciò che già si fa?
«Il fatto di essere una persona popolare nella mia città mi gratifica. Sono cresciuto col mito di Bruce Wayne (Batman) e, quindi, ho sempre sognato di diventare il "paladino della mi città" come diceva sempre lui. Spero, un giorno, in prima persona, di far diventare Alcamo la città che merita, come sindaco magari. È un obiettivo che ho e lo raggiungerò».
Il ritorno alla tua città…
«Per concludere, sono molto contento di essere tornato a giocare nella mi città, con un progetto vincente nei prossimi tre anni, con tutti alcamesi, perché noi siamo la squadra della città e spero che tanta gente verrà a vederci per cominciare a risalire le categorie e raggiungere magari l´Alcamo, per cui forza ALQAMAH». (Afu)

 

ALTRE NOTIZIE

Il WWF dona borracce metalliche ai ragazzi di Montallegro e Cattolica Eraclea 
Il WWF Sicilia Area Mediterranea ha voluto ringraziare gli alunni delle terze classi di scuola media dell´Istituto Comprensivo "Ezio Contino" di Catto...
Leggi tutto
Aeroporto di Trapani: «Il morto non è guarito». Appello di Ombra alla politica
«E’ ora di inserire nei bilanci dei 24 comuni trapanesi entro il 31 dicembre le somme per la promozione turistica at...
Leggi tutto
Marsala, traffico veicolare Cisl “subito interventi contro il rischio di incidenti in via A. Damiani”
“Quali interventi ha programmato l’amministrazione comunale sul fronte del piano del traffico veicolare, soprattutto in zone che si trovano in prossim...
Leggi tutto
Prevenzione delle dipendenze: a Marsala istituzioni, esperti, studenti e associazioni per fare il punto sulle attività del progetto “Non Cadere nella Trappola”
Si terrà giovedì 21 novembre alle 9.30 dalle 13 al Complesso Monumentale San Pietro di Marsala il meeting conclusivo del progetto "Non c...
Leggi tutto
Rete Sociale Attiva e Sinalp ZTL necessità per i palermitani?
Come al solito ogni fine anno probabilmente la Giunta comunale di Palermo si accorge che il bilancio della Città risulta essere negativo e si p...
Leggi tutto
Nello spazio il ricercare dio è il motivo intimo dell´esistere. “Un ovale marmo perlato su panorama” dell’artista Turi Simeti collocato nella sua città Natale di Antonio Fundarò
“Un ovale marmo perlato su panorama” dell’artista Turi Simeti è stato collocato nella sua città Natale (di Cielo e della “Rosa fresca Au...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web