Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 12/09/2017 da Direttore

PASSITALY 2017: nuovi scenari per l´isola ed il Passito di Pantelleria

PASSITALY
Pantelleria è un territorio unico per le caratteristiche paesaggistiche e culturali che nel tempo hanno forgiato l´identità dell´isola, ed è uno dei tesori italiani da tutelare e comunicare al mondo.

La quarta edizione di Passitaly che si è conclusa ieri ha rafforzato ancora di più questo messaggio anche in vista dell´inizio delle attività degli organi direttivi del Parco Nazionale di Pantelleria, con le linee guida promosse dal Comitato di Gestione del riconoscimento Unesco sull´utilizzo del marchio attribuito alla pratica agricola della vite ad alberello e con il ruolo sempre più importante del Consorzio Volontario per la tutela e la valorizzazione dei vini DOC dell´Isola di Pantelleria.



Passitaly 2017 si è svolto da giovedì 7 a domenica 10 settembre con un programma che ha intrecciato momenti dedicati alla selezionata platea di giornalisti accreditati, con visite alle aziende e al territorio al fine di sviluppare un percorso di conoscenza dell´isola e della sua comunità, con iniziative aperte anche al pubblico (convegno, riunione aperta del comitato ministeriale per la Gestione del riconoscimento Unesco per Pantelleria e momenti musicali).



La kermesse dedicata ai vini passiti del Mediterraneo ha visto come promotori il Comune di Pantelleria, con il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, e ilConsorzio Volontario per la tutela e la valorizzazione dei vini DOC dell´Isola di Pantelleria, con la partecipazione delle aziende Cantine Pellegrino, Donnafugata, Vinisola e Salvatore Murana.



La quarta edizione di Passitaly – ha dichiarato Salvatore Gabriele, sindaco di Pantelleria – è stata una risposta di consapevolezza della Comunità di Pantelleria verso la propria identità. Questo appuntamento è stato vissuto con intensità e successo dal sistema produttivo e agricolo della nostra isola – mettendo in linea un sistema che vede nel riconoscimento UNESCO, nell´Istituzione del Parco Nazionale e nel Consorzio di Tutela della DOC di Pantelleria - nuovi strumenti operativi e nuove opportunità. E´ una risposta di civiltà che estende tutele e non solo di natura ambientale ma anche sociale, che propone una visione integrata del sistema produttivo agricolo con quello del turismo d´interesse in una chiave concreta di destagionalizzazione e di nuova economia per l´isola. La sfida è quella di offrire alle nuove generazioni una prospettiva in una agricoltura di pregio da vivere con entusiasmo e redditività.



Tutto questo patrimonio deve essere tutelato e comunicato a tutto al mondo con l´obiettivo di mantenere intatto questo immenso paesaggio. Da questo punto di vista, scende in campo con una nuova consapevolezza che accomuna le più note aziende delle isola e i piccoli viticoltori, il Consorzio Volontario per la tutela e la valorizzazione dei vini DOC dell´Isola di Pantelleria.



"Il consorzio – ha affermato il presidente Benedetto Renda – avrà sempre di più un ruolo importante come cinghia di trasmissione tra i produttori, la comunità e il Parco Nazionale di Pantelleria. Questa aggregazione ci può consentire di dare maggiore forza e credibilità alle azioni da intraprendere. Pantelleria bisogna viverla e l´incoming è carta vincente per generare una nuova prospettiva alla filiera vitivinicola e all´enoturismo. Negli ultimi anni abbiamo visto sempre di più crescere l´interesse per Pantelleria soprattutto da parte di quei paesi dove è apprezzato il passito. Nell´ mmediato punteremo sul connubio Pantelleria/passito per far conoscere sempre di più l´isola anche in quei paesi dove ancora il suo valore è ancora sconosciuto".



"Questa campagna di promozione che mette insieme tutte le energie dei produttori di Pantelleria – ha aggiunto Antonio Rallo, presidente DOC Sicilia – ci potrà consentire di valorizzare le nostre produzioni contribuendo così a dare maggiore reddito ai contadini e quindi a preservare dall´incuria e l´abbondono questo territorio con i suoi muretti a secco e i suoi terrazzamenti":



Tra i momenti più interessanti di questa edizione figurano le inaugurazioni delle piazze Unesco in alcuni luoghi simboli di Pantelleria: Mueggen, Serraglia, Bugeber e Bukkuram, luoghi rurali simbolo dell´Isola di Pantelleria e della coltivazione della vite ad alberello, e a Tracino in piazza Perugia che saranno i punti di partenza di altrettanti itinerari di scoperta tracciati dal Parco Nazionale di Pantelleria che intende mettere in primo piano proprio questa pratica agricola come elemento identitario di tutta l´isola. Questo riconoscimento però, deve anche servire a dare un forte slancio a tutte le proprie vocazioni produttive interpretate dalla mano del contadino pantesco. Da questo punto di vista, le linee guida approvate dal comitato di gestione del riconoscimento UNESCO, riunito in seduta pubblica venerdì 8 settembre presso il Castello Barbacane, puntano a dare un valore aggiunto a tutte le produzioni agricole dell´isola, a partire proprio dal suo prodotto di punta, il passito, dove il connubio tra uomo e natura esprime su punte massime tutta l´identità del contadino pantesco. Pantelleria, infatti, deve la propria unicità ad un sistema rurale fortemente antropizzato che ha permesso di tutelare una biodiversità e un´agricoltura d´eccellenza che pochi luoghi possono vantare. Qui si pratica una viticoltura eroica in un ambiente impervio, caratterizzato da terrazzamenti e muretti a secco in cui lo Zibibbo (Moscato d´Alessandria) - è protagonista assoluto. Cresce ad alberello, fra anfratti e terrazzamenti, curato con la mano sapiente del contadino pantesco.



"Il riconoscimento UNESCO – ha spiegato Luca Bianchi Capo dipartimento del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali – valorizza questo grande lavoro fatto nel tempo dal contadino pantesco e noi abbiamo l´impegno di trasmetterlo alle nuove generazioni sotto forma di un´opportunità concreta per il loro futuro. Il marchio UNESCO infatti è un patrimonio da mettere in campo per agevolare la nascita di nuove attività commerciali di natura agroalimentare che possano dare sviluppo, crescita e reddito a questa terra allontanando in questo modo la fuga delle nuove leve da Pantelleria". Sulla stessa lunghezza d´onda anche Pier Luigi Petrillo, Responsabile Ufficio Unesco del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali che aggiunge: "Si è deciso in primo luogo di permettere ai viticoltori panteschi di inserire nel retro etichetta dei loro vini la dicitura Prodotto secondo una pratica agricola dichiarata patrimonio dell´Umanità. In questo modo si dà la possibilità di dare di comunicare l´identità dell´isola dando un informazione aggiuntiva sull´unicità e l´eccellenza di quel prodotto".

 

ALTRE NOTIZIE

Insediata la nuova Giunta del Comune di Custonaci
Giuseppe Bica, il rieletto sindaco di Custonaci, alle elezioni amministrative dello scorso 10 giugno, ha nominato questa mattina gli assessori della s...
Leggi tutto
JAKUB PRZYGONSKI E TOM COLSOUL, MINI JOHN WORKS RALLY, CHIUDONO AL COMANDO LA PRIMA DURISSIMA TAPPA DELLA 25^ ITALIAN BAJA. LORENZO CODECA’, SUZUKI GRAND VITARA, PRIMO DEI PARTECIPANTI AL TRICOLORE
Il polacco ha preceduto le due FORD 150 Evo di Martin Prokop e di Miroslav Zapletal. Primo dei partecipanti al Cam...
Leggi tutto
2 Bronzi per gli azzurri Giochi del Mediterraneo
Pesi: Michael Di Giusto è terzo nello slancio nella 62 kg, Alessandra Pagliaro terza nello strappo nella 48...
Leggi tutto
Il primo compleanno di Memesuddu, fenomeno social del momento
Domani Memesuddu compie il primo anno. La pagina Facebook più irriverente della provincia di Trapani spegne l...
Leggi tutto
Città di Moncalieri - 30th European Music Competition
Concorso 30th European Music Competition Città di Moncalieri 
Limite di et&agr...
Leggi tutto
Manifesta 12 Palermo Il Giardino Planetario. Coltivare la Coesistenza
Manifesta 12 Palermo
Il Giardino Planetario. Coltivare la Coesistenza
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Antonino su ANAS - CONCORSO INTERNAZIONALE AL MERITO SOCIALE “ARTI E MESTIERI”:
Per me il premio se lo.meritaIo il dott mario liberto, giornalista, scrittore animatore musicista ecc un grande personaggio da tantiun siciliani


Roasario Mazarese su Calatafimi, don Campo festeggia 60 anni da prete:
Auguri Padre Campo francesco Di altri sessanta anni di ordinamento dal Parrocchiano Rosario lontano per necessità lavorative ( dia un saluto a mio Padre Giovanni se non impossibilitato ) il tempo inesorabbile trscorre


carlo su Governo riferisca in aula su crisi Riscossione Sicilia:
Salve,guarda caso L´On.Cracolici si accorge proprio adesso della situazione di Riscossione Sicilia e non durante il precedente governo regionale quando era assessore regionale.Forse no ricorda quando una nostra delegazione lo ha incontrato prospettandogli la situazione in cui versava la società.Io al suo posto mi vergognerei.


GERARD su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
offrono prestiti tra particolare Avete bisogno di un prestito?   Rufus la banca per voi Un prestito, noi siamo qui per aiutarvi finanziariamente, Per il vostro prestito immediato qualsiasi importo In qualsiasi destinazione. La vostra felicità è la nostra priorità. Tutto quello che dovete fare ora è quello di entrare in contatto Scrivici (gerardrafinon@gmail.com) WHATSAPP : +33756897323


GIUSEPPE MIGNACCA su AIC Sicilia, Giuseppina Costa e gli sviluppi che avrà sulla popolazione celiaca siciliana il “decreto Razza”:
Spero i medici di base saranno informati di questo protocolo, io ho dovuto pagare per un follow.up richiestomi dalla asl dopo il controllo annuale.


Angelo Carollo su Per far ripartire Trapani non servono sogni, investimenti mastodontici ma serve avere una strategia:
Ricordatevi che se vi promettono il ponte fate attenzione che sotto ci sia il fiume altrimenti avranno la scusa facile per giustificare la promessa non mantenuta


Angelo Carollo su Per far ripartire Trapani non servono sogni, investimenti mastodontici ma serve avere una strategia:
D´accordo con la Signora Monica. Invece Signora Mariarosa tutti faranno di tutto per mantenere lo scalo ma chi ha facoltà decisionale in quello non è di certo il comune di Trapani. Siamo di fronte ad una politica regionale che mira ad accrescere i grossi centri. Di certo nessuno mollerà la questione ma chi le prometterà l´aeroporto stia tranquilla che non ha i poteri per mantenere la promessa.


MR WILLIAMS su IPAB: UGL “IERI SIT-IN, SIAMO CON I LAVORATORI ”:
Enviar esta empresa legítima por correo electrónico; willianloanfirm6@gmail.com, whatsapp +1(214)305-8945, para un pr´stamo real. Recibí mi pr´stamo de ellos despu´s de leer acerca de sus ofertas de pr´stamos aquí en Facebook y mis deudas están completamente resueltas ahora


Mirko Rimessi su L’A.S.D. Polisportiva Saline Trapanesi alla 2^ Placentia Roller Half Marathon:
Ciao, la foto usata è di libero utilizzo (è nostra come organizzatori della gara di Ferrara) vi chiedo però di inserire l’autore Isabella Gandolfi.


Mariarosa su Per far ripartire Trapani non servono sogni, investimenti mastodontici ma serve avere una strategia:
Sono una docente di un liceo di Bergamo e trovo che non fare di tutto per mantenere lo scalo di Birgi sia un vero e proprio scandalo che danneggerebbe il sistema turistico ed artistico di tutto il paese.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web