Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 12/09/2017 da Direttore

PASSITALY 2017: nuovi scenari per l´isola ed il Passito di Pantelleria

PASSITALY
Pantelleria è un territorio unico per le caratteristiche paesaggistiche e culturali che nel tempo hanno forgiato l´identità dell´isola, ed è uno dei tesori italiani da tutelare e comunicare al mondo.

La quarta edizione di Passitaly che si è conclusa ieri ha rafforzato ancora di più questo messaggio anche in vista dell´inizio delle attività degli organi direttivi del Parco Nazionale di Pantelleria, con le linee guida promosse dal Comitato di Gestione del riconoscimento Unesco sull´utilizzo del marchio attribuito alla pratica agricola della vite ad alberello e con il ruolo sempre più importante del Consorzio Volontario per la tutela e la valorizzazione dei vini DOC dell´Isola di Pantelleria.



Passitaly 2017 si è svolto da giovedì 7 a domenica 10 settembre con un programma che ha intrecciato momenti dedicati alla selezionata platea di giornalisti accreditati, con visite alle aziende e al territorio al fine di sviluppare un percorso di conoscenza dell´isola e della sua comunità, con iniziative aperte anche al pubblico (convegno, riunione aperta del comitato ministeriale per la Gestione del riconoscimento Unesco per Pantelleria e momenti musicali).



La kermesse dedicata ai vini passiti del Mediterraneo ha visto come promotori il Comune di Pantelleria, con il patrocinio del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, e ilConsorzio Volontario per la tutela e la valorizzazione dei vini DOC dell´Isola di Pantelleria, con la partecipazione delle aziende Cantine Pellegrino, Donnafugata, Vinisola e Salvatore Murana.



La quarta edizione di Passitaly – ha dichiarato Salvatore Gabriele, sindaco di Pantelleria – è stata una risposta di consapevolezza della Comunità di Pantelleria verso la propria identità. Questo appuntamento è stato vissuto con intensità e successo dal sistema produttivo e agricolo della nostra isola – mettendo in linea un sistema che vede nel riconoscimento UNESCO, nell´Istituzione del Parco Nazionale e nel Consorzio di Tutela della DOC di Pantelleria - nuovi strumenti operativi e nuove opportunità. E´ una risposta di civiltà che estende tutele e non solo di natura ambientale ma anche sociale, che propone una visione integrata del sistema produttivo agricolo con quello del turismo d´interesse in una chiave concreta di destagionalizzazione e di nuova economia per l´isola. La sfida è quella di offrire alle nuove generazioni una prospettiva in una agricoltura di pregio da vivere con entusiasmo e redditività.



Tutto questo patrimonio deve essere tutelato e comunicato a tutto al mondo con l´obiettivo di mantenere intatto questo immenso paesaggio. Da questo punto di vista, scende in campo con una nuova consapevolezza che accomuna le più note aziende delle isola e i piccoli viticoltori, il Consorzio Volontario per la tutela e la valorizzazione dei vini DOC dell´Isola di Pantelleria.



"Il consorzio – ha affermato il presidente Benedetto Renda – avrà sempre di più un ruolo importante come cinghia di trasmissione tra i produttori, la comunità e il Parco Nazionale di Pantelleria. Questa aggregazione ci può consentire di dare maggiore forza e credibilità alle azioni da intraprendere. Pantelleria bisogna viverla e l´incoming è carta vincente per generare una nuova prospettiva alla filiera vitivinicola e all´enoturismo. Negli ultimi anni abbiamo visto sempre di più crescere l´interesse per Pantelleria soprattutto da parte di quei paesi dove è apprezzato il passito. Nell´ mmediato punteremo sul connubio Pantelleria/passito per far conoscere sempre di più l´isola anche in quei paesi dove ancora il suo valore è ancora sconosciuto".



"Questa campagna di promozione che mette insieme tutte le energie dei produttori di Pantelleria – ha aggiunto Antonio Rallo, presidente DOC Sicilia – ci potrà consentire di valorizzare le nostre produzioni contribuendo così a dare maggiore reddito ai contadini e quindi a preservare dall´incuria e l´abbondono questo territorio con i suoi muretti a secco e i suoi terrazzamenti":



Tra i momenti più interessanti di questa edizione figurano le inaugurazioni delle piazze Unesco in alcuni luoghi simboli di Pantelleria: Mueggen, Serraglia, Bugeber e Bukkuram, luoghi rurali simbolo dell´Isola di Pantelleria e della coltivazione della vite ad alberello, e a Tracino in piazza Perugia che saranno i punti di partenza di altrettanti itinerari di scoperta tracciati dal Parco Nazionale di Pantelleria che intende mettere in primo piano proprio questa pratica agricola come elemento identitario di tutta l´isola. Questo riconoscimento però, deve anche servire a dare un forte slancio a tutte le proprie vocazioni produttive interpretate dalla mano del contadino pantesco. Da questo punto di vista, le linee guida approvate dal comitato di gestione del riconoscimento UNESCO, riunito in seduta pubblica venerdì 8 settembre presso il Castello Barbacane, puntano a dare un valore aggiunto a tutte le produzioni agricole dell´isola, a partire proprio dal suo prodotto di punta, il passito, dove il connubio tra uomo e natura esprime su punte massime tutta l´identità del contadino pantesco. Pantelleria, infatti, deve la propria unicità ad un sistema rurale fortemente antropizzato che ha permesso di tutelare una biodiversità e un´agricoltura d´eccellenza che pochi luoghi possono vantare. Qui si pratica una viticoltura eroica in un ambiente impervio, caratterizzato da terrazzamenti e muretti a secco in cui lo Zibibbo (Moscato d´Alessandria) - è protagonista assoluto. Cresce ad alberello, fra anfratti e terrazzamenti, curato con la mano sapiente del contadino pantesco.



"Il riconoscimento UNESCO – ha spiegato Luca Bianchi Capo dipartimento del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali – valorizza questo grande lavoro fatto nel tempo dal contadino pantesco e noi abbiamo l´impegno di trasmetterlo alle nuove generazioni sotto forma di un´opportunità concreta per il loro futuro. Il marchio UNESCO infatti è un patrimonio da mettere in campo per agevolare la nascita di nuove attività commerciali di natura agroalimentare che possano dare sviluppo, crescita e reddito a questa terra allontanando in questo modo la fuga delle nuove leve da Pantelleria". Sulla stessa lunghezza d´onda anche Pier Luigi Petrillo, Responsabile Ufficio Unesco del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali che aggiunge: "Si è deciso in primo luogo di permettere ai viticoltori panteschi di inserire nel retro etichetta dei loro vini la dicitura Prodotto secondo una pratica agricola dichiarata patrimonio dell´Umanità. In questo modo si dà la possibilità di dare di comunicare l´identità dell´isola dando un informazione aggiuntiva sull´unicità e l´eccellenza di quel prodotto".

 

ALTRE NOTIZIE

Con A.N.A.S. non è troppo tardi per conseguire i 24 cfu necessari per accedere al concorso docenti
A fine aprile ha visto la luce l’attesissimo bando per il concorso docenti: tra i requisiti di ammissione è richiesto il possesso di 24 CFU nei...
Leggi tutto
La Presidenza ANAS augura nella riscoperta della cultura e dei valori "buona festa della REpubblica"
Il Presidente Nazionale della RETE ANAS (Associazione Nazionale di Azione Sociale), in occasione della festa della Repubblica ha rivolto a tutti i soc...
Leggi tutto
Mazara del Vallo – la Polizia di Stato arresta una coppia di giovani per detenzione illegale a fini di spaccio e detenzione di arma clandestina.
Il 28 maggio scorso,la Squadra Pegaso della Sezione Investigativa del Commissariato di P.S. di Mazara del Vallo,a conclusione di una intensa attivit&a...
Leggi tutto
Nasce “L’Italia c’è” si uniscono ben 11 Scuole Statali della Campania, ad indirizzo musicale.
Piccolo (Pres. Scuola San Giovanni Bosco di Somma Vesuviana): “Abbiamo rivolto un invito alle Scuole campane ad indirizzo musicale. Hanno risposto in ...
Leggi tutto
Via libera all’ampliamento dei dehors
Via libera all’ampliamento dei dehors: l’amministrazione sceglie una modalità veloce.&nb...
Leggi tutto
Premio Voler Bene all´Italia. Dieci le realtà premiate che guardano al futuro dei borghi
L´Istituto comprensivo "Rallo" di Favignana e il Comune di Malfa sono tra le 10 realtà premiate nell´ambit...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web