Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Tempo libero il 04/09/2017 da Direttore

Incubo primo giorno di lavoro, la master coach Marina Osnaghi spiega come tornare ad affrontare la routine

Incubo
Il rilassante rumore delle onde, le passeggiate sui sentieri montani e i tour spensierati per le più belle città d’arte si sono trasformati in lunghe riunioni, appuntamenti con i clienti e tour de force per recuperare il lavoro arretrato. Le vacanze sono finite, e milioni di italiani si trovano sul posto di lavoro ma, con la testa, viaggiano ancora sugli itinerari agostani. I pensieri si accavallano come le responsabilità, e l’angoscia di dover rincorrere clienti e scadenze rischia di far impazzire manager e impiegati di ogni livello. Si chiama “august blues”, una tristezza simile a quella che si prova la domenica sera quando sale l’angoscia da lunedì e l’impressione che il weekend sia stato molto più breve di quanto desiderato. Per non parlare dell’eventualità in cui qualcosa sia andato storto durante la vacanza o il week end: lo stress emotivo aumenta esponenzialmente.
Uno stato d’animo così definito da Stephen Ferrando, direttore di psichiatria al Westchester Medical Center, che chiama questa atmosfera malinconica "sunday blues", cioè la tristezza della domenica sera che segna la fine del weekend e anticipa l´inizio di una nuova intensa settimana. L´effetto dell´august blues non fa distinzioni d´età. Secondo la professoressa di psicologia alla Fordham University Rachel Annunziato infatti, sia i bambini sia gli adulti accusano, seppur per cause diverse, una sensazione di tristezza che caratterizza gli ultimi giorni dell´estate. Secondo Ferrando, infine, una delle cause che provocano questa malinconia estiva è l´avvertimento di un senso di colpa o insoddisfazione per non essere riusciti a "dare il massimo" durante l´estate, così come impongono alcuni stereotipi legati alle attività "estreme" da fare in questa stagione.
Come fare, quindi, per ritrovare carica ed equilibrio e tornare a performare sul posto di lavoro? Lo svela Marina Osnaghi, prima Master Certified Coach in Italia: “Inizia settembre. Il rientro si avvicina. Affiorano pensieri quasi inevitabili come ‘ora torno e ricomincia tutto uguale a prima’ e ‘le vacanze diventeranno presto un lontano ricordo’, e se per caso avevi del lavoro arretrato che non hai svolto durante le vacanze, l’angoscia comincia sottile ed anche più forte ad impossessarsi di te. Sei in ritardo ed hai sprecato il tuo tempo. Per non parlare delle abitudini: forse in vacanza hai assaporato la libertà di fare cose per te stesso e ora temi che appena torni, tutto sarà come prima di staccare, e tornerai nel gorgo dei soliti comportamenti. In una strofa profetica della famosa canzone “The same old Blues”, Brian Ferry canta “It´s the same old story, tell me where does it end?”, e mai frase fu più vera proprio alla fine dell’estate. Siamo vittime dell’august blues e nemmeno lo sappiamo. Esattamente come non ci rendiamo conto del processo che il nostro cervello vive ogni domenica sera quando deve elaborare il lutto della fine del week end ed iniziare la nuova settimana lavorativa”.
Che fare allora per potersi ‘sfilare’ da questo blues che appesantisce il cuore? Ecco il decalogo d’oro da seguire al rientro al lavoro stilato dalla master coach Marina Osnaghi:
EVITA LA FISSITÀ DI PENSIERO.
Rimuginare sul rientro e sulla negatività che incontrerai nel soccombere alle vecchie abitudini è un potente stimolo per la tristezza e l’insoddisfazione.
STABILISCI UN TEMPO PER TE OGNI GIORNO
Devi inserirlo in agenda, altrimenti non riuscirai a rispettarlo. Basta un quarto d’ora al giorno, anche se col tempo sarebbe ideale allungarlo fino ad almeno 30 minuti. Deve essere un’attività piacevole e solamente dedicata a te, qualcosa fuori dagli obblighi. A volte possono essere cose apparentemente banali, come leggere il giornale in santa pace con una bella tazza di caffè.
CAMBIA L’ABITUDINE DI MANGIARE IN PIEDI E DI CORSA
Il caffè o il tè, bevilo seduto e comodo: ti riporterà la testa all’atmosfera della vacanza. È fondamentale iniziare la giornata senza correre, prendendoti una pausa già da inizio giornata. Questo ristoro vale la pena di un quarto d’ora di sonno in meno la mattina. Offre al cervello un senso di rilassatezza, invece di farlo correre ancora prima di uscire di casa. Mangiare di fretta spostandosi continuamente costringe l’organismo a inviare il sangue agli organi in quel momento più impegnati, ovvero i muscoli delle gambe: un problema per la digestione. Infatti una quantità modesta di sangue operante nello stomaco diminuisce la disponibilità di succo gastrico e, di conseguenza, l’insorgere di difficoltà digestive.
SEGUIRE I PRINCIPI DEL COACHING
Ognuno di noi ha una ‘Mission’ nel cuore, uno scopo che persegue a volte inconsapevolmente nella vita quotidiana. Chiediti: qual è il contributo che voglio dare col mio lavoro? Cosa tendo a realizzare nelle differenti situazioni? Come posso realizzare al meglio ciò a cui tendo?
FOCALIZZA VALORI E LINEE GUIDA
Soprattutto quelle dei tuoi collaboratori, che molte volte non vengono veramente consapevolizzati, travolti dalla frenesia quotidiana. Rifletti su di te e su chi ti circonda in senso positivo e costruttivo.
UTILIZZA GLI INDICATORI DELLE TUE REAZIONI
Un indicatore molto utile lo trovi in quelle situazioni quotidiane che spesso ti infastidiscono, come mancanza di precisione, puntualità o dedizione da parte di qualcuno, problemi organizzativi cronici, incoerenza. Dietro al tuo fastidio potrebbe esserci un vero tesoro: trova il tuo valore, la buona ragione per cui ti infastidisci, ciò che persegui ed il modo in cui lo vorresti realizzato. Una volta che lo hai trovato, invece di combattere chi non lo rispetta, comincia a chiederti cosa potresti fare tu stesso per viverlo e realizzarlo meglio. Alcune domande potrebbero aiutarti: cosa mi infastidisce? Cosa vorrei realizzare di buono che non accade? Qual è il valore nascosto dietro al fastidio? Che comportamento applico per realizzarlo? Che comportamento nuovo mi serve per realizzarlo al meglio?
COMINCIA A DIRE NO UNA VOLTA PER TUTTE
Apri le braccia a te stesso e smetti di voler subire. Non serve ribellarsi urlando, basta stabilire il proprio limite con tranquilla fermezza.
RINUNCIA A SUBIRE SITUAZIONI CHE SI TRASCINANO DA TEMPO
Spesso sono favorite da abitudini che ti portano nei guai prima ancora che tu te ne accorga. Sono le vecchie abitudini distruttive che ci portano sempre nelle solite situazioni.
SEI UN CAPO? ORGANIZZA RIUNIONI CON UN APPROCCIO COACHING
Sono sempre molto utili ad ottenere risultati efficaci su temi collegati al quotidiano e al gruppo. Per potenziare e trasformare situazioni e comportamenti valuta la qualità della collaborazione a favore degli obiettivi secondo fattori qualitativi e non solo quantitativi. Utilizza il feedback con i tuoi collaboratori e celebra i cicli intermedi, chiedendoti cosa è stato realizzato fin qui di positivo anche se la meta ancora non è raggiunta, e come sia possibile arrivare al traguardo con rinnovata energia. Infine applica la revisione dei processi che formano la sequenza di attività su cui i tuoi collaboratori devono misurarsi e lavorare insieme per arrivare alla meta senza confliggere inutilmente. Spesso ci sono accordi non chiariti che portano alla famosa ‘confusione’ di ruoli o ‘mancata comunicazione’.
NEL WEEKEND METTITI IN VACANZA
Anche se devi svolgere delle commissioni, cerca di staccare sul serio. Ritrovando il gusto di stare con gli amici, la famiglia, i figli, senza vivere il tuo tempo come se fosse ‘rubato’ ai tuoi doveri o come se il tempo libero fosse un altro lavoro in cui dover fare cose. Quindi focalizza le cose essenziali e dedicati per prima cosa a quelle. Tutto il resto può attendere. Tu sei più importante, insieme a quelli che ami.

 

ALTRE NOTIZIE

“Fragilità …limite o possibilità dell’oltre?”
Partinico: Sabato 23 novembrealle ore 16,00, presso il Salone Chiesa Madre SS. Di Fatima- Cappuccini, via Grazia Deledda, avrà luogo la Giornat...
Leggi tutto
Partinico Danilo Dolci: “Piantumiamo il nostro futuro” -Roverelle e castagni sul Podere Reale
Accresce sempre più, l’attenzione el’impegno del Danilo Dolci, per l’arricchimento della coscienza civile dei propri discenti.Nella ricorrenza ...
Leggi tutto
Italia che affonda: colpa del capitano o dell´elettorato?
La situazione meteorologica dell’Italia di questi tempi si presta perfettamente a una metafora politica assolutamente calzante. Il nostro paese, strem...
Leggi tutto
Per la prima volta in Sicilia Europeade il più grande festival della cultura popolare europea
Lunedì 25 novembre alle ore 15:00, presso la Prefettura di Trapani e alla presenza del Prefetto Tommaso Ricciardi, verrà sottoscritto t...
Leggi tutto
Trapani: prende il via la nuova stagione di corsi e iniziative al Centro di cultura gastronomica “Nuara”
Storie, tecniche, incontri, esperienze e approfondimenti sul meraviglioso mondo dell´enogastronomia. Prende il via la nuova stagione al Centro d...
Leggi tutto
Trapani, 24 - 25 novembre 2019 - Giornata internazionale per l´eliminazione della violenza contro le donne
In occasione della Giornata internazionale per l´eliminazione della violenza contro le donne, l’Associazione per i Diritti Umani CO. TU. LE VI.,...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web