Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Economia il 17/10/2013 da Marina Angelo

Dati catastrofici emergono dal Rapporto Svimez sull´economia del Mezzogiorno

Dati
“Il Mezzogiorno tra il 2008 ed il 2012 registra una caduta dell’occupazione del -4,6%, a fronte del -1,2% del Centro-Nord . Delle 506 mila persone che in Italia hanno perso il posto di lavoro, ben 301 mila sono residenti nel Mezzogiorno. Nel Sud, dunque, pur essendo presente appena il 27% degli occupati italiani si concentra il 60% delle perdite determinate dalla crisi.”

E’ quanto si legge all’interno del Rapporto Svimez sull´economia del Mezzogiorno.


«Un quadro inquietante delle condizioni economiche e sociali del Mezzogiorno», soprattutto per quel che riguarda l´emergenza disoccupazione e in particolar modo per i giovani, ha affermato il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, nel messaggio inviato al presidente dello Svimez Adriano Giannola.

«Il Rapporto -sottolinea il Capo dello Stato- affida alla comune riflessione un quadro inquietante delle condizioni economiche e sociali del Mezzogiorno: dalle analisi che vengono proposte emerge con chiarezza come le conseguenze negative della crisi economica in atto si ritrovino amplificate nel contesto delle regioni meridionali, con il diffondersi di gravi situazioni di disagio». 


La riduzione della base occupazionale – si legge nel rapporto - è dovuta ad una pesante riduzione dell’occupazione stabile (-7,8%) e, in minor misura, di quella atipica (-3,8%), Nel Sud si concentra tutta la riduzione dell’occupazione dipendente (- 246 mila unità pari a- 5,2%) rilevata a livello nazionale; nel Nord, invece, essa aumenta sia pur lievemente a fronte di una riduzione sensibile del lavoro autonomo (-219 mila unità, il -5,2%). Ed il rapporto continua: . La quota degli occupati sulla popolazione in età da lavoro diminuisce con diversa intensità in tutte la regioni meridionali, particolarmente forte è il calo in Basilicata (dal 48,5 al 46,0%) e in Molise (dal 52,3 al 50,7%). Valori drammaticamente bassi e in ulteriore diminuzione si registrano in Campania (41,6%) e Sicilia (41,2%).

Tra il 2008 e il 2012 il tasso di occupazione giovanile è diminuito nel Mezzogiorno dal 35,9% al 30,8%. Le difficoltà maggiori riguardano i diplomati e i laureati nel Mezzogiorno che presentano tassi di occupazione (rispettivamente 31,3% e 48,7%) ,decisamente più contenuti di quelli del resto del Paese, e in flessione sia pur più contenuta di quella rilevata nel Centro-Nord. E a pagare cara la crisi, continua il Rapporto sono i giovani. L’emigrazione dal Mezzogiorno al Centro-Nord costituisce ancora oggi una caratteristica peculiare del mercato del lavoro italiano; la sua persistenza e i suoi evidenti effetti sulla società e la demografia meridionale, rappresentano un fenomeno pressochè unico tra i paesi più sviluppati.

Il profondo divario tra aspettative, si legge, soprattutto delle nuove generazioni in termini di realizzazione personale e professionale e le concrete occasioni di impiego qualificato sul territorio ha determinato negli anni duemila la ripresa dei flussi di emigrazione dal Sud verso il Nord. A partire dalla fine degli anni novanta, infatti, l’esodo è ripartito. Tra il 2001 e il 2011 sono migrate dal Mezzogiorno verso il Centro-Nord 1.313 mila unità, di cui 172 mila laureati. Nel solo 2008, prima della crisi economica, il Sud ha perso oltre 122 mila residenti, trasferiti nelle regioni del Centro-Nord, a fronte di un rientro di circa 60 mila persone: una perdita di popolazione tripla rispetto a quella degli anni ottanta.

«Preoccupazione crescente, più di ogni altro dato, suscita l´opprimente carenza di opportunità di lavoro e di prospettive per il futuro che suscita in molti giovani sfiducia se non rinuncia o li spinge a cercare faticosamente fuori del mezzogiorno e dell´Italia occasioni di lavoro in cui investire le loro potenzialità. Tale impoverimento di un essenziale patrimonio di risorse umane non può che risultare foriero di pesanti conseguenze e dunque inaccettabile per le regioni meridionali. La via da perseguire deve perciò essere quella dell´avvio di un nuovo processo di sviluppo nazionale che trovi una solida base nelle grandi energie e capacità umane presenti nel meridione», conclude Napolitano.

Un terzo delle famiglie meridionali, inoltre, si legge nel Rapporto, è a rischio povertà. In Italia un milione e 725 mila famiglie si trovavano nel 2012 al di sotto della soglia di povertà assoluta, con un aumento di 750 mila unità rispetto al 2007: nel Centro-Nord erano assolutamente povere circa 930 mila famiglie del Centro-Nord, a fronte di circa 790 mila famiglie del Mezzogiorno.

Le famiglie che hanno più di 3 mila euro mensili (oltre 36.000 euro annui) sono circa il 44% nel Centro-Nord e solo il 24,1% nel Mezzogiorno. Per converso, il 14,1% delle famiglie meridionali e il 5,1% di quelle del Centro-Nord ha 35 meno di mille euro al mese (12.000 euro annui) . In particolare, hanno entrate inferiori a mille euro il 12,8% delle famiglie calabresi; il 14,9% di quelle campane, il 16,7% di quelle lucane e il 19,7% delle siciliane. L’aumento dell’occupazione è certamente il modo più opportuno, ma non l’unico, per compensare una disuguaglianza causata principalmente dalla distribuzione dei redditi primari. 

Nello stesso tempo una maggiore equità può contribuire positivamente alla crescita, e può essere perseguita attraverso una riorganizzazione del welfare.

L’Italia, insieme alla Grecia,-conclude il rapporto- è l’unico paese dell’Unione Europea a non avere uno strumento specifico e universale di contrasto della povertà, come il Reddito Minimo (o Minimo Vitale).



 

ALTRE NOTIZIE

Nuovi locali a Roma per la sede ANAS lazio
Cresce la rete associativa ANAS (Associazione nazionale di Azione Sociale) su tutto il territorio nazionale e la presidenza della sede regionale del L...
Leggi tutto
L´ANAS avvia la formazione per la cultura d´impresa con il progetto FYT
Continuano le attività della rete Anas Associazione Nazionale di Azione Sociale) su tutto il territorio nazionale nonche quelle relative al pro...
Leggi tutto
Il Giovinetto Petrosino domani a Rosolini per il campionato di serie B -
Mentre la maggior parte dei campionati isolani sono fermi, il Giovinetto Petrosino continua la sua marcia nel campionato di serie B, giunto alla quart...
Leggi tutto
Alluvione Sardegna: Calvisi, Governo vicino ai cittadini colpiti dal maltempo. Inviati a Bitti mezzi militari del genio per rimozione fango e ripristino viabilità
“Il Governo e il Ministero della Difesa sono vicini ai cittadini colpiti duramente dai violenti nubifragi che si sono abbattuti nelle ultime ore in tu...
Leggi tutto
VI PRESENTIAMO LA SCUOLA SECONDARIA DI IGRADO DELL’I.C. RADICE PAPPALARDO
Il 2020 ci ha inevitabilmente condotti a sviluppare nuove forme di comunicazione e di incontro che ricorrono a canali e spazi virtuali, così og...
Leggi tutto
VI PRESENTIAMO LA SCUOLA SECONDARIA DI IGRADO DELL’I.C. RADICE PAPPALARDO
Il 2020 ci ha inevitabilmente condotti a sviluppare nuove forme di comunicazione e di incontro che ricorrono a canali e spazi virtuali, così og...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web