Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 20/04/2017 da Direttore

quando la giustizia dipende dal governo

quando Ancora una volta la magistratura onoraria precaria mantiene alto il livello di protesta con l’ennesima
astensione sulla paventata attuazione della Legge Delega n. 57/2016, ed in particolare, sulla previsione del
regime transitorio ai magistrati in servizio.
È’ singolare che in ogni dibattito politico e televisivo, non solo tra addetti ai lavori, si discuta dei rimedi alla
eccessiva lunghezza delle indagini e dei processi, e non si pensi che la riforma della magistratura onoraria
nel senso indicato dalla categoria interessata possa essere la soluzione.
Eppure si sta approntando, nel tentativo di eludere la prossima e certa procedura di infrazione UE, che
costerebbe milioni di euro allo Stato italiano, una attuazione della riforma che, lungi dal valorizzare
l’apporto della magistratura onoraria, ne ridurrà sensibilmente l’essenziale contributo al sistema giustizia e
determinerà il collasso definitivo del sistema.
Il cittadino deve sapere che i presidenti dei tribunali attualmente contano sulla magistratura onoraria per
colmare efficacemente i vuoti di organico ordinari e straordinari, sempre più ricorrenti, nel ruolo
monocratico ma anche in quello collegiale, e che davanti a lui in udienza, spesso si siede un giudice
onorario, con le medesime funzioni e doveri del “togato”, ma nessun diritto.
Anche le indagini delle procure sono rese possibili, grazie all’apporto dei vice procuratori onorari nelle
udienze di rito monocratico e di giudice di pace penale, ciò che potrebbe subire una inversione di rotta in
caso di diminuzione obbligata dell’impegno, provocando ingenti ritardi nella conclusione delle indagini
preliminari, con le catastrofiche conseguenze in termini di prescrizione dei reati.
Ebbene, la certa ricaduta negativa che tale progetto avrà sul piano della efficienza del sistema, e il contrasto
stridente con quella normativa europea, provocherà con certezza ingenti danni economici per lo Stato
italiano e soprattutto per i singoli cittadini in attesa di giustizia, e rappresenterà il manifesto della politica in
materia di “lavoro” di questo governo.
La giustizia la attendono i 5000 magistrati onorari dopo anni di servizio prestato senza tutele previdenziali
e di maternità, senza riconoscimento di ferie pagate, con un sistema di mero cottimo “in nero di diritti”, che
li ha costretti a lavorare pur in malattia, sotto chemio terapie o altri trattamenti curativi importanti per
evitare la sicura “revoca dell’incarico”.
In queste condizioni hanno pronunciato e perseguito la giustizia, in modo autonomo e imparziale,
nonostante proprio a questi magistrati onorari veniva negata giustizia.
Questi magistrati precari ancora oggi si vedono negati o comunque non apertamente riconosciuti i propri
diritti, poiché nessuno ha garantito una disciplina transitoria certa e satisfattiva delle ragioni di coloro che la
Commissione Europea e il comitato europeo dei diritti sociali hanno definito comunque come “lavoratori”.
Confidiamo, quindi, nelle dichiarazioni del Ministro che ha demandato al Consiglio di Stato, organo terzo
consultivo in materia di legislazione delegata, di esprimere un parere sulla “eventuale stabilizzazione” della
magistratura onoraria in servizio e che ha dichiarato che avrebbe proseguito nella strada della stabilità delle
funzioni.
Tale parere è pervenuto, a seguito della adunanza del 23 marzo 2017 al n. 00464/2017, e ha delineato una linea
di indirizzo precisa e conforme alle proposte delle maggiori associazioni di categoria, ossia, compatibilità
con il tessuto costituzionale della legge già promulgata nel 1974 per i vice pretori onorari che ebbe a
disporne il mantenimento in servizio nell’ambito delle funzioni di tribunale.
A Costituzione immutata, nessuno può affermare che tale legge ispiratrice della proposta di categoria sia
dotata di “incostituzionalità” come non lo fu la precedente. Del resto, si tratta di garantire la permanenza in
servizio con funzioni piene e relative tutele previdenziali e retributive a chi ha sempre esercitato le
medesime funzioni giurisdizionali piene della magistratura togata, mantenendo la riserva di progressione di
carriera e quindi le prerogative eminentemente politiche di autogoverno alla sola magistratura di carriera.
Chi potrebbe opporre ormai un veto?
L’Unione Nazionale Italiana Magistrati Onorari e la Confederazione Giudici di Pace chiedono al Governo
di seguire le indicazioni dettate dai principi dell’Unione Europea, dalla Costituzione italiana, che, si ricorda,
non ha disciplinato solo il tema dell’accesso alla magistratura ma anche quello degli inalienabili diritti ad
una giusta retribuzione per il lavoro prestato e alle tutele previdenziali e alla maternità e malattia!

 

ALTRE NOTIZIE

Elezioni regionali. Toni Scilla: “Forza Italia non è un treno sul quale salire per arrivare all’Assemblea Regionale Siciliana e dal quale scendere una volta giunti a destinazione”
Ieri domenica ricca di incontri elettorali per Toni Scilla, candidato nella lista di Forza Italia alle elezioni regionali del prossimo 5 novembre 2017...
Leggi tutto
ALCAMO: TURNAZIONE IDRICA SETTIMANALE
L’Ufficio acquedotto del Comune di Alcamo comunica che, oggi pomeriggio sarà distribuita l’acqua per il 1^ turno - Zona Nord Corso VI Aprile - ...
Leggi tutto
Marsala: anche quest´anno il Comune indice il concorso fotografico “Rompiamo il Silenzio”, uno scatto fotografico in difesa delle donne
Giunge alla terza edizione il concorso fotografico “Rompiamo il Silenzio” promosso dall´Amministrazione comunale – Assessorato alle Pari opportunit&ag...
Leggi tutto
L´orchestra del "Taormina opera Stars" pioniera del melodramma alle isole Canarie
L´orchestra del "Taormina opera Stars" pioniera del melodramma alle isole Canarie. Nello splendido e modernissimo "Palacio de Formacion y Congreso" de...
Leggi tutto
Domani, 24 ottobre, Giacomo Pilati presenta Piccolo almanacco di emozioni a Paceco (TP)
Martedì 24 ottobre - ore 17.00 Biblioteca Comunale Paceco (TP) «Poi, a un tratto, l’aria diventa un’altra cosa. Trasparente, liquida. Non si v...
Leggi tutto
Rilancio dell’Agricoltura, le proposte di Silvia Calvanico
Silvia Calvanico, candidata per Forza Italia alle elezioni regionali che si terranno il 5 novembre in Sicilia, collegio di Trapani, ha elaborato un do...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

VITO su LA RICONQUISTA DELL’AUTONOMIA PORTUALE DOMANI PRESENTAZIONE LISTA CANDIDATI MESSINA:
UN PARTITO CHE FA GLI INTERESSI DEI CITTADINI ? PER QUANTO MI RIGUARDA, NEGLI ULTIMI SETTANT´ANNI, NON HO MAI VISTO UN PARTITO CHE NON FACESSE SOLO GLI INTERESSI DEI PROPRI ISCRITTI !!! QUESTA E´ STORIA !! ALTRO CHE INTERESSI DEI CITTADINI !!


Gaspare su Noi Siciliani con Busalacchi – Sicilia libera e Sovrana:
UN PROGETTO POLITICO SENZA LISTE. Dinanzi alla ennesima presa dei fondelli da parte di una politica siciliana programmata da elezioni regionali che si svolgeranno il prossimo 5 Novembre 2017 (mese dei morti e festa di tutti i santi), mi rivolgo alla storica maggioranza di corregionali che ancora preferisce non andare a votare, credendo di risolvere i propri problemi di livello personale e familiare, imposti da un sistema politico fallito, inutile e devastante, reso libero di fare ciò c


VITO su Dall’aeroporto di Trapani-Birgi decolleranno i velivoli militari partecipanti all’esercitazione:
ORA SAPETE PERCHE´ E´ STATO ANTICIPATO L´ORARIO INVERNALE DEI VOLI ALL´AEROPORTO DI TRAPANI BIRGI !!


VITO su Situazione ferroviaria insostenibile in Sicilia. Disagi e problemi alla circolazione:
UNA SOLA CONSIDERAZIONE : "DELINQUENTI" !!!!!!!!!!!!!!!!!!


VITO su A causa cancellazione di ben sette rotte riguardanti l´Aeroporto di Trapani, hanno creato una valanga di dubbi che si sono riversati su tutti gli operatori del settore turistico:
QUEI DEBOSCIATI IRRESPONSABILI DELLA POLITICA HANNO COLPITO ANCORA !! CON LA LORO APATIA ED INCAPACITA´ SONO LA VERA PALLA AL PIEDE PER LO SVILUPPO DEL TERRITORIO; UNICO LORO INTERESSE LO STIPENDIO DI FINE MESE !!


VITO su Tavola rotonda sul sanità conn l´on.le Faraone organizzta sa Saammer School:
SONO STUPEFATTO DI COME I NOSTRI POLITICI SI PREOCCUPANO DELLA SALUTE PUBBLICA; MA CI PENSATE SE SI IMPEGNASSERO, COME FANNO, IN PROSSIMITA´ DELLE ELEZIONI, CHE MERAVIGLIOSO PAESE SAREMMO; PURTROPPO PER NOI QUESTI STESSI POLITICI, QUESTA NAZIONE, SE LA SONO DIVORATA !!!


VITO su SAN VITO LO CAPO, IL SINDACO CHIEDE INTERVENTI URGENTI PER I RIFIUTI:
QUELLO CHE NON HO ANCORA CAPITO E´ IL FATTO CHE LO DEBBA DIRE LA REGIONE SICILIA QUANTA SPAZZATURA DEVE CONFERIRE UN COMUNE ! MI AUGURO CHE I SINDACI SAPPIANO CHE, IN EMERGENZA ED AL FINE DI EVITARE GUAI SANITARI ALLA POPOLAZIONE, POSSONO E DEVONO INTERVENIRE D´AUTORITA´ !!


VITO su Fontana: «Una serie di eventi decontestualizzati non possono rilanciare Erice»:
PURTROPPO DIECI ANNI DI SINDACATURA TRANCHIDA HANNO DECRETATO LA MORTE CEREBRALE DI ERICE !!


VITO su ODDO: “L’ALTA VELOCITA’ DEVE ARRIVARE A TRAPANI”:
QUELLO CHE RITIENE ODDO, A NOI TRAPANESI INTERESSA POCO; UNA COSA E´ CERTA CHE, GRAZIE AI QUESTI INUTILI DEPUTATI REGIONALI DELLA PROVINCIA DI TRAPANI, A NOI NON ARRIVERA´ NIENTE !! UNA VOLTA TANTO, ODDO ABBIA LA DELICATEZZA DI TACERE !!


VITO su La Sicilia brucia, il sistema del precariato sotto accusa:
FORSE DOPO TANTO TEMPO CI SONO ARRIVATI ANCHE LORO !!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

powered by
First Web