Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 16/03/2017 da Direttore

Disastri ambientali come quello che, secondo l’accusa, sembrano essere stati causati da atti puramente negligenti, rappresentano un gravissimo danno per l’ambiente come per la salute dei cittadini

Disastri
DICI – Centro per i diritti del cittadino è stata ammessa come parte civile al procedimento penale contro i vertici della Raffineria di Milazzo. “Siamo contenti della decisione di ammettere la nostra associazione al processo, presa dal Tribunale di Messina” ha dichiarato l’Avv. Manfredi Zammataro, presidente regionale di CODICI – Centro per i diritti del cittadino – Sicilia “Disastri ambientali come quello che, secondo l’accusa, sembrano essere stati causati da atti puramente negligenti, rappresentano un gravissimo danno per l’ambiente come per la salute dei cittadini. Un gesto indubbiamente criminale che, per questo, passerà al vaglio del giudizio penale e la nostra Associazione sarà anche stavolta in prima linea”.
Il disastro ambientale in questione risale al 22 novembre 2011, quando la zona di Milazzo fu colpita da un’alluvione che causò la tracimazione di oltre 61mila metri cubi di acque di lavorazione contenute in serbatoi di stoccaggio, giunte fino al mare; molte furono infatti, in quell’occasione, le segnalazioni in mare di evidenti chiazze di idrocarburi. Secondo le indagini, quanto accaduto sarebbe da attribuire alla negligenza degli attuali imputati, vertici della Raffineria di Milazzo: Marco Antonio Saetti (Direttore della RAM), Paolo Antonio De Gaetano, Natale Anastasi, Rosario Cannistrà, Sebastiano Bertino, Raffaele D’ Angelo (in qualità di tecnici della RAM).
“L’ammissione al procedimento quale parte civile, permetterà alla nostra Associazione – che da tempo ormai si occupa di problematiche ambientaliste e di lottare contro i responsabili di disastri come quello attualmente in causa, allo scopo di tutelare e salvaguardare l’ambiente e la salute dei cittadini esattamente come sancito dallo statuto del CODICI – di ottenere Giustizia per quanto accaduto: la dispersione in mare di materiali evidentemente tossici rappresenta infatti un grosso danno non solo per l’ambiente e la fauna marina che sono stati così colpiti in maniera diretta da quanto accaduto, ma anche per la salute dei cittadini, essendo il mare un’importantissima risorsa umana, dalla quale si attinge una vasta gamma di prodotti di uso quotidiano e comune” ha concluso l’Avv. Zammataro.

 

ALTRE NOTIZIE

Il rispetto bipartisan tributato a Sebastiano Tusa dovrebbe farci riflettere sull´importanza della scelta degli uomini di governo
Pontrelli e Tantino(Diventerà Bellissima): Classe politica e società civile hanno pianto trasversalme...
Leggi tutto
Marsala: il Csr-Aias ospita oggi (sabato 19) e domenica 20 la 42ma mostra ornitologica. Domenica la premiazione dei
Il Centro di riabilitazione CSR-AIAS di Marsala ospiterà per la prima volta la Mostra Ornitologica Città di Marsala, evento sempre molt...
Leggi tutto
Leopolda10 ha fatto il pieno di idee progetti e partecipanti
Alla Leopolda tantissima gente  interessata; tanti i curiosi, per capire cosa sta succedendo e tanti sono rimasti fuori per ragioni di sicurezza, per ...
Leggi tutto
Coordinamento Consulta del Sud, da Roma cominciano i lavori, Magistro (Sicilia): “Mai accaduto che tutti i giovani del Mezzogiorno si unissero, seguiranno incontri al Senato, Camera e Ministeri”
Si è conclusa giovedì la tre giorni di lavori inaugurali del Coordinamento della Consulta del Sud, il nuovo organo interregionale e apar...
Leggi tutto
Corteo studenti sulle Madonie per le ZFM, “Vogliamo restare qui”
Sicilia: corteo studenti sulle Madonie per le ZFM, “Vogliamo restare qui”
Leggi tutto
Un mare di Svizzera 2
Un anno addietro Un Mare di Svizzera aveva acce...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web