Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Sport il 08/05/2016 da REDAZIONE REGIONALE

ANDREUCCI-ANDREUSSI SU PEUGEOT FIRMANO LA 100TH TARGA FLORIO

ANDREUCCI-ANDREUSSI
Il toscano entra nella storia sulla 208 T16 della Casa del Leone con il decimo trionfo personale nella corsa più antica del mondo. Secondo sul podio un esaltante Andrea Nucita con la Ford Fiesta, primo dei siciliani, e terzo Umberto Scandola sulla Skoda Fabia. Comas e la Lancia Stratos vincono nel Tricolore Storico mentre nel Regionale si impone La Rocca sulla Mitsubishi Evo X. Folla in delirio per la leggenda dei prototipi tornata con l´Historic Speed alle Tribune di Cerda insieme alla Classic

Palermo, 7 maggio 2016. La 100th Targa Florio è di Paolo Andreucci, primo su Peugeot 208 T16 per la decima volta nella corsa più antica del mondo. Il toscano, navigato da Anna Andreussi, entra nella storia precedendo sul podio Andrea Nucita con la Ford Fiesta e Umberto Scandola su Skoda Fabia. La centesima edizione della Targa ha vissuto domenica una giornata finale da incorniciare nel già ricchissimo album della leggenda. Una giornata in cui è esplosa la passione più calda per la corsa siciliana, sempre capace di guardare alla propria storia senza mai perdere di vista il futuro. Alle Tribune di Cerda, luogo simbolo della Targa Florio del Mondiale Marche, è stato incredibile lo spettacolo offerto dal pubblico ancor prima che dall´Historic Speed, che ha riportato le più belle auto Sport e GT e i loro grandi piloti sulle strade delle Madonie.
E anche tornando alla competizione, valida come terza prova del Campionato Italiano Rally, “A Cursa” non ha risparmiato emozioni, colpi di scena e grande pubblico, oltre a un siciliano come Nucita, navigato dal fratello Giuseppe, arrivato a una manciata di secondi da un´affermazione che sarebbe stata storica dopo una gara di alto livello con la ciliegina del miglior tempo in 4 prove speciali sulle 13 disputate in totale. La vittoria finale è invece di Andreucci, leader Tricolore, con la 208 di Peugeot Italia, alla luce di uno splendido duello prima con Giandomenico Basso sulla Ford Fiesta alimentata a gas e preparata dalla BRC e poi con lo stesso scatenato outsider messinese. Dopo essersi diviso quasi tutte le vittorie nelle varie prove speciali fino a quel momento, per Andreucci e Basso, leader della corsa fino a sabato sera, il momento decisivo si è compiuto domenica mattina poco prima della PS11 “Campofelice di Roccella 2”, quando il trevigiano della BRC è stato fermato e poi rallentato in prova da inconvenienti alla trasmissione, scivolando dal secondo posto ad appena 4 decimi dal leader toscano al settimo generale, per poi subito essere costretto al ritiro. A quel punto è stato Nucita a riavvicinarsi ad Andreucci, conquistando le speciali finali e arrivando al traguardo in Piazza Duomo a Cefalù pronto a festeggiare un esaltante secondo posto. Dopo una Targa Florio senza acuti ma regolare, è comunque riuscito a conquistare il terzo gradino del podio il veronese Umberto Scandola, navigato da Guido D´Amore sulla Skoda Fabia R5. Il veronese di Skoda Italia Motorsport ha douto anche fare i conti con la gestione di un calo alla pressione del turbo nelle tre prove di sabato mattina, dopo le quali è riuscito a incrementato il ritmo fino al terzo podio personale consecutivo alla Targa.

Sotto al podio grande duello tra le Peugeot 208 degli idoli di casa Totò Riolo, navigato da Massimo Alduina, e Marco Runfola, affiancato da Marco Pollicino. Al traguardo della “sua” Cefalù Runfola è quarto, primo inseguitore del podio, passando Riolo proprio al fotofinish per appena un decimo di secondo. Quest´ultimo, dopo qualche recriminazione per una scelta di gomme non azzeccata al sabato, ha trovato il ritmo e attaccato fin dalla special stage “Targa 100” in partenza dalle storiche Tribune di Floriopoli e in arrivo nella “sua” Cerda, rimontando fino giocarsi e a completare la top-5. Tra i ritirati, oltre a Basso, spicca il nome di Simone Campedelli su Peugeot 208 R5. Il romagnolo è stato protagonista della top-5 fino a dopo la PS7 “Pollina 2” di sabato, quando è stato fermato da noie al propulsore. Sabato si era fermato, tradito dal cedimento di un semiasse, anche Domenico Guagliardo sulla Porsche 997 GT3. Il palermitano ha potuto riprendere il via domenica e, pur non potendo utilizzare la giornata di sabato come apprendistato sulla sua nuova auto, ha occupato stabilmente la top-10 di giornata. Nel Tricolore Junior splendide la lotta per il successo e l´alternanza al comando tra il palermitano di Prizzi Marco Pollara, con al fianco Giuseppe Princiotto, e il molisano Giuseppe Testa navigato da Daniele Mangiarotti, entrambi gli equipaggi sulla versione R2 della Peugeot 208. Nell´assoluta della Targa la spunta Testa, ma per il Tricolore Rally Pollara si toglie la soddisfazione di vincere la giornata di domenica “pareggiando” il successo del rivale sabato e rimanendo in testa al Campionato. Nel 2 Ruote Motrici affermazione per il reggiano Ivan Ferrarotti sulla Renault New Clio R3C condivisa con Massimo Bizzocchi.

Nell´Historic Rally ha preso il comando nella prova inaugurale in notturna nel centro di Collesano e l´ha mantenuto fino al traguardo di Cefalù il già F.1 Erik Comas nella competizione valida per il Campionato Italiano Rally Auto Storiche, aggiudicandosi il 2° Raggruppamento navigato da Roche Yannick sulla Lancia Stratos. Ma è stato emozionante il duello per le vittorie parziali (7 quelle di Comas) delle prove speciali con “Lucky” e la navigatrice dai grandi trascorsi nel Mondiale Fabrizia Pons. L´equipaggio sulla Lancia Delta Integrale sale così sul secondo gradino del podio virtuale con 2scratch in totale conquistando il successo nel 4° Raggruppamento. Terzo miglior crono totale per il valtellinese Lucio Da Zanche con al fianco Daniele De Luis, efficaci nel prendere le misure all´esordio sulla loro “nuova” Porsche Carrera. Scorrendo le graduatorie, il 3° Raggruppamento è dei liguri Maurizio Rossi e Riccardo Imerito sulla Porsche 911 dopo il ritiro, causa inconvenienti alla frizione, dei leader della prima parte del rally Natale Mannino e Giacomo Giannone, anche loro su 911. Nel 1° Raggruppamento successo casalingo per il madonita Pierluigi Fullone, navigato da Riccardo Altopiano su BMW 2002 TI.

Concluso sabato sera con traguardo nell´abbraccio di Piazza Garibaldi a Campofelice di Roccella la competizione valida per il Campionato Regionale che era al seguito del Tricolore Rally. Malgrado qualche noia al leveraggio della frizione e all´assetto, successo per Fabrizio La Rocca, navigato da Claudio Palermo sulla Mitsubishi Evo X di classe R4: “Vincere qui è davvero un sogno – ha detto il pilota nisseno – ce l´abbiamo fatta dopo una bella sfida con i nostri rivali”. La Rocca ha infatti diviso il bottino di vittorie nelle speciali disputate con un coriaceo Roberto Lombardo, che ha completato la doppietta nissena facendo valere l´ottima conoscenza della sua fida Renault Clio Williams. Per lui seconda piazza e successo in classe A7. Sul podio è salito anche il trapanese Bartolomeo Mistretta, terzo al debutto e in adattamento sulla Renault New Clio di classe R3T. Quarto e primo di classe A6 l´agrigentino Ivan Brusca sulla Peugeot 106, mentre completa la top-5 del regionale l´altro agrigentino Dino Clemente Nucci con la Mitsubishi Lancer Evo IX N4.

La 100th Targa Florio si è conclusa anche con l´arrivo del Ferrari Tribute e della Classic, la competizione di regolarità che ha visto tra i migliori protagonisti gli equipaggi Moceri-Bonetti su Fiat 508 C, Passanante-Pisciotta con la Fiat 1100 e Accardo-Messina anche loro su Fiat 1100.

Classifica non ufficiale CIR dei primi 10 della 100th Targa Florio: 1. Andreucci-Andreussi (Peugeot 208 T16 R5) in 1h27´09”1; 2. Nucita-Nucita (Ford Fiesta R5) a 9”0; 3. Scandola-D´Amore (Skoda Fabia R5) a 48”0; 4. Runfola-Pollicino (Peugeot 208) a 2´50”8; 5. Riolo-Alduina (Peugeot 208 R5) a 2´50”9; 6. Tempestini-Pulpea (Ford Fiesta R5) a 3´14”8; 7. Baccega-Menchini (Ford Fiesta R5) a 4´11”7; 8. Rusce-Farnocchia (Ford Fiesta) a 4´49”8; 9. “Ciava”-Michi (Citroen DS3 R5) a 5´40”0; 10. Ferrarotti-Bizzocchi (Renault Clio R3C) a 6´15”6.

Per tutte le informazioni sulla gara consultare il sito www.targa-florio.it

 

ALTRE NOTIZIE

Slow Food-Central Europe si avvia alla conclusione. Ma la valorizzazione del patrimonio gastronomico è soltanto all’inizio!
L’esperienza maturata in tre anni di lavoro in cinque città dell’Europa centrale (Venezia, Cracovia, Dubrovnik, Brno e Kecskemét) &egrav...
Leggi tutto
Castellammare del Golfo - Negozi aperti anche la domenica e nei festivi
Negozi aperti anche la domenica e nei festivi:
Bayer celebra l’Anno Internazionale della Salute delle Piante con «Il Piantastorie»
Otto racconti dedicati alle piante di città e di campagna scritti da Antonio Pascale e illustrati da Matteo Riva Milano, 28 maggio 2020...
Leggi tutto
Documento tecnico sull’ipotesi di rimodulazione delle misure contenitive nel settore scolastico - CNDDU
Il Coordinamento nazionale dei docenti della disciplina dei diritti umani, dopo aver attentamente valutato i contenu...
Leggi tutto
ALTA ARTE DELLA PANIFICAZIONE SICILIANA, PREMIATI RAFFAELE SCROFANI E CAMILLIERI VALENTINA DALL’ACCADEMIA DELLE PREFI
Una visita ufficiale dell’Accademia delle Prefi a Ragusa, la città dei ponti, è uno dei gioielli del b...
Leggi tutto
È nato il MAC, il Movimento Artistico Culturale della Città di Marsala
Dopo oltre tre anni di intenso lavoro, e nonostante il periodo di enorme affanno per il settore culturale cau...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web