Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 10/03/2016 da REDAZIONE REGIONALE

GIBELLINA, QUANDO LA FEDE SI SIEDE A TAVOLA:

GIBELLINA,
IL PROGRAMMA DELLA SAGRA DI S.GIUSEPPE
18/19 Marzo 2016
Tra festa e religione parte il viaggio alla scoperta di sapori e tradizioni in uno dei luoghi più suggestivi della Valle del Belìce: Dal connubio fra origini e profumi di cucina, nasce la prima sagra interamente dedicata ai prodotti tipici di San Giuseppe, che si terrà a Gibellina il 18 marzo prossimo.In occasione della festa di San Giuseppe, una delle feste religiose e familiari più sentite, il Comune di Gibellina organizza e promuove la I edizione della Sagra “La Tavola di San Giuseppe”, che si terrà il prossimo 18 marzo in Piazza XV Gennaio 1968, dalle ore 15,00 alle 24,00. La festa continuerà sabato 19 marzo, a partire dalle ore 8,30 presso la Chiesa di San Giuseppe con la Solenne Celebrazione Eucaristica; alle ore 10,30 partirà la Solenne Processione in onore di San Giuseppe e alle ore 12,3o, presso la P.zza XV Gennaio 1968, la Benedizione, Funzione e Pranzo della Sacra Famiglia. L’iniziativa si propone di promuovere prodotti tipici locali, alimentari, artigianali e artistici, legati esclusivamente alla funzione religiosa della festività di San Giuseppe, al fine di consolidare una grande tradizione ricca di significati simbolici, cerimoniali e di grande impatto sociale e comunitario. Non mancheranno infatti i mercatini artigianali, la mostra di manufatti di ricamo artigianali, la mostra di fotografie e libri sulla festa in onore di San Giuseppe, nonchè le visite agli Altari di San Giuseppe dislocati in varie parti della città: Altare comunale (P.zza XV Gennaio 1968), Ass. Pietro Consagra (V.le Indipendenza Siciliana), FI.DA.PA (P.zza S. Rocco), Caritas (Chiesa Gesù e Maria, C.so Finocchiaro Aprile), realizzati in collaborazione e con il prezioso aiuto degli anziani di Gibellina, importante memoria storica della città di Gibellina, già riconosciuta capitale d’arte contemporanea e che vanta un tessuto urbano ed architettonico, con opere d’arte e sculture di forte attrattiva di livello nazionale ed internazionale, che fanno della città belicina un vero e proprio museo all’aperto. Nel rispetto di ciò e in continuità con la politica già adottata in città, anche per questa sagra sarà prestata particolare attenzione alla raccolta differenziata, confermando Gibellina ancora una volta città all´avanguardia in merito alla gestione rifiuti. Dodici gli stand dove si potranno gustare le specialità a tema: Pane intagliato, pasta con sarde e mollica, finocchio e broccolo fritto, cannoli e cassatelle con la ricotta, pignolate con il miele, vino e l´immancabile sfince di San Giuseppe.
SAPEVATE CHE.... La sfincia di San Giuseppe è un dolce fritto tipico della Sicilia Occidentale inserito nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (P.A.T) del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (Mipaaf). Il nome sfincia deriva dall´ arabo: ﺍﺴﻔﻨﺞ‎, isfanǧ "spugna", per l´originale forma di questo dolce, che si presenta come una frittella morbida e dalla forma irregolare, proprio come una vera e propria spugna. L´origine di questo dolce è antichissima, tanto che compare, anche se con nomi diversi, nella Bibbia e nel Corano. Inoltre, pare che sia l´evoluzione di pani persiani fritti nell´olio. Viene consumato tradizionalmente il 19 marzo, durante la festa di San Giuseppe, considerata in tutta l´Isola la prima festività della nuova stagione primaverile, oltre che la festa del papà.
CURIOSITA´....: Secondo una vecchia tradizione, la sfincia veniva preparata dalla suocera per la nuora per cercare di "addolcire" i rapporti tra le due, tipicamente parecchio difficili e ostili a causa della gelosia delle due donne nei confronti, rispettivamente, del figlio e del marito.
A GIBELLINA......Grande è sempre stata la devozione e il culto per San Giuseppe presso la popolazione di Gibellina. Ciò che ancora oggi caratterizza questa festa sono “gli altari” allestiti a casa, da chi ha fatto voto al Santo, con l’aiuto di parenti ed amici, nonché il pranzo di giorno 19 che si svolge in forma di rappresentazione sacra.
Protagonisti di questo rituale sono “i santi”: tre fanciulli che allegoricamente rappresentano S. Giuseppe, la Madonna e Gesù Bambino (talvolta i personaggi sono cinque e comprendono, oltre ai membri della sacra famiglia, Sant’Anna e San Gioacchino, genitori di Maria). “Li Santi” sono gli ospiti sacri del banchetto a cui in realtà è invitata tutta la gente del paese.
UN PO DI STORIA....Il culto di San Giuseppe divenne pubblico tra la fine del XIV secolo e l’inizio del XV in Francia, Italia e Spagna, ma l’usanza siciliana di imbandire nelle case e nelle piazze un banchetto in suo onore nasce solo nel 1870, quando nasce Papa Pio IX lo proclama patrono della Chiesa. La tavolata rievoca un celebre episodio dell’infanzia di Gesù quale la fuga in Egitto, culminata nell’accoglienza della Sacra Famiglia da parte di una coppia avvisata in sogno: alla tavolata, in rappresentanza della prima, vengono tradizionalmente invitati un anziano, una ragazza e un bambino, scelti tra i più bisognosi della comunità. L’altare è da allora un trionfo di figure simboliche: lo adornano palme, emblema dell’accoglienza, alloro, simbolo della sapienza, tovaglie bianche in segno di purezza, ma soprattutto agrumi e fichi, augurio di fertilità e abbondanza nei frutti della terra, e naturalmente pani, dono della Provvidenza. Tra i principali intagli lavorati in questi ultimi spiccano “u cucciddatu”, grosse ciambelle di pane e fichi lavorate a punta di coltello, la “spera”, un ostensorio farcito con impasto di fichi secchi per ricordare la presenza di Gesù in terra, i cuori, che recano le iniziali dei nomi della Sacra Famiglia, le rose, che indicano l’amore familiare, ma anche la croce, emblema del martirio di Gesù, un calice di vino e l’acqua, allegoria della redenzione dei peccati, e il bastone, prova della santità di Giuseppe.

 

ALTRE NOTIZIE

IL QUESTORE DELLA PROVINCIA DI TRAPANI, SALVATORE LA ROSA, RICEVUTO AL PALAZZO MUNICIPALE DAL SINDACO MASSIMO GRILLO
In visita istituzionale oggi al Comune di Marsala il Questore della Provincia di Trapani Salvatore La Rosa. Accompagnato dal Dirigente della Polstato ...
Leggi tutto
IL QUESTORE DELLA PROVINCIA DI TRAPANI, SALVATORE LA ROSA, RICEVUTO AL PALAZZO MUNICIPALE DAL SINDACO MASSIMO GRILLO
In visita istituzionale oggi al Comune di Marsala il Questore della Provincia di Trapani Salvatore La Rosa. Accompagnato dal Dirigente della Polstato ...
Leggi tutto
TRAPANI. SPACCIA MENTRE SI TROVA AGLI ARRESTI DOMICILIARI: I CARABINIERI ARRESTANO UNO SPACCIATORE PER LA SECONDA VOLTA
Nella giornata di mercoledì 2 dicembre, i Carabinieri della Stazione di Erice, con l’ausilio di personale del Nucleo Cinofili di Palermo Villag...
Leggi tutto
Smettere di fumare aiuta anche a risparmiare: ecco perché
Nel nostro Paese, il costo medio di un pacchetto di sigarette è di 5 euro. Se si pensa che ogni fumato...
Leggi tutto
Tavolo di concertazione del terzo settore per sostenere chi è in difficoltà a Carugate
la Presidenza della RETE ANAS (Associazione Nazionale di Azione Scoiale) Lombardia ha convocato il tavolo di concertazione, per il prossimo 4 dicembre...
Leggi tutto
FAVIGNANA: ALTRI 2 ARRESTI DEI CARABINIERI PER LA RAPINA IN VILLA DEL MAGGIO SCORSO
All’alba di mercoledì 2 dicembre, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile di Trapani e della Stazione di Favignana, coadiuvati nella f...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web