Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Sport il 28/06/2015 da REDAZIONE REGIONALE

ITALIANBAJA, MAXI GARA E TRIONFO MINI VITTORIA BIS DI AL-ATTIYAH DAVANTI A VARELA E VASILYEV

ITALIANBAJA,
Il russo resta al comando della Coppa del Mondo FIA Cross Country Rally
Ma l’asso del Qatar con tre successi consecutivi sta per mettere la freccia


Pordenone, 28 giugno 2015_ Pronostico rispettato all’ItalianBaja, quinto round della Coppa del Mondo FIA Cross Country Rally. Il favorito Nasser Al-Attiyah con la Mini All4 Racing del team ufficiale X-Raid, navigato dal francese Mathieu Baumel, ha vinto la sfida sui greti del fiume Meduna, del Torrente Cosa e del Tagliamento in provincia di Pordenone. Scenario splendido e suggestivo per il principe arabo abituato ai deserti, che già si era aggiudicato la corsa friulana nel 2008. Ieri Al-Attiyah ha siglato il miglior tempo (57’17’’ e 56’14’’) in entrambi i settori selettivi di 85 km che si correvano in senso inverso rispetto a sabato, con start da Cosa di San Giorgio della Richinvelda e arrivo in località San Lorenzo di Arzene. L’avversario più tenace è stato sempre il brasiliano ReinaldoVarela su Toyota HiluxOverdrive (vincitore dell’ItalianBaja 2012), che però nulla ha potuto contro il ritmo micidiale del battistrada, chiudendo con un distacco di 1’24’’. In una giornata di sole cocente tanto pubblico si è comunque assiepato lungo il percorso, godendo dello spettacolo sui guadi, al Rauscedo Jump e al Valvadrom. Nel finale proprio in extremis il russo Vladimir Vasilyev (altra Toyota Ovedrive), leader di Coppa del Mondo, ha guadagnato il terzo gradino del podio, dato che il connazionale AlexsandrZheludov(Toyota Protechm) è stato costretto a uscire lentamente dalla prova conclusiva per un problema meccanico. I suoi guai hanno permesso anche al polacco Marek Dabrowski (terza Toyota Overdrive) di salire in classifica, tenendo dietro a sua volta il ceco MiroslavZapletal e il lituano BenediktasVanagas. Senza 5’ di penalità, lo spagnolo Joan Roca Vila avrebbe potuto piazzare più in alto l’ennesimo buggy di Jean Louis Schlesser. Nella top ten ottavo posto per il kazaco YuriySazonov con un Hummer targato Mobilex e nono l’ungherese KarolyFazekas su Bmw X6, ormai vecchia conoscenza della baja pordenonese. Come spesso è capitato, Lorenzo Codecà sul Grand Vitara 3.6 di Suzuki Italia è stato il migliore degli italiani, decimo assoluto nonostante un mezzo non adatto ad affrontare i salti e i guadi sui fiumi.Tra i tanti abbandoni per il logorio dei mezzi – compresi quelli di MikiBiasion e Mauro Trentin –, Eugenio Amos con un PolarisRzr di Classe T3 è riuscito a concludere quindicesimo davanti a Elvis Borsoi su Ford Raptor.

Vittoria bis di Al-Attiyah davanti a Varela e Vasilyev

Netta la supremazia dei bikers friulani su tutti i concorrenti stranieri sfruttando la perfetta conoscenza del percorso. Perché, a parte la segretezza del tracciato, anni di allenamento sui greti hanno fatto la differenza. E così, dopo oltre 350 km di gara, solo 22 secondi hanno separato al traguardo Alessandro Ruoso (Yamaha) da Vanni Cominotto(Husqvarna).Il vincitore dell’anno scorso ha cercato ieri di recuperare lo svantaggio facendo segnare il miglior tempo in entrambi i settori selettivi, ma Ruoso non ha commesso errori e si è preso una meritata rivincita per il tripudio dei suoi fan pordenonesi. Questo trionfo potrebbe rappresentare il trampolino di lancio per un’altra stagione da protagonista nella Coppa del Mondo Bajas. Sul podio della Coppa del Mondo FIM Bajas anche il francese Adrien Marè (Ktm), mentre il migliore sui quad è stato il polacco Damian Rajczyk (Yamaha).

* * * * *

ItalianBaja,
maxi race and Mini triumph
Victory gained by Al-Attiyah ahead on Varela and Vasilyev
IThe Russian maintains the lead of the FIA World Cup for Cross Country Rally
But the ace from Qatar is going to overtake him

Pordenone, June 28th_ The predicted results have been confirmed at the Italian Baja, fifth round of the FIA World Cup for Cross Country Rally. The favorite Nasser Al-Attiyah gained the victory with the Mini All4 Racing of the official team X-Raid, navigated by the French Mathieu Baumel, overcoming the challenge across the Cosa torrent and the Meduna and Tagliamento riverbeds in the Pordenone surrounding area. A beautiful and charming scenery has welcome again the Arab prince used to desert landscapes, who already won our race in 2008. Al-Attiyah got yesterday the best time (57’17’’ and 56’14’’) in both Selective Sections of 85 km, faced in the opposite direction of the one followed on Saturday, starting from Cosa near San Giorgio della Richinvelda and arriving in San Lorenzo di Arzene. The hardest challenger has always been the Brazilian Reinaldo Varela with his Toyota Hilux Overdrive (winner of the 2012 edition of the Italian Baja), who anyway was never able to reach his rhythm and suffered a gap of 1’24’’. A hot sunny day framed by many spectators along the whole track offered a dazzling show while crossing fords, at the Rauscedo Jump and by the Valvadrom. It was just in the final track that the Russian Vladimir Vasilyev (another Toyota Ovedrive), the World Cup leader, availed himself of the occasion and gained the third step of the podium, as the compatriot Alexsandr Zheludov(Toyota Protechm) was obliged to slowly abandon the race because of a mechanic problems. His troubles allowed also the Polish Marek Dabrowski (third Toyota Overdrive) to climb up to the higher positions in the rank, ahead on the Czech Miroslav Zapletal and the Lithuan Benediktas Vanagas. Without a 5’ penalty, the Spanish Joan Roca Vila could have reached a better position with the last buggy of Jean Louis Schlesser. The eight position in the top ten has been seized by the Kazach Yuriy Sazonov with a Hummer belonging to Mobilex, while the Hungarian Karoly Fazekas, who is used to our Pordenone race, gained the ninth place with a Bmw X6. As it already happened, Lorenzo Codecà took the lead of the Italian rank with a Grand Vitara 3.6 of Suzuki Italia, gaining the tenth position in the Overall Rank, although his vehicle was not the proper one to face jumps, fords and riverbeds. Among the many troubles caused by the hardly tested vehicles – included the one of Miki Biasion and Mauro Trentin –, Eugenio Amos reached the 15th position with a Polaris Rzr, class T3, ahead on Elvis Borsoi with a Ford Raptor.

Ruoso got his deserved revenge

Local bikers clearly demonstrated their supremacy ahead on all foreign competitors, availing themselves of a perfect knowledge of the track. Because, although the route was not revealed, they have been always used to train along these riverbeds and their experience made the difference. This is why, after an over 350 km track, just 22” separated Alessandro Ruoso (Yamaha) and Vanni Cominotto (Husqvarna) at the final line. Last year’s winner tried to recover the disadvantage yesterday, getting the best time in both Selective Sections, but Ruoso did not make any mistake and got a deserved revenge which rose the enthusiasm of his local fans. This triumph could represent the start of another season as protagonist of the Bajas World Cup. On the stage of the FIM Bajas World Cup also the French Adrien Marè (Ktm), while the best quad rider has been the Polish Damian Rajczyk (Yamaha).






Italian Baja,
maxi gara e trionfo Mini
Vittoria bis di Al-Attiyah davanti a Varela e Vasilyev
Il russo resta al comando della Coppa del Mondo FIA Cross Country Rally
Ma l’asso del Qatar con tre successi consecutivi sta per mettere la freccia

Pordenone, 28 giugno 2015_ Pronostico rispettato all’ItalianBaja, quinto round della Coppa del Mondo FIA Cross Country Rally. Il favorito Nasser Al-Attiyah con la Mini All4 Racing del team ufficiale X-Raid, navigato dal francese Mathieu Baumel, ha vinto la sfida sui greti del fiume Meduna, del Torrente Cosa e del Tagliamento in provincia di Pordenone. Scenario splendido e suggestivo per il principe arabo abituato ai deserti, che già si era aggiudicato la corsa friulana nel 2008. Ieri Al-Attiyah ha siglato il miglior tempo (57’17’’ e 56’14’’) in entrambi i settori selettivi di 85 km che si correvano in senso inverso rispetto a sabato, con start da Cosa di San Giorgio della Richinvelda e arrivo in località San Lorenzo di Arzene. L’avversario più tenace è stato sempre il brasiliano ReinaldoVarela su Toyota HiluxOverdrive (vincitore dell’ItalianBaja 2012), che però nulla ha potuto contro il ritmo micidiale del battistrada, chiudendo con un distacco di 1’24’’. In una giornata di sole cocente tanto pubblico si è comunque assiepato lungo il percorso, godendo dello spettacolo sui guadi, al Rauscedo Jump e al Valvadrom. Nel finale proprio in extremis il russo Vladimir Vasilyev (altra Toyota Ovedrive), leader di Coppa del Mondo, ha guadagnato il terzo gradino del podio, dato che il connazionale AlexsandrZheludov(Toyota Protechm) è stato costretto a uscire lentamente dalla prova conclusiva per un problema meccanico. I suoi guai hanno permesso anche al polacco Marek Dabrowski (terza Toyota Overdrive) di salire in classifica, tenendo dietro a sua volta il ceco MiroslavZapletal e il lituano BenediktasVanagas. Senza 5’ di penalità, lo spagnolo Joan Roca Vila avrebbe potuto piazzare più in alto l’ennesimo buggy di Jean Louis Schlesser. Nella top ten ottavo posto per il kazaco YuriySazonov con un Hummer targato Mobilex e nono l’ungherese KarolyFazekas su Bmw X6, ormai vecchia conoscenza della baja pordenonese. Come spesso è capitato, Lorenzo Codecà sul Grand Vitara 3.6 di Suzuki Italia è stato il migliore degli italiani, decimo assoluto nonostante un mezzo non adatto ad affrontare i salti e i guadi sui fiumi.Tra i tanti abbandoni per il logorio dei mezzi – compresi quelli di MikiBiasion e Mauro Trentin –, Eugenio Amos con un PolarisRzr di Classe T3 è riuscito a concludere quindicesimo davanti a Elvis Borsoi su Ford Raptor.

Vittoria bis di Al-Attiyah davanti a Varela e Vasilyev

Netta la supremazia dei bikers friulani su tutti i concorrenti stranieri sfruttando la perfetta conoscenza del percorso. Perché, a parte la segretezza del tracciato, anni di allenamento sui greti hanno fatto la differenza. E così, dopo oltre 350 km di gara, solo 22 secondi hanno separato al traguardo Alessandro Ruoso (Yamaha) da Vanni Cominotto(Husqvarna).Il vincitore dell’anno scorso ha cercato ieri di recuperare lo svantaggio facendo segnare il miglior tempo in entrambi i settori selettivi, ma Ruoso non ha commesso errori e si è preso una meritata rivincita per il tripudio dei suoi fan pordenonesi. Questo trionfo potrebbe rappresentare il trampolino di lancio per un’altra stagione da protagonista nella Coppa del Mondo Bajas. Sul podio della Coppa del Mondo FIM Bajas anche il francese Adrien Marè (Ktm), mentre il migliore sui quad è stato il polacco Damian Rajczyk (Yamaha).

* * * * *

Italian Baja,
maxi race and Mini triumph
Victory gained by Al-Attiyah ahead on Varela and Vasilyev
IThe Russian maintains the lead of the FIA World Cup for Cross Country Rally
But the ace from Qatar is going to overtake him

Pordenone, June 28th_ The predicted results have been confirmed at the Italian Baja, fifth round of the FIA World Cup for Cross Country Rally. The favorite Nasser Al-Attiyah gained the victory with the Mini All4 Racing of the official team X-Raid, navigated by the French Mathieu Baumel, overcoming the challenge across the Cosa torrent and the Meduna and Tagliamento riverbeds in the Pordenone surrounding area. A beautiful and charming scenery has welcome again the Arab prince used to desert landscapes, who already won our race in 2008. Al-Attiyah got yesterday the best time (57’17’’ and 56’14’’) in both Selective Sections of 85 km, faced in the opposite direction of the one followed on Saturday, starting from Cosa near San Giorgio della Richinvelda and arriving in San Lorenzo di Arzene. The hardest challenger has always been the Brazilian Reinaldo Varela with his Toyota Hilux Overdrive (winner of the 2012 edition of the Italian Baja), who anyway was never able to reach his rhythm and suffered a gap of 1’24’’. A hot sunny day framed by many spectators along the whole track offered a dazzling show while crossing fords, at the Rauscedo Jump and by the Valvadrom. It was just in the final track that the Russian Vladimir Vasilyev (another Toyota Ovedrive), the World Cup leader, availed himself of the occasion and gained the third step of the podium, as the compatriot Alexsandr Zheludov(Toyota Protechm) was obliged to slowly abandon the race because of a mechanic problems. His troubles allowed also the Polish Marek Dabrowski (third Toyota Overdrive) to climb up to the higher positions in the rank, ahead on the Czech Miroslav Zapletal and the Lithuan Benediktas Vanagas. Without a 5’ penalty, the Spanish Joan Roca Vila could have reached a better position with the last buggy of Jean Louis Schlesser. The eight position in the top ten has been seized by the Kazach Yuriy Sazonov with a Hummer belonging to Mobilex, while the Hungarian Karoly Fazekas, who is used to our Pordenone race, gained the ninth place with a Bmw X6. As it already happened, Lorenzo Codecà took the lead of the Italian rank with a Grand Vitara 3.6 of Suzuki Italia, gaining the tenth position in the Overall Rank, although his vehicle was not the proper one to face jumps, fords and riverbeds. Among the many troubles caused by the hardly tested vehicles – included the one of Miki Biasion and Mauro Trentin –, Eugenio Amos reached the 15th position with a Polaris Rzr, class T3, ahead on Elvis Borsoi with a Ford Raptor.

Ruoso got his deserved revenge

Local bikers clearly demonstrated their supremacy ahead on all foreign competitors, availing themselves of a perfect knowledge of the track. Because, although the route was not revealed, they have been always used to train along these riverbeds and their experience made the difference. This is why, after an over 350 km track, just 22” separated Alessandro Ruoso (Yamaha) and Vanni Cominotto (Husqvarna) at the final line. Last year’s winner tried to recover the disadvantage yesterday, getting the best time in both Selective Sections, but Ruoso did not make any mistake and got a deserved revenge which rose the enthusiasm of his local fans. This triumph could represent the start of another season as protagonist of the Bajas World Cup. On the stage of the FIM Bajas World Cup also the French Adrien Marè (Ktm), while the best quad rider has been the Polish Damian Rajczyk (Yamaha).

 

ALTRE NOTIZIE

Scuola, giudizi descrittivi al posto dei voti numerici alla primaria. Illustrata ai sindacati l’Ordinanza con le novità
Scuola, giudizi descrittivi al posto dei voti numerici alla primaria
Covid: Turano, su internazionalizzazione servirà cambio di strategia
L’assessore alle Attività produttive: domani comitato di sorveglianza po-fesr su problemi azion...
Leggi tutto
Chiarezza sullo sversamento di gasolio a Favignana, la società elettrica ribadisce: “Nessuna inerzia, abbiamo fatto persino più di quanto richiesto dalla legge”
“La SEA, Società Elettrica di Favignana, non è mai stata inerte di fronte all’accaduto, in nessuna occ...
Leggi tutto
L’appello di Biagio Conte: Halloween trasmette violenza, orrore e danneggia i bambini
“Mi è dovere fare un appello a tutta la società affinché possa fare una riflessione per compren...
Leggi tutto
Riflessioni geopolitiche del Generale Bartolomeu Constantin Savoiu
Il generale Bartolomeu Constantin Savoiu, generale delle riserve delle forze di terra rumene (nonché capo della Gran Loggia nazionale rumena a...
Leggi tutto
Decreto si sequestro urgente emesso dal Tribunale di Trapani riferibili a tre soggetti
Nelle giornate scorse, Agenti della Polizia di Stato in servizio presso la Divisione Anticrimine della Questura di Trapani e Finanzieri del Nucleo di ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web