Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 08/06/2015 da REDAZIONE REGIONALE

COMPAGNIA CARABINIERI DI MARSALA - RAPINARONO IL MONTEPASCHI DI SIENA DI BERBARELLO. ARRESTATI DAI CARABINIERI DUE PREGIUDICATI PALERMITANI

COMPAGNIA
I Carabinieri della Stazione di Petrosino, diretti dal Lgt. Maurizio Giaramita, dopo una lunga ed articolata attività di indagine, hanno arrestato due pregiudicati palermitani, Vercio Pietro, di 37 anni, e Torretta Federico, di 34 anni, in esecuzione di un’ordinanza di applicazione rispettivamente della custodia cautelare in carcere e degli arresti domiciliari con braccialetto elettronico, emessa dal Tribunale di Marsala - Ufficio del Giudice per le Indagini Preliminari per il reato di rapina aggravata in concorso.
Nel dettaglio, infatti, il 28 agosto 2013, i militari dell’Arma sono intervenuti per una rapina commessa alla filiale del Montepaschi di Siena, che all’epoca era situata in c.da Berberello sulla via Mazara: due malviventi, a volto scoperto poiché uno indossava degli occhiali da vista e l’altro un cappellino che comunque non ne nascondevano il viso, sono entrati nella banca e, mentre uno teneva sotto controllo i clienti e gli impiegati, l’altro ha scavalcato il bancone e, con una forbice sottratta ad un cassiere, ha forzato il cassetto in cui era custodito una parte dell’incasso della giornata, portando via circa 16.000 euro. Terminata l’azione delittuosa, i due malviventi hanno intimato al cassiere di sbloccare la porta d’ingresso e sono fuggiti a bordo di un veicolo, di cui non si riuscirono ad individuare targa o modello
Appena ricevuta l’allarme, pertanto, i Carabinieri sono immediatamente giunti sul posto ed hanno effettuato i rilievi tecnici del caso al fine di individuare tracce utili per il prosieguo delle indagini. Sono state, quindi, repertate le impronte lasciate dal malvivente sul bancone ed acquisite le immagini registrate dal sistema di videosorveglianza della banca, da cui sono stati estrapolati dei preziosi fotogrammi che hanno confermato l’impianto fattuale ricostruito nonché hanno fornito delle precise indicazioni sulle fattezze dei malviventi e sugli indumenti indossati. Sono stati, poi, ascoltati minuziosamente i testimoni presenti alla rapina i quali, oltre che descrivere con precisione i due malviventi, hanno indicato anche che probabilmente non erano del luogo poiché parlavano con un’inflessione dialettale palermitana Tali attività hanno, quindi, consentito di restringere la cerchia dei possibili autori della rapina e si sono rivelate fondamentali per l’arresto dei due rei in trasferta, consentendo di orientare le attività su soggetti dell’area palermitana dediti ad analoghi reati.
E dunque, da un lato, l’analisi delle impronte acquisite effettuata dal R.I.S. di Messina ha incastrato Vercio Pietro, essendo risultata compatibile con altre impronte rilevate nel corso di precedenti fotosegnalamenti, poiché lo stesso è gravato da numerose condanne irrevocabili per reati della stessa indole: visto infatti che questi, residente a Palermo, non è risultato avere un conto corrente presso quella filiale o essere cliente a qualunque titolo, non ci sono stati dubbi per gli inquirenti sul fatto che l’impronta fosse stata lasciata nel corso dell’azione delittuosa.
Dall’altro, invece, una volta confrontate le effigi fotografiche dei due pregiudicati con i fotogrammi estrapolati dalle telecamere della videosorveglianza, le stesse sono risultate estremamente sovrapponibili.
Tutti queste risultanze, sommate tra loro, quindi hanno permesso agli investigatori di trarre degli elementi inconfutabili per giungere in modo certo all’identificazione dei due rapinatori ed ottenere, grazie al quadro probatorio fornito, il provvedimento restrittivo emesso dall’A.G. lilybetana su richiesta della Procura della Repubblica, in virtù del quale i due malviventi sono stati tratti in arresto.
Vercio Pietro e Torretta Federico, espletate le formalità di rito, così come disposto nell’ordinanza di applicazione della misura cautelare in argomento, sono stati ristretti rispettivamente presso il carcere Ucciardone di Palermo e la propria abitazione sita nel medesimo capoluogo siciliano, in regime di arresti domiciliari con braccialetto, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria di Marsala.


Marsala, 8 giugno 2015

 

ALTRE NOTIZIE

Marsala: "Giornata della memoria", intenso e partecipato lo spettacolo teatrale sulla Shoah
“Non possiamo permetterci di non ricordare e cadere nell´indifferenza. La cultura di trovare un nemico, il diverso, ha permesso quel genocidio, ...
Leggi tutto
Assenza deposita un ddl per la tutela della salute alimentare dei minori
“L’insufficiente controllo sull’alimentazione, specialmente su quella dei più giovani, può rivelarsi dannoso se non quando esiziale. Occ...
Leggi tutto
Sabato 25 gennaio si è svolto il convegno Anas“La donna nel XXI secolo: violenze e valutazioni medico legali"
Sabato 25 gennaio si è svolto come da programma, presso i locali della presidenza regionale dell´associazione, siti a Druento,presso la R...
Leggi tutto
Crias Sicilia, l´appello della Ugl: “Questione tecnica e non politica. L´Ars voti unanime la legge deroga”
E´ sempre più incerto il futuro per la Cassa regionale per il credito alle imprese artigiane siciliane. Il mancato accordo in conferenza dei ca...
Leggi tutto
La scuola che vorrei
Anche quest´anno l´Istituto Comprensivo "Lombardo Radice - Pappalardo" ha accolto l´invitoda parte del Liceo delle Scienze Umane "Gi...
Leggi tutto
il Prefetto di Trapani, Tommaso Ricciardi, ha celebrato presso la Caserma “L. Giannettino” del 6° Reggimento Bersaglieri, il “Giorno della Memoria”
Questa mattina, il Prefetto di Trapani, Tommaso Ricciardi, ha celebrato presso la Caserma “L. Giannettino” del 6° Reggimento Bersaglieri, il “Giorno...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web