Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Salute il 07/05/2013 da redazione

Dal bicarbonato alle erbe, circa 1000 italiani si affidano alle false cure

Dal
L´ultimo caso balzato alle cronache è quello di Luca, 27enne morto a Tirana dopo essersi sottoposto a una cura che doveva salvarlo da un tumore al cervello. Una cura a base di bicarbonato. Ma Luca non è purtroppo un caso isolato.

Cresce infatti in Italia il numero dei pazienti che, disperati, finiscono nella rete dei ´santoni’ della medicina che promettono cure miracolose contro il cancro. Si va dalle tisane al miscuglio di non meglio precisate erbe, dal bicabornato al metodo Di Bella, fino al veleno dello scorpione: terapie costose e molto spesso dannose, oltrechè inutili. 

«Si calcola - anche se è molto difficile fare stime precise - che circa 1.000 italiani si sono avvicinati a questi rimedi, prescritti da finti medici o ex professionisti radiati e senza scrupoli che fanno del denaro il loro unico credo. Insensibili alla condizione di disperazione che vivono i malati di tumore».

A scattare la fotografia del fenomeno dei nuovi stregoni e delle false terapie spacciate per miracolose è Salvo Di Grazia, ginecologo dell´azienda sanitaria di Pieve di Soligo (Treviso), che ha aperto un sito: "Medbunker, le scomode verità", dove, mostrando documenti e testimonianze, vengono di fatto smontate diverse cure alternative. Alcune molto bizzarre. E anche molto costose.

«In Italia non è mai stata fatta una stima in tal senso - spiega Di Grazia - anche perchè chi fa ricorso a questo tipo di medicine quasi sempre lo nasconde, anche per vergogna. Parliamo comunque di un mercato milionario.

Esistono due stime fatte all´estero: una in Australia dove si calcola un giro d´affari di 2,3 miliardi di dollari australiani l´anno e un´altra in Usa che stima un mercato legato a queste terapie vicino ai 34 miliardi di dollari l´anno» Il fenomeno negli ultimi anni è esploso. «Il boom - afferma Di Grazia - è proporzionalmente legato alla diffusione di Internet.

Sul web esistono siti dove vengono pubblicizzati questi rimedi anticancro miracolosi e forum dove centinaia di persone, quasi come fosse una setta, ne esaltano l´efficacia».

A fare da contraltare a questi siti web ci pensa Medbunker, diventato punto di riferimento di molti pazienti e familiari delusi che raccontano, pentiti, i loro viaggi, spesso all´estero, alla ricerca di queste cure.

«Sono tante, centinaia, le segnalazioni che ci arrivano», spiega l´esperto, che confessa di essersi avvicinato per caso a questo fenomeno.

«Tutto è iniziato quattro anni fa - racconta - quando, incuriosito da un video di una donna australiana che affermava di essere guarita da un tumore con la cura del bicarbonato, ho scoperto l´inganno che si nascondeva dietro quella testimonianza. Rivisto il filmato, frame per frame, ho infatti notato un referto dove veniva indicato chiaramente che la donna era stata operata con successo. Altro che bicarbonato».

Un´altra terapia anticancro molto discussa - «priva di riscontri scientifici», secondo Di Grazia - è la cura Di Bella, che prende il nome dal medico che l´ha ideata: Luigi Di Bella, morto nel 2003 alla soglia dei 91 anni. Il metodo alla fine degli anni ´90 fu oggetto di una grande attenzione da parte dei mass media italiani. Nel 1999 venne anche condotta dal ministero della Salute una sperimentazione che ne sancì di fatto la sostanziale inefficacia terapeutica.

«Eppure - sottolinea Di Grazia - ci sono ancora tanti italiani che si fanno prescrivere la cura dal figlio del professore, Giuseppe Di Bella, medico otorinolaringoiatra, che ha proseguito l´attività del padre Luigi anche con un sito web che ha molti sostenitori».

Famoso è poi il caso del Vidatox, il farmaco prodotto a Cuba, ricavato dal veleno dello scorpione azzurro. Un medicinale con proprietà antinfiammatorie molto pubblicizzato come antitumorale. Migliaia di italiani sono andati fino a l´Havana per procurarselo, malgrado non ci siano evidenze scientifiche che ne comprovino l´efficacia.

Commenti
09/05/2013 - il metodo Di Bella è stato riconosciuto valido per alcuni tipi di cancro. Per maggiori informazioni: http://www.news-24h.it/2012/09/umberto-veronesi-riconosce-il-metodo-di-bella-la-fine-del-boicottaggio/ (enzo russo)

 

ALTRE NOTIZIE

Trapani, piccoli negozi ai tempi del Coronavirus: la storia di Alba, diventata una influencer per le mamme della Sicilia
L´emergenza Covid-19 ha spinto tanti piccoli negozi a reinventarsi. C´è chi lo ha fatto sviluppando le opportunità legate ai social netw...
Leggi tutto
2 GIUGNO: GIRO D’ITALIA DELLE FRECCE TRICOLORI
In occasione delle celebrazioni per il 74° anniversario della proclamazione della Repubblica, la Pattuglia Acrobatic...
Leggi tutto
Aci Trezza. Annullata l´edizione di giugno dell´attesa tradizionale Sagra del pesce spada
Annullata l´edizione di giugno della Sagra del pesce spada di Aci Trezza. 
E´ quanto ha d...
Leggi tutto
Svelati gli oli della Sicilia finalisti del Premio Nazionale Ercole Olivario 2020
Sono l’Olio e.v.o. “Ogghiu” dell’Azienda Agricola Sanacore, l’olio e.v.o. “Nocellara” e il monocultiva...
Leggi tutto
Palermo: cittadini ripuliscono l’area pedonale San Giovanni degli Eremiti
Palermo, 26 maggio 2020 – L’area pedonale di via dei Benedettini a Palermo, davanti la chiesa di San Giovanni...
Leggi tutto
L’ART DIRECTORS CLUB ITALIANO (ADCI) ‘SBARCA’ IN SICILIA
L’Associazione dei più importanti creativi e pubblicitari italiani concretamente presente e operativa nella...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web