Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 16/03/2015 da REDAZIONE REGIONALE

CARABINIERI DI ALCAMO - CALATAFIMI SEGESTA: ARRESTATE TRE PERSONE DAI CARABINIERI, VITTIMA SEQUESTRATA E PICCHIATA PER ORE IMMEDIATE RICERCHE PERMETTEVANO DI BLOCCARE I PERICOLOSI CRIMINALI.

CARABINIERI
Fine settimana di intenso lavoro quello appena trascorso per i carabinieri della Stazione di Calatafimi Segesta diretti dal Maresciallo Giuseppe De Rosa e coordinati dal Comando Compagnia di Alcamo diretto dal Capitano Savino Capodivento, infatti nella mattinata di ieri, intorno alle ore 08:00 circa, giungeva presso la Centrale Operativa della Compagnia di Alcamo una segnalazione da parte del locale Pronto Soccorso, in quanto, poco prima, era stato accompagnato dall’ambulanza del 118 un cittadino straniero che presentava varie contusioni dovute a percosse e che lo stesso aveva riferito essere riconducibili ad un sequestro di persona. Immediatamente i militari si recavano presso il cennato Pronto Soccorso ove constatavano la presenza di un uomo, in barella, con il volto ed il corpo completamente tumefatti che, successivamente, veniva identificato in O. Vlad, rumeno classe 1986, domiciliato in Calatafimi Segesta (TP), ove riferiva di lavorare come pastore. I militari rimanevano sul posto in attesa che il predetto riuscisse a fornire qualche elemento di dettaglio, anche nella considerazione che i sanitari stavano in quel momento effettuando le necessarie visite mediche. Nel frattempo, posto che lo stesso non interloquiva bene in italiano, veniva nominata un interprete, quale ausiliario di P.G., affinché traducesse le dichiarazioni riferite dalla P.O. e al fine di raccoglierne la denuncia.
Dalla dichiarazioni rilasciate ai militari si poteva così ricostruire la vicenda, la vittima la sera prima alle ore 20:00 circa, aveva ricevuto una telefonata da un suo connazionale, tale VLASE Vasilica, il quale gli chiedeva di andare a casa sua. Durante il percorso incontrava un altro suo connazionale BABIUC SEVER Catalin, che lavorava con lui presso un ovile a Calatafimi. Insieme i due, poco dopo, si incamminavano in direzione della casa del Vasilica. Ivi giunti la vittima si sedeva al tavolo e poco dopo scendevano dal piano superiore dell’abitazione il fratello del Vasilica, VLASE Ionut.
Nel frattempo il Vasilica si era dotato di un tubo in gomma, del tipo per acqua e dopo aver spinto a terra il Vlad, insieme al fratello e al Catalin, a turno, in due lo bloccavano mentre il terzo lo percuoteva con il tubo in gomma e successivamente con un bastone di legno e con un ascia che utilizzavano dal lato non tagliente. Durante le percosse sia il Vasilica che il Catalin puntavano più volte un coltello alla gola del malcapitato e lo minacciavano di morte nel caso si fosse rivolto alle autorità. La vittima precisava di non avere la possibilità di scappare poiché i tre connazionali avevano chiuso la porta di casa a chiave ed anche perché lo trattenevano per malmenarlo. Mentre il Vlad veniva percosso, gli veniva rubato un telefono cellulare Samsung, i documenti personali e la somma di 150 euro.
Alle ore 05:00 circa, i tre smettevano di percuoterlo per andare a dormire, non prima però di averlo ulteriormente minacciato e lasciandolo seduto su una sedia della cucina.
Alle ore 06:30 circa successive uno dei tre aguzzini Ionut usciva di casa per andare al lavoro chiudendo, non a chiave, la porta. Nella circostanza intimando al Vlad di non muoversi prima che si fosse alzato il fratello Vasilica. Invece, poco dopo, la vittima, approfittando del fatto che la porta non fosse chiusa a chiave, si dava alla fuga nascondendosi nei pressi di una vicina abitazione fino all’arrivo dei soccorsi.
I medici del pronto soccorso terminata la visita riscontravano il Vlad affetto da trauma cranio facciale, trauma escoriato con ecchimosi multiple alla regione dorsale, trauma addominale e giudicato guaribile in giorni 15 s.c..
Dunque, i militari, ricostruita la vicenda, immediatamente si recavano presso l’abitazione del VLASE Vasilica, in Calatafimi Segesta, teatro del sequestro e delle sevizie, ove veniva effettuata una immediata perquisizione al fine di rinvenire cose o tracce pertinenti il reato. Ed invero, giunti sul luogo, avuta la presenza di VLASE Vasilica e del connazionale BABIUC SEVER Catalin, veniva eseguita una perquisizione personale e domiciliare, nel corso della quale venivano rinvenuti il cellulare oggetto di furto, i documenti della vittima e la somma contante di 150 euro, nonché numerosi oggetti atti ad offendere tra cui bastoni, accette, coltelli, tubi in gomma, forbici, martelli, alcuni dei quali con tracce di sostanza ematica, che venivano contestualmente sottoposti a sequestro.
Alla luce di quanto emerso il VLASE Vasilica e il BABIUC SEVER Catalin, venivano quindi tratti in arresto e successivamente dopo una breve ricerca veniva arrestato anche il terzo complice Ionut, rintracciato in una campagna presso cui lavorava come bracciante.
Avvisato telefonicamente il P.M. di turno presso la Procura della Repubblica presso il Tribunale di Trapani – Dott. Massimo Palmeri, disponeva la traduzione degli arrestati, al termine delle formalità di rito, presso la Casa Circondariale di Trapani a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. Gli inquirenti ritengono che dietro all’efferato gesto non vi sia soltanto il movente della rapina, quanto piuttosto un regolamento di conti tra connazionali. Su quest’ultima pista, che tuttavia richiederà ulteriori approfondimenti, si mantiene il massimo riserbo.

 

ALTRE NOTIZIE

Torna a Palermo l´Easy Jazz project: il concerto alla Chiesa di Santa Maria del Piliere
Metro Harp & Theatre 2^ edizione con la direzione artistica di Francesco Panasci Torna a Palermo, con un doppio appuntamento musicale, l´Ea...
Leggi tutto
Enti locali, Cisl Fp al sindaco di Trapani: “I dipendenti rischiano un danno economico di 500mila euro per inadempienze contrattuali”
I dipendenti del Comune di Trapani rischiano di pagare un conto salatissimo per inadempienze contrattuali che vanno ...
Leggi tutto
Le Vie dei Tesori restaura tre gioielli con il supporto di Lottomatica Holding e dei giovani dell’Università di Palermo
Il contest on line premia le Sfingi dell’Orto Botanico a Palermo un olio della Cappella della Mortificazione a Trapani e la cupola del campanile del C...
Leggi tutto
Strada provinciale 104/a, Marco Orsola (Idd): “Dissesto e incuria permanente. Città Metropolitana intervenga”
Il responsabile dell’Italia dei diritti per la Valle dell’Aniene denuncia le condizioni pietose in cui versa il tratto provinciale che conduce a Rocca...
Leggi tutto
Rifiuti, l´assessore Pierobon: settore frammentato da riformare, con il Piano garantiamo ordine e trasparenza
"Una attività di gestione dei rifiuti frammentata non garantisce economie di scala e un servizio efficiente, e sarà esposta a maggiori r...
Leggi tutto
La Sicilia quarta ai Campionati Italiani a squadre karting
Sul circuito del Sele a Battipaglia la rappresentativa isolana si batte con tenacia e ripete il risultato 2018, vincendo il trofeo della 125 kzn over ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


Mickey su EVENTO REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100, DOMENICA 24 FEBBRAIO A CAMPOBELLO:
Certo facendo assistenzialismo con i soldi di chi lavora


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web