Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 26/11/2020 da Cinzia Testa

Chiarezza sullo sversamento di gasolio a Favignana, la società elettrica ribadisce: “Nessuna inerzia, abbiamo fatto persino più di quanto richiesto dalla legge”

Chiarezza
“La SEA, Società Elettrica di Favignana, non è mai stata inerte di fronte all’accaduto, in nessuna occasione negato dall’amministratore delegato, anzi riconosciuto e comunicato agli enti competenti così come previsto dalla legge”: con queste parole del professore Filippo Accardi, la Società Elettrica di Favignana torna sulla vicenda dello sversamento di gasolio nell’area protetta, un incidente verificatosi negli anni ottanta, che vede rinviati a giudizio lo stesso professore e la SEA S.p.A.
​Per far luce sull´accaduto, l’azienda ritiene opportuno fornire la reale versione dei fatti alla comunità di Favignana.
​Fatti che, come sostiene l’ingegnere ambientale della società, Matteo Ernandes - è lui che attualmente vigila sulle operazioni di bonifica insieme ai consulenti della BAW Srl, specializzata nel settore anche in campo internazionale - “sono da distinguere rispetto alle responsabilità”.
​L’amministratore delegato di SEA Filippo Accardi ricorda che, proprio grazie all’autodenuncia avvenuta nel 2000 ad opera della Società Elettrica e all´ approvazione dei vari progetti di bonifica redatti in ossequio alle normative nel tempo succedutisi, è stato possibile realizzare un impianto di messa in sicurezza della falda che porterà in tempi rapidi alla risoluzione totale del problema. 
​"L´iter processuale - spiega l´azienda - chiarirà tutti gli aspetti di questa vicenda che, comunque, vede la Società Elettrica e il professore Accardi chiamati a rispondere di un inquinamento accidentale che non ha determinato alcuna irreversibilità dell´inquinamento stesso, proprio in virtù degli interventi risolutivi prontamente attuati". 
​ Accardi, sebbene rammaricato dell’accaduto, chiarisce "di non essere responsabile di alcun inquinamento e di aver fatto di tutto per risolvere comunque il problema, a tutela sia della salute dei cittadini che dell’integrità e della bellezza dell’ambiente di Favignana".
​Infatti, pur non essendo obbligata dalla normativa allora vigente, SEA ha dapprima prontamente rimosso la causa della contaminazione del suolo (la sostituzione di un serbatoio di carburante interrato negli anni ottanta da altri soggetti che aveva dato luogo a perdite di prodotto), successivamente ha comunicato l’evento agli enti preposti e ha adottato le misure di messa in sicurezza del sito.
​Inoltre, in conformità alle disposizioni di legge progressivamente intervenute (il Testo Unico Ambientale del 2006), l’ amministratore delegato Filippo Accardi ha investito risorse economiche sempre più consistenti e, senza badare a spese, ha avviato un´ approfondita campagna di monitoraggio e bonifica nell’interesse della salute della comunità e dell’ambiente dell’isola.
​Gli accertamenti svolti – verificati anche dall’ARPA – dimostrano, da un lato, che non vi è stato alcun reale inquinamento e che lo sversamento, risalente agli anni ottanta, e dunque non causato dall’amministratore Filippo Accardi, è rimasto contenuto nel sottosuolo senza intaccare neppure l’area marina; dall’altro lato, i controlli dell’ARPA e della Regione Siciliana confermano la puntualità e la correttezza delle procedure amministrative e tecniche di bonifica del sito. 
​Bonifica che, interamente a carico della SEA, mira a rimuovere ogni possibile pericolo di contaminazione e – per scelta prudenziale dello stesso Accardi – ha un oggetto ben più ampio della piccola area coinvolta dallo sversamento di gasolio degli anni ottanta. 
​Ad oggi, il percorso di bonifica è perfettamente avviato e i risultati sono pienamente in linea con le previsioni progettuali per le quali il risanamento del sito è atteso entro i termini stabiliti dalle autorizzazioni regionali ottenute. 
​SEA e l´amministratore Filippo Accardi sono certi che anche il giudizio della magistratura trapanese riconoscerà, al pari delle istituzioni pubbliche coinvolte nella procedura di bonifica, la correttezza del loro operato e delle azioni compiute sempre nel rispetto delle normative ambientali vigenti.



 

ALTRE NOTIZIE

100 STUDENTESSE PER IL FUTURO DEL SUD ITALIA
100 STUDENTESSE PER IL FUTURO 
DEL SUD ITALIA
GIORNO DELLA MEMORIA 2021: Cori partecipa alla diretta streaming da Auschwitz
Quest´anno, a causa della pandemia, non potrà aver luogo la tradizionale visita istituzionale dell´Amministrazione Comunale alla ge...
Leggi tutto
ALCAMO: 45° ANNIVERSARIO DELLA STRAGE DI ALCAMO MARINA
L’Arma dei Carabinieri, anche quest’anno in cui ricorre il 45° anniversario in ricordo dell’Appuntato Salvatore F...
Leggi tutto
Giornata della memoria 2021
Il Coordinamento Nazionale dei Docenti della disciplina dei Diritti Umani in occasione della Giornata dell...
Leggi tutto
On. Assenza: "Approvare il ddl anti cyber bullismo è priorità"
Assenza: "Approvare il ddl anti cyber bullismo è priorità" Sulla stessa linea il Garante per l´infanzia, D´andrea, e la refe...
Leggi tutto
Scuola e famiglia: con la pandemia è nata una nuova alleanza che va ora rafforzata.
Scuola e famiglia: con la pandemia è nata una nuova alleanza che va ora rafforzata. La riflessione nella due giorni promossa dall’Ordine degl...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


Vincenzo su Tagli vitalizi, Mancuso (FI): ´Dal M5S infinita ipocrisia verso Miccichè´:
Di quale onestà parla questo signore, di quale legge parla, quella che si sono fatta loro stessi per prendete un sacco di soldi senza far nulla. Questo signore se fosse veramente onesto dovrebbe parlare di disonestà intellettuale. Se fosse onesto per la sua dichiarazione dovrebbe dimettersi assieme al suo amico Miccichè. Tanto per quello che producono potrebbero benissimo starsene a casa.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web