Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 17/02/2015 da REDAZIONE REGIONALE

MOVIMENTO DI VOLONTARIATO ITALIANO - Riforma del Terzo Settore Contributo del MoVI per il dibattito sull´art 3 del disegno di legge delega

MOVIMENTO

E´ in discussione presso la XII Commissione della Camera dei deputati, il disegno di legge n.2617, delega al Governo per la riforma del Terzo Settore. In particolare in prossimi giorni dovrebbe iniziare l´esame dell´articolo 3, che riguarda più da vicino il volontariato.

Recentemente è stato inoltre presentato, un po´ a sorpresa, un disegno di legge quadro di riforma della L 266/1991, progetto nr n.2791, che si "intromette" nel dibattito sollevando alcune questioni rilevanti.

Il MoVI, con lo scopo di contribuire al dibattito, ha inviato alla Consulta del Volontariato presso il Forum un proprio contributo al fine di avviare il percorso che porterà poi alla scrittura di un testo base per un´auto convocazione del Volontariato Italiano che è prevista per la prossima primavera.



La riforma della legislazione del Terzo Settore a nostro avviso è benvenuta se riesce ad incidere in due direzioni.
1. FARE UN PASSO AVANTI PER IL COMPIMENTO DI UNA DEMOCRAZIA SOCIALE E PARTECIPATA
Proseguire in quel processo di innovazione di cui la riforma del Titolo V art 118 della Costituzione con l´introduzione del Principio di Sussidiarietà rappresenta uno dei passi più significativi. Processo per dare compimento alla Carta costituzionale, dando forza e promuovendo una democrazia sociale fondata sulla partecipazione dei cittadini e delle organizzazioni sociali al fianco delle istituzioni nel garantire i diritti sociali e tutelare l´interesse generale, sviluppando nuove forme di amministrazione condivisa e partecipata.
2. SEMPLIFICARE E RAZIONALIZZARE IL SISTEMA NORMATIVO
Rivedendo in un quadro unitario le diverse normative di settore, favorendo una semplificazione che porti ad un minore complessità e carico burocratico, eliminando aree grigie e verificando l´effettiva efficacia di politiche di sostegno, valorizzazione e promozione del settore.
In questo quadro, in relazione all´art 3 del DDL sul TS, proponiamo le seguenti riflessioni:

a) armonizzazione delle diverse discipline vigenti in materia di volontariato e di promozione sociale
• Armonizzare si ma senza negare differenze e specificità. Ben venga una riforma delle due leggi di riferimento (266/1991 e 383/2000) anche al fine di coordinarle e creare possibili raccordi ma non vediamo possibile ridurre le due tipologie di soggetti ad una sola realtà. Le diverse “missioni”, promozione dei propri soci e impegno a favore di terzi, hanno dato vita a due “movimenti” che presentano differenze importanti pur condividendo un comune riferimento ideale alla solidarietà e un comune impegno per l´interesse generale.
• In questo quadro vediamo positivamente la proposta di Riforma della legge quadro sul volontariato n.2791 che può rappresentare un punto di partenza relativamente alla riforma della 266/91. Ben venga analoga iniziativa relativa alla 383/2000 e, se possibile, una composizione dei due testi in un quadro armonico e coordinato limitatamente a:
- attuazione dell´art 118 ultimo comma della Costituzione e corretto rapporto con le istituzioni;
- obblighi di democrazia interna;
- obblighi di bilancio e rendiconto;
- riconoscimento e sostegno dei livelli nazionali;
- composizione e funzionamento degli osservatori nazionali;
• Pensiamo sia importante fondare l’azione normativa su una riflessione approfondita di cosa sia il volontariato oggi, per dare impulso ad una mobilitazione diffusa di cittadinanza attiva e solidale per la cura dei beni comuni, la promozione dei diritti di cittadinanza, il cambiamento sociale verso una società più equa e sostenibile. Queste sono le sfide su cui sono impegnate le realtà del volontariato italiano che si riconoscono nella contemporanea presenza di due fattori, che dovrebbero essere utilizzati per delineare e distinguere il volontariato da altri soggetti:
1. L’ambito di azione identificabile sostanzialmente nell’impegno per l’attuazione degli articoli 2 e 3 della Costituzione (solidarietà sociale e rimozione degli ostacoli), superando una definizione che parta unicamente dalla forma giuridica e mettendo maggiormente l’attenzione sulle finalità e la missio dell’organizzazione.
2. La gratuità assoluta, che è sia caratteristica dell’impegno del singolo volontario che criterio di orientamento dell´organizzazione. Gratuità che vuol dire garanzia di azione civica per l’interesse generale con l’esclusione di qualsiasi utile diretto o indiretto.
 In relazione all´attuazione dell´art 118 comma 4 della Costituzione (principio di Sussidiarietà) è
necessario superare l´approccio orientato alla prevalenza della pubblica amministrazione, come
risultava nel primo articolo della 266/91. Non è la PA che deve dire al volontariato quali sono le finalità
da perseguire, ma è lo stesso volontariato che le sceglie mediante la sua "autonoma iniziativa" per lo
"svolgimento di attività di interesse generale", o le concerta con le istituzioni. La proposta di riforma
della 266 presentata va in questa direzione nella scrittura dell´Art. 1, ma ricade nel problema quando
introduce l´elenco delle aree di prevalente impegno (Art. 8).
 In questo quadro riterremmo utile, al fine di favorire più chiarezza del sistema, vietare esplicitamente
la possibilità che le OdV possano partecipare alle gare d´appalto per la gestione di servizi e limitare le
convenzioni solo alla realizzazione di progetti effettivamente sperimentali, finalizzati all´innovazione
sociale oppure a gestione di progetti condivisi con l´amministrazione, frutto di coprogettazione, per
una cogestione sussidiaria di interventi sociali in cui cittadini e istituzioni effettivamente gestiscono
insieme beni comuni e servizi di comunità e in cui il volontariato mantiene un ruolo integrativo,
complementare e circolarmente sussidiario dell´azione delle istituzioni.
 Rispetto a quest´ultimo punto, pensiamo che vadano considerate con attenzione, valorizzate e
sostenute le significative esperienze che i cittadini stanno promuovendo insieme molte PA in giro per
l´Italia, per la costruzione di un “welfare partecipato” e la promozione di uno “sviluppo dal basso”:
gestione partecipata di scuole e spazi pubblici, attivazione di servizi di prossimità basati sul vicinato e
la solidarietà di quartiere, salvaguardia e valorizzazione di beni comuni etc.
 Nella testo della succitata proposta di riforma della 266, non condividiamo la deroga alla gratuità per i
dirigenti di organizzazioni nazionali di volontariato: secondo noi non ha senso che un´organizzazione di
volontariato sia rappresentata da un legale rappresentante stipendiato dalla stessa; vediamo invece
favorevolmente la possibilità di prevedere agevolazioni nei distacchi dal posto di lavoro, per attività di
volontariato, per i dirigenti.
b) promozione della cultura del volontariato tra i giovani, anche attraverso apposite iniziative da svolgere
nell´ambito delle strutture e delle attività scolastiche;
 Su questo punto non possiamo prescindere da una riflessione sulla cultura dei giovani di oggi, che li
porta a guardare con sospetto proposte strutturate e a praticare invece forme di gratuità e di
partecipazione civile più informali. Non si tratta quindi di reclutare giovani per le OdV o per progetti
definiti da altri, ma di creare occasioni formative di incontro e conoscenza diretta, e favorire spazi per
ideare e gestire insieme ai giovani iniziative di solidarietà e cura dei beni comuni.
 Pensiamo sia molto importante creare le condizioni per formalizzare percorsi stabili di collaborazione
tra scuola e volontariato, al fine di rafforzare l´azione di “educazione civica” e di promozione della
cultura del volontariato con i giovani. La scuola ha già questo tra i suoi compiti istituzionali (formare le
competenze base di cittadinanza) e può collaborare efficacemente con il volontariato per perseguirlo,
nell´ambito dell´integrazione scuola-territorio.
 In particolare ci sembra di grande interesse la possibilità di avviare programmi che promuovano
l´apertura delle scuole al pomeriggio per attività dei e con i giovani giovani, anche attraverso la
collaborazione e la presenza stabile delle ODV del territorio.
 Pur essendo discusso in altro articolo del DDL, utile un richiamo al Servizi Civile che rappresenta
senz´altro un´importante azione di promozione del volontariato nel quale le OdV e le APS sono spesso coinvolte anche in qualità di Enti gestori del Servizio Civile Nazionale. I progetti di Servizio Civile
potranno riguardare anche le suddette attività con le Istituzioni Scolastiche.
c) valorizzazione delle diverse esperienze di volontariato, anche attraverso il coinvolgimento diretto, nelle
attività promozionali, delle organizzazioni di volontariato, incluse quelle che riuniscono militari;
 Riteniamo superfluo questo punto: il rispetto e la valorizzazione dell´autonomia e del pluralismo del
volontariato sono principi fondanti chiari e non in discussione.
 Non comprendiamo in particolare quali possano essere le ODV che riuniscono i militari. Una delle
caratteristiche di un´organizzazione di volontariato è infatti l´apertura a tutti i cittadini.
d) riconoscimento e valorizzazione delle reti associative di secondo livello;
 Necessario senz´altro introdurre il registro nazionale delle associazioni di volontariato, già previsto per
le APS, a cui accedano i coordinamenti e le reti nazionali di volontariato: è una nota lacuna della legge
266/1991. La formulazione in tal senso indicata nella proposta di modifica della 266 è condivisibile.
 Utile introdurre un meccanismo di sostegno destinato alle reti e coordinamenti nazionali, come già
avviene per le APS, riconoscendone la funzione di promozione del volontariato e valorizzando la loro
dimensione sovra-territoriale e politica.
e) revisione e promozione del sistema dei centri di servizio per il volontariato e riordino delle modalità di
riconoscimento e di controllo degli stessi;
 importante rilanciare il meccanismo di produzione dei fondi speciali presso le regioni provenienti dagli
utili delle fondazioni bancarie, precisando bene quale è la percentuale a questo destinata e superando
i limiti introdotti dalla "Circolare Visco". La proposta di legge di riforma della 266, ribadisce la presenza
di comitati di gestione regionali che condividiamo, contro la formula circolata nei mesi scorsi di un
"Super Coge nazionale" (e fatta propria anche dal Portavoce del Forum del terzo Settore nel suo
recente documento programmatico).
 Utile definire meglio l´articolazione del sistema dei CSV, precisandone le funzioni. In un quadro di
risorse rese più certe, i CSV non dovrebbero scivolare verso tentazioni da "imprese sociali", costretti a
cercare risorse da altre fonti.
 Pensiamo sia importante ribadire nelle nuove normative, come da giurisprudenza corrente, che i CSV
devono essere governati dal volontariato, con una governance davvero partecipata e trasparente.
Pensiamo sia possibile l´apertura dei servizi dei CSV alle APS, purché questo avvenga garantendo
risorse chiare e aggiuntive.
f) revisione e razionalizzazione del sistema degli Osservatori nazionali per il volontariato e per
l´associazionismo di promozione sociale.
 Fondamentale qualificare e valorizzare gli Osservatori, chiarendone il ruolo e mettendoli in grado di
svolgere una funzione utile di monitoraggio, promozione e impulso.
 In particolare in relazione all´Osservatorio del Volontariato, come scritto sopra, l´istituzione del registro
nazionale delle reti e dei coordinamenti del Volontariato renderà possibile finalmente una maggiore
linearità nella definizione della sua composizione per una maggiore rappresentatività
dell´Osservatorio, chiarendo le modalità con cui si scelgono i componenti tra i rappresentati delle
organizzazioni nazionali.
Mo.V.I. Movimento di Volontariato Italiano
Via del Casaletto, 400 - 00151 Roma - Cod. Fisc: 97023390582
Email: segreteria@movinazionale.it – http://www.volontariatoinrete.it
Sede operativa: Via Garibaldi, 23 - 33038 San Daniele del Friuli (UD) - Tel 0432 943002 - fax 0432 943911

 

ALTRE NOTIZIE

Giuseppe Fisicaro: l´imprenditore siciliano premiato come ´Digital Publishing Company of the Year´ a Dubai
Un traguardo significativo per Digital Noises. Grazie al notevole impegno e agli straordinari risultati ottenuti nell´ultimo anno in Asia, sopr...
Leggi tutto
Avviata l’attività di sostegno ai nuclei familiari in difficoltà
La Rete A.N.A.S. NAZIONALE nell’ambito degli INTERVENTI IN FAVORE DI SINGOLE PERSONE E NUCLEI FAMILIARI IN CONDIZIONI DI PARTICOLARE DISAGIO ECONOMICO...
Leggi tutto
Progetto “EXTRACT”: inizio delle attività
L’Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro, nell’ambito dell’Avviso Pubblico per il finanziamento di iniziative e pr...
Leggi tutto
Avviato il Progetto "Equality"
L’Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro, nell’ambito dell’Avviso Pubblico per il finanziamento di iniziative e pr...
Leggi tutto
Il Vescovo in Tribunale a Marsala: "giustizia e grammatica dell´umano in questo luogo".
«In genere quando si entra nel Tribunale si entra con un senso di timore. Oggi qui sperimentiamo che dentro questo luogo dove si rispettano le leggi c...
Leggi tutto
Anas spettacoli: concerto della band "Radio Rewind" un tributo Patty& Bertè.
Oggi, Venerdì, 5 luglio alle ore 21.00, sede estiva del BRAVO´, in via Massimi Losacco n°4 Bari, ULTIMI POSTI per il Concerto della&nb...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

LUIGI su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
OFFERTA DI PRESTITO RAPIDA E AFFIDABILE Indirizzo: WhatsApp: +33754190105 E-mail: financec99@gmail.com Grazie


LUIGI su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
OFFERTA DI PRESTITO RAPIDA E AFFIDABILE Indirizzo: WhatsApp: +33754190105 E-mail: financec99@gmail.com Grazie


Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web