Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 13/11/2014 da REDAZIONE REGIONALE

PD LUMIA - DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO AL SENATO

PD
Modifiche agli articoli 416-bis e 416-ter del codice penale in materia di trattamento sanzionatorio dei delitti di scambio elettorale politico-mafioso

———–
12 novembre 2014

Onorevoli Senatori. – Il presente disegno di legge interviene sugli articoli 416-bis e 416-ter del codice penale che puniscono i delitti di associazione mafiosa e di scambio elettorale politico mafioso.
La criminalità organizzata costituisce oggi uno dei problemi più gravi del nostro Paese. Tutte le forze politiche devono farsi carico della questione della diffusione su tutto il territorio nazionale della criminalità di tipo mafioso, per dare alla lotta alla mafia assoluta priorità e contrastare un fenomeno che rappresenta uno degli ostacoli principali allo sviluppo di molte regioni, ormai non più solo del Mezzogiorno. Tutto il Paese è chiamato alla sfida di liberare il territorio dalle mafie. Infatti, accanto a sodalizi criminali di più recente formazione, continuano ad operare, con una forza pervasiva crescente, associazioni di tipo mafioso che ancora oggi controllano il territorio di molte aree del Mezzogiorno, con forme oppressive per la società civile, come il controllo degli appalti e delle opere pubbliche, la richiesta del «pizzo» e il ricorso all’usura e con una proiezione devastante nella burocrazia e nelle Istituzioni. Nonostante i pur numerosi provvedimenti ablativi disposti sinora in relazione a beni riconducibili a tali organizzazioni, esse dispongono tuttora di ingenti capitali e sono capaci di «inquinare» i diversi settori dell’economia e della politica, infiltrandosi in profondità nel tessuto sociale e politico e in modo tale da bloccare lo sviluppo economico e sociale del Paese.
Il disegno di legge prevede che lo Stato faccia una scelta più rigorosa sull´entità della pena i delitti di associazione mafiosa e di scambio elettorale politico mafioso. Si tratta di alzare la soglia di punibilità su chi mina la Democrazia nel momento più delicato e sorgivo della rappresentanza, costituito dal voto e dalle elezioni.
L´articolo 1 modifica il trattamento sanzionatorio delle diverse fattispecie del reato di associazione mafiosa contenute nell´articolo 416-bis del codice penale determinando un aumento di tutte le previsioni edittali: la partecipazione ad un´associazione di tipo mafioso formata da tre o più persone, per la quale il primo comma del 416-bis oggi prevede la reclusione da sette a dodici anni, viene punita nel presente disegno di legge con la reclusione da nove a quattordici anni (comma 1, lett. a); se l´associazione è armata si prevede la pena della reclusione da undici a diciassette anni (comma 1, lett. c); la pena per coloro che promuovono, dirigono o organizzano l´associazione che oggi sono puniti, dai nove ai quattordici anni dal secondo comma del 416-bis, viene fissata dai tredici ai diciotto anni (comma 1, lett. b) e se l´associazione è armata con la reclusione da sedici a venticinque anni (comma 1, lett. c).
L´articolo 2 eleva la pena per il reato di scambio elettorale politico-mafioso che passa secondo quanto proposto nel presente disegno di legge dai quattro a dieci anni di reclusione, oggi previsti, alla reclusione da sette a dodici anni.

DISEGNO DI LEGGE


Art. 1.

(Modifiche al codice penale in materia di delitti di associazione a delinquere di tipo mafioso)


1. All’articolo 416-bis del codice penale sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al primo comma, le parole: «da sette a dodici anni» sono sostituite dalle seguenti: «da nove a quattordici anni»;

b) al secondo comma, le parole: «da nove a quattordici anni» sono sostituite dalle seguenti: «da tredici a diciotto anni»;

c) al quarto comma, le parole: «da nove a quindici anni» sono sostituite dalle seguenti: «da undici a diciassette anni» e le parole: «da dodici a ventiquattro anni» sono sostituite dalla seguenti: «da sedici a venticinque anni».


Art. 2.
(Modifiche al codice penale in materia di scambio elettorale politico-mafioso)

1. All´articolo 416-ter, primo comma del codice penale sono apportate le seguenti modificazioni: sostituire le parole: «da quattro a dieci anni», con le seguenti: «da sette a dodici anni».

 

ALTRE NOTIZIE

Trapaniok cerca giovani disoccupati desiderosi di intraprendere l’attività giornalistica
Trapaniok cerca giovani disoccupati che vogliano intraprendere l’attività giornalistica o che sappiano gestire una redazione o l’aspetto relat...
Leggi tutto
Apertura nuovo anno scolastico: la lettera dell´Amministrazione comunale di Erice
Apertura nuovo anno scolastico
La lette...
Leggi tutto
Oltre 546 mila visitatori nel mese di agosto nei luoghi della cultura in Sicilia, con un incremento di quasi 65 mila presenze rispetto al 2020
L’Assessore Samonà: 
“Raccogliamo i frutti di un lavo...
Leggi tutto
Cantiere aperto per il restauro delle pale raffiguranti San Francesco D’Assisi e San Pietro che si trovano al Museo Pepoli di Trapani
L’Assessore Alberto Samonà
“Opportunità per seguire un ...
Leggi tutto
Pallacanestro Trapani, si ferma Simone Tomasini
La Pallacanestro Trapani comunica che il proprio atleta Simone Tomasini, a causa del problema alla caviglia sinistra...
Leggi tutto
La Sicilia celebra la Settimana del Pianeta Terra
Dal 3 all’10 ottobre in 90 siti sparsi in tutta Italia partirà la IX edizione de La Settimana del Pianeta Terra, il festival delle geoscienze c...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web