Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 17/06/2021 da Cinzia Testa

Sicilia, imprese edili in grave difficoltà. La burocrazia regionale ritarda nei pagamenti delle fatture

Sicilia,
La macchina burocratica lenta della Regione Sicilia sta mettendo in ginocchio il comparto edile. Totalmente ingolfata nel periodo della pandemia a causa dei sistemi obsoleti anche sul fronte della digitalizzazione dei servizi ha certamente è finito per allungare a dismisura i tempi di pagamento delle fatture alle imprese causando disperazione e estenuanti attese, specie nei lavoratori. La Regione siciliana lo scorso anno aveva pagato fatture per un importo di 900 milioni di euro su un totale di un miliardo, ma i restanti 100 milioni di euro risultano ancora bloccati da novembre scorso. Fatture rimaste insolute, così come le successive da gennaio 2021, nonostante le imprese edili abbiano continuato a lavorare durante il periodo pandemico, mantenendo i cantieri aperti, garantendo lavoro, attingendo cospicuamente al credito e ricorrendo agli aiuti dello Stato. “Siamo costretti a licenziare tutti i lavoratori, a chiudere le imprese” – ha dichiarato ieri il Presidente Ance Sicilia, Santo Cutrone, dando voce agli imprenditori ormai sfiniti, stanchi e delusi di non avere ancora alcuna risposta dagli assessorati, per il saldo delle fatture dovute.

“Adesso, però, non solo non hanno più liquidità né ne ricevono altra”, continua il Presidente Ance– “ma in più le banche, pressate dalle nuove e restrittive norme europee, sollecitano il rientro dei crediti temendo che finiscano in sofferenza. A questo punto non possiamo che comunicare ai sindacati una decisione dolorosa quanto improcrastinabile: chiudere le imprese e licenziare tutti i lavoratori, e alla fine per tutti ci vorrà il Reddito di cittadinanza”.

Dopo ripetuti ammonimenti, la Pubblica amministrazione ancora non rispetta gli standard imposti da Bruxelles, anche se negli ultimi anni si è potuto notare un leggero miglioramento nel pagamento delle fatture, grazie anche all’introduzione di un apparato di monitoraggio basato sulla Piattaforma dei Crediti Commerciali (Pcc).

Il rispetto dei termini di pagamento garantirebbe comunque alle imprese, la liquidità necessaria per sostenere la propria struttura finanziaria, evitando di limitare le transazioni economiche nel mercato. I ritardi generano a cascata ulteriori problemi che hanno ripercussioni significative sul piano economico e sociale. Come il progressivo indebolimento delle aziende, costrette a trovare fonti di finanziamento alternative, spesso illegali, e il potenziale aumento della disoccupazione con la conseguenza di un mal funzionamento economico di un Paese, in un momento di crisi e incertezza come quello che sta provocando la pandemia. Comunque il nostro Paese continua a collocarsi ben al di sopra della media europea (42 giorni) per il pagamento dalla data di emissione dei debiti commerciali con un’attesa di 67 giorni.

Continuamente sentiamo proclami e annunci relativi allo sblocco di somme, attraverso la riprogrammazione di fondi europei o il superamento dei rilievi della Corte dei conti. Di recente abbiamo anche letto di disposizioni impartite agli assessorati per pagare le fatture inevase. Ma tutto questo non sembra sortire alcun effetto.

Non è più tollerabile che dopo un anno e mezzo di crisi e restrizioni, ci sia qualcuno, solo in Sicilia, che persevera nell’inefficienza, mettendo in crisi le imprese, le famiglie dei lavoratori, e tutta la filiera delle costruzioni.

Con questi presupposti diventa difficile affrontare la sfida per gestire il PNRR. Occorre ormai eliminare subito questi vincoli burocratici, e rendere così più efficace ed efficiente qualsiasi azione amministrativa. In questo modo si potranno attuare gli obiettivi del PNRR che, inoltre, mirano a semplificare e accelerare attraverso interventi mirati per realizzare in tempi rapidi, quella rivoluzione chiamata “ digitalizzazione”. Staremo a vedere.

Enza Maria Agrusa

 

ALTRE NOTIZIE

Ustica, inaugurata la casa dell´acqua
 Il sindaco Militello: "Questa iniziativa rientra a pieno titolo nella promozione di comportamenti ecologicame...
Leggi tutto
Approvati 4 progetti per l´adeguamento e la messa in sicurezza di palestre scolastiche
Nella giornata di ieri, la Giunta municipale guidata dal sindaco Tranchida ha approvato 4 progetti per l’adeguamento e la messa in sicurezza di palest...
Leggi tutto
Tre iniziative culturali in Sicilia per rendere omaggio ad Aurelio Pes
Segesta, Naxos e Palermo: tre momenti dedicati ad Aurelio Pes, fra teatro, musica e dibattiti L’Assessore Samonà: “Un doveroso omaggio all’uom...
Leggi tutto
UIl, il Sud si rilancia con le risorse stanziate dall´Unione Europea
 
Leggi tutto
Svelato il Trofeo Luigi Fagioli 2021 nel ricordo del direttore Cecilioni
Tutte le novità dell´edizione 2021 in formato internazionale con oltre 200 iscritti e la diretta su Aci Sport Tv sono state presentate in...
Leggi tutto
Carenza medici di bordo, lettera aperta di Confitarma e Assarmatori al Ministro della Salute
Mario Mattioli, Presidente di Confitarma, e Stefano Messina, Presidente di Assarmatori, hanno inviato una lettera aperta al Ministro della Salute, On....
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web