Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Sport il 29/05/2019 da Direttore

Una presa di posizione della UAFA nei confronti delle ultime vicende di violenza contro gli arbitri.

Una
Un altro week-end di fatti incresciosi, ancora una giornata di sport macchiata da violenza, che disonora ogni valore che nella sua lotta per "lo sport per tutti" aveva stabilito De Coubertin. Due arbitri sotto scacco di violenti e facinorosi, chi in un modo chi in un altro, ma sempre sbeffeggiandosi del principio cardine che fa dello sport una potentissima arma contro ogni forma di inciviltà: il rispetto.

Da Mestre a Roma, una donna vittima di insulti sessisti, di molestie sessuali da parte di un ragazzino che forte del suo tifo, composto da genitori si è abbassato i pantaloncini di fronte alla malcapitata e incolpevole 22enne direttrice di gara bersagliata da insulti senza pietà e senza civiltà.

A Roma un 27enne arbitro vittima di una frustrazione di perdenti nella vita prima che nel rettangolo verde. Botte, pugni, una prognosi di dieci giorni, tac, e un malessere che è arrivato anche dopo la dimissione in ospedale.

Atti di (stra)ordinaria follia, ormai merce conosciuta sui campi da calcio dilettantistici e giovanili dove non si ha pietà né di donne, né di uomini, né di ragazzini.

La UAFA -Union Agent Football Association- ci mette la faccia e si affianca ai più deboli nel mondo del calcio. Coloro che, nonostante abbiano dalla loro un regolamento severissimo, sono vittime di "cialtroni" che navigano il mondo dello sport, ma senza realmente averne concepito il senso. La violenza è una mela marcia da allontanare e noi della UAFA, nonostante, abbiamo come obiettivo primario tutelare i procuratori sportivi e le vittime di abusi sportivi, aprendo ad ogni amante dello sport le proprie iscrizioni, vogliamo prodigarci affinché questo calcio migliori una volta per tutte.

Le Federazioni, le istituzioni, il CONI e le forze dell´ordine devono scendere in campo per tutelare tutti coloro che sussistono nel mondo dello sport e soprattutto del calcio, associando, non solo una giustizia sportiva, ma anche ordinaria affinché questa gente non abbia più nessun permesso di avvicinarsi alle manifestazioni sportive.

Non bastano i DASPO, non bastano le inibizioni, né le squalifiche. Bisogna scendere in campo con concretezza e far sì che si faccia pulizia.

Gli arbitri come i calciatori, gli allenatori, i tifosi e i dirigenti sono tutte vittime di violenza. Tutti possiamo esserlo perché la tutela è poca, se non nulla in alcuni campi. E´ tempo di fatti e non più proclami.

 

ALTRE NOTIZIE

Ustica, inaugurata la casa dell´acqua
 Il sindaco Militello: "Questa iniziativa rientra a pieno titolo nella promozione di comportamenti ecologicame...
Leggi tutto
Approvati 4 progetti per l´adeguamento e la messa in sicurezza di palestre scolastiche
Nella giornata di ieri, la Giunta municipale guidata dal sindaco Tranchida ha approvato 4 progetti per l’adeguamento e la messa in sicurezza di palest...
Leggi tutto
Tre iniziative culturali in Sicilia per rendere omaggio ad Aurelio Pes
Segesta, Naxos e Palermo: tre momenti dedicati ad Aurelio Pes, fra teatro, musica e dibattiti L’Assessore Samonà: “Un doveroso omaggio all’uom...
Leggi tutto
UIl, il Sud si rilancia con le risorse stanziate dall´Unione Europea
 
Leggi tutto
Svelato il Trofeo Luigi Fagioli 2021 nel ricordo del direttore Cecilioni
Tutte le novità dell´edizione 2021 in formato internazionale con oltre 200 iscritti e la diretta su Aci Sport Tv sono state presentate in...
Leggi tutto
Carenza medici di bordo, lettera aperta di Confitarma e Assarmatori al Ministro della Salute
Mario Mattioli, Presidente di Confitarma, e Stefano Messina, Presidente di Assarmatori, hanno inviato una lettera aperta al Ministro della Salute, On....
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web