Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 19/11/2017 da Direttore

Non sono lavoratori per Ministero della IN-Giustizia, i 5000 magistrati onorari addetti alle medesime funzioni di giudici e pubblici ministeri

Non
Non sono lavoratori per Ministero della IN-Giustizia, i 5000 magistrati onorari addetti alle medesime funzioni di giudici e pubblici ministeri di udienza che, negli ultimi 20 anni, hanno mantenuto alto il livello di produttività della magistratura, pronunciando milioni di sentenze civili e penali anche per valori di milioni di euro e assumendo le parti della accusa nei milioni di processi penali monocratici di Tribunale. Si tratta del 90 % delle udienze penali monocratiche, e il 30 % dei ruoli monocratici giudicanti di Tribunale, dato lampante che emerge dal consistente calo di produttività del sistema giustizia registrato in occasione delle ricorrenti astensioni e che costituirà la normalità quando la riforma ORLANDO avrà la sua applicazione integrale.
L’unico a non registrare l’allarmante dato è il governo, che con l’irremovibile atteggiamento NON comunicativo, insiste per la riduzione dell’apporto della magistratura onoraria a fronte del nulla.
La riforma della magistratura onoraria non è stata concepita per i magistrati onorari, né per rendere efficiente la giustizia, ma è stata concepita per realizzare un’utopica ed opportunistica modalità organizzativa che gli stessi ideatori hanno già constatato come inattuabile alla luce del sistema. Non accontenta nessuno, devasta il tutto.
Non accontenta i magistrati onorari che, dopo anni di servizio, si vedono ignorare le più elementari esigenze di tutela previdenziale ed assistenziale, con una riduzione dei possibili proventi, dai quali dovranno ricavare pure le somme per i contributi previdenziali, obbligatori, ma A LORO TOTALE CARICO, e tutto ciò a fronte di una durata del servizio incerta, ma certa nella sua fine inesorabile al sedicesimo anno, che si tratti di giovani o anziani, tutti accomunati da un solo destino: nessuna età pensionabile, nessuna pensione da parte dello Stato datore di lavoro, nessun ringraziamento tangibile, ma solo l’oblio.
La riforma non accontenta il Consiglio di Stato che aveva suggerito per i magistrati onorari in servizio una
permanenza sino all’età pensionabile, con remunerazione adeguata al ruolo, pur senza progressione di carriera, come avvenuto nel passato per analoghe categorie di magistrati onorari!
Ma la riforma non accontenta il cittadino, perché il sistema organizzativo che rappresenta l’”idea” di base della riforma, altro non è che l’ennesimo tentativo di imbrigliare categorie di lavoratori nella precarietà, con la differenza che mentre chi introdusse la magistratura onoraria nell’ordinamento aveva di mira di raggiungere grandi risultati con poche spese, oggi, con la riforma Orlando l’unico elemento di continuità è dato dalla scarsità di risorse investite, in barba ai risultati!
Ovvio che riducendo ed imbrigliando l’utilizzo dei magistrati onorari, riducendo gli investimenti di risorse umane ed economiche sulla giustizia, il risultato sarà chiarissimo: potremo rottamare il principio “la giustizia è uguale per tutti” per il più appropriato dantesco avvertimento “lasciate ogni speranza o voi che entrate”.
Per questo motivo, i magistrati onorari si asterranno dalle udienze civili e penali dal 21 al 25 novembre 2017 e dall’assumere riserve nel loro ambito, consci sia giunto il momento di non arretrare più!

Commenti
19/11/2017 - Per l´assoluta arbitrarietà dei giudici di pace,converrebbe sostituire la loro opera con un sistema a sorteggio.I risultati in termini di equità sarebbero analoghi. (Filippo)

 

ALTRE NOTIZIE

Conferenza Stampa di presentazione del progetto TRAP rivolto alle ragazze e ai ragazzi segnalati dall’Autorità Giudiziaria. Giovedì 29 settembre al porto di Catania
Giovedì 29 settembre alle ore 11,00 presso il porto di Catania, molo di Levante, presso il Mediterranea Yachting Club (https://maps.app.goo.gl/...
Leggi tutto
Pesi, il raffadalese Vincenzo Farruggia vince il campionato italiano nelle specialità Powerlifting.
Vincenzo Farruggia, 21 anni di Raffadali, è il nuovo campione italiano di Powerlifting specialità stacchi da terra. Il giovane pesista,...
Leggi tutto
Questomondodimax e degli inseparabili Ciuk, Ciarlino Gustavo e Dari, l´Italia al voto
la vignetta esprime tutto ...
Leggi tutto
Corsi gratuiti con il progetto Giovani Sport e benessere cofinanziato dalla regione lombardia
Il progetto “Giovani Sport Benessere” - GSB coinvolge una partnership di n. 4 membri. E’ coordinato da Anas Lombardia con la partecipazione attiva di ...
Leggi tutto
“Salvini e Conte, pari sono...”
Nell’Italia dove ormai il senso proprio delle parole e la logica hanno perso la loro citt...
Leggi tutto
Torna "Sposa del Mediterraneo", la fiera degli sposi dal 1 al 9 ottobre 2022 al PalaGiotto di Piazza Chinnici a Palermo
Nove giorni dedicati al mondo del wedding. Dopo il successo delle passate edizioni, presso il Centro Fieristico PalaGiotto torna "Sposa del Mediterra...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIŮ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web