Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Sport il 03/07/2016 da Gabriele Li Mandri

GERMANIA-ITALIA 7-6 DCR: FINALMENTE LA REALTA´

GERMANIA-ITALIA
Il sogno di questo Europeo, in quanto tale, prima o poi si sarebbe dovuto spegnere. È accaduto ieri sera contro la nemica di sempre: quella Germania che evoca solo grandi ricordi. Ricordi eroici che Conte ha provato a ridestare, senza successo. Ma la colpa di una sconfitta figlia di 120 minuti di tensione agonistica, e di una lotteria ai rigori impietosa dopo l’1-1 firmato da Ozil e da Bonucci su rigore, non è né di Conte, né degli azzurri. È di Madre Natura.

Se ancora oggi, a 10 anni di distanza dalla vittoria al Mondiale, si citano giocatori come Del Piero, Pirlo e Maldini, e se si tira in causa Totti solo perché Pellè ha avuto la poco brillante idea di provocare Neuer facendo il gesto del cucchiaio con le mani, allora il problema è nel DNA del pallone italiano. Che dagli anni 2000 ha interrotto brutalmente il suo feeling con il talento.

Una caratteristica che Conte, da maestro della psicologia, ha provato a trasformare in una fonte di forza. Come? Costruendo un’Italia di Giaccherini, di Pellè, di Sturaro, di De Sciglio: calciatori prima sottovalutati, poi sovrastimati e, infine, giustamente ridimensionati. Piccole storie strappalacrime di terzini che vanno in cura dallo psichiatra, di attaccanti che parlano meglio l´olandese dell´italiano, di centrocampisti che vedono in Gattuso il loro Messi. Un piccolo esercito di gregari del pallone e di casi umani, coperti da due o tre vecchietti che da anni sorreggono quel che resta della Nazionale, e da quel famoso 12esimo uomo chiamato motivazione.

Un mix che ha spaccato in due la Spagna, sorprendendola ai fianchi con il suo fiato e chilometri su chilometri macinati senza pietà, e che si è sgonfiata come un palloncino alla vera prova del 9. Quando, purtroppo, le scorie della pressione psicologica e dell’acido lattico nelle gambe non hanno potuto contare su quell’unico fattore che faceva vincere 10 anni fa, e che continua a fare vincere oggi gli altri: il talento.

D’altronde solo Conte avrebbe potuto gestire una situazione del genere, già ampiamente vissuta dalla Juve reduce dalla Serie B e da una trafila infinita di settimi posti: prendere gente incazzata, per un motivo o per un altro, mettergli il mondo contro in conferenza stampa e pungolarli fino a farli esplodere. E, proprio come fatto alla Juve, abbandonare la piazza da eroe, una volta resosi conto che più di quello non si poteva spremere, lasciando la patata bollente a qualcun altro.

Conte domani sarà a libro paga di Abramovich e potrà puntare su giocatori e sistemi di gioco lontani anni luce dagli Sturaro, dai Pellè, dai De Sciglio, dai Giaccherini. Non gli verrà mai più in mente di tenere al fresco gente come Insigne ed El Shaarawy, oppure di non convocare il Bonaventura di turno. Semplicemente perché non correrà il rischio di intaccare un ambiente fatto di calciatori delusi, di reietti del pallone che, messi insieme, sono capaci di creare una sinergia tanto affascinante quanto breve.

E all’Italia? All’Italia non resterà altro da fare che dimenticare in fretta anche questo giro, tanto ci siamo abituati. Leccarci le ferite è diventato il nostro forte: lo sa bene Buffon, uscito dal campo in lacrime. Buffon, non Conte. Buffon, quello che ha seguito la Juve in Serie B e che ha salvato Conte e la Juve in più di un’occasione in questi anni. È a gente come lui che devono andare gli unici grazie di questo Europeo: ultimi baluardi di un’Italia calcistica che, oramai da anni, non esiste più se non nelle parole di chi si sbava la camicia parlando di un “Giaccherinho” qui e di un “De Sciglio erede di Maldini” lì. E che puntualmente sparisce nell’ombra, sfruttando come tanti altri il sudore di questi piccoli e sinceri milionari della mediocrità.

Gabriele Li Mandri


 

ALTRE NOTIZIE

Erice: è tempo di Festa FedEricina dal 24 al 26 settembre 2021 Torri del Balio
Prenderà il via venerdì 24 settembre la settima edizione della Festa FedEricina, la manifesta...
Leggi tutto
Castellammare del Golfo: il sindaco, Nicolò Rizzo, assolto nel processo "Cutrara"
"L´affermazione della verità e della giustizia nella quale ho sempre riposto piena fiducia. Ho sempre agito con trasparenza per il bene c...
Leggi tutto
Palermo, dal Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio una donazione alla Missione “Speranza e Carità” di Biagio Conte
Sua Altezza Reale la Principessa Beatrice di Borbone delle Due Sicilie, Gran Prefetto Costantiniano, ha donato due tonnellate di pasta alla Missione "...
Leggi tutto
Palermo, successo per la RestArt con quasi 19 mila visitatori e 30 siti aperti anche nelle ore serali
Successo per la seconda edizione di Restart Palermo, con quasi 19 mila presenze e un incremento di circa il 30% risp...
Leggi tutto
Nasce Sostenabitaly, la community che accompagna persone, imprese e organizzazioni verso la sostenibilità integrale
Un tour per lanciare il progetto.
I Two Twins viaggeranno per l’It...
Leggi tutto
Water Fire Triathlon Etna: Luca Mancuso un uomo solo al comando
Vale la pena di scomodare Paolo Alberati per raccontare l’impresa unica al mondo di Luca Mancuso, 45 anni, agente di...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web