Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 25/01/2016 da Umberto Crispo

COMITATO SPONTANEO AGRICOLTORI RIBERA – POSPOSTA UNA LEGGE DI RIFORMA CHE ASSEGNI AI CONSORZI DI BONIFICA ULTERIORI COMPETENZE E MANSIONI

COMITATO
“È ora di dire basta ad una gestione emergenziale dei Consorzi di Bonifica regionali e porre mano ad una seria legge di riforma per dotare i Consorzi di ulteriori e innovative competenze” – dichiara il portavoce del Comitato Spontaneo Agricoltori di Ribera, avv. Giacomo Cortese.
“Allo stato attuale, infatti, stipendi non pagati e mancata stabilizzazione dei dipendenti di vari consorzi siciliani, ora in stato di agitazione, cronica mancanza di progettualità e un navigare a vista da parte dei Commissari, sono fattori che certamente non aiutano il mondo agricolo ad uscire dalla sacche dell´inefficienza al livello regionale, – spiega Cortese – se si considera che a pagare, per risolvere i problemi finanziari dei consorzi, saranno i consorziati, ovvero gli agricoltori a cui verranno caricati in bolletta i maggiori costi del servizio irriguo”.
Mal vezzo quello di colpire la sola categoria degli agricoltori produttori per risanare i bilanci di enti in dissesto, laddove in altre parti d´Italia i Consorzi sono realtà fiorenti che contribuiscono ad arginare i dissesti idrogeologici ed hanno innovative competenze, beneficiando di convenzioni e risorse elargite da altri enti territoriali e svolgendo financo compiti delegati loro dalla Protezione civile.
L´Italia viaggia a due velocità: a livello nazionale la scelta operata dal Governo, di trasformare il Ministero dell’Agricoltura in Ministero dell’Agroalimentare, avvalora il ruolo e la funzione dei Consorzi di Bonifica al servizio del settore primario; a livello regione siciliana, invece, si tagliano i trasferimenti ai vari consorzi, con la conseguenza che i consorzi di bonifica sono a rischio chiusura.
La strada da percorrere per evitare l´interruzione dei servizi, a fronte della graduale soppressione del contributo regionale finora erogato, non è certamente l´aumento dei costi dell´acqua ad uso irriguo da far pagare agli agricoltori, ma l´ampliamento e la diversificazione delle attività dei consorzi di Bonifica, in modo da realizzare economie di scala e reperire altre risorse necessarie per il loro autofinanziamento.
La proposta avanzata dal CSA è una legge di riforma che assegni ai consorzi di bonifica ulteriori competenze e mansioni, quali la gestione diretta degli invasi, la manutenzione delle strade interpoderali, la manutenzione dei valloni e dei canali di scarico, la pulitura degli alvei e degli argini dei fiumi e la sistemazione dei letti dei fiumi e delle strade, tutto ciò sull´esempio di quanto già realizzato dai Consorzi in altre parti d´Italia. A titolo di mero esempio il Consorzio di Bonifica 2 Alto Valdarno nel 2015 ha eseguito lavori per 11 milioni di euro per la tutela del territorio e la sua salvaguardia dal rischio idrogeologico; il Consorzio parmense si è occupato anche della sistemazione di strade e ha realizzato un sistema di monitoraggio di una frana, previa convenzione con altri enti; mentre il Consorzio di Udine ha costruito una rete irrigua in pressione, al fine di ottimizzare l’uso dell’acqua e risparmiare energia elettrica, ed ha installato apparecchiature di regolazione, sgrigliamento e filtrazione.
“L’impegno assunto dal CSA è quello di sollecitare una vera riforma regionale del sistema dei consorzi di bonifica sull´esempio di quanto già realizzato in altre regioni d´Italia, in modo da superare la fallimentare gestione commissariale del Consorzio, finora inadeguata a risolvere i problemi. Il consorzio di Bonifica deve avere il ruolo di braccio operativo a favore degli agricoltori ed a vantaggio del territorio, garantendo ulteriori e diversificati servizi”.
Su questi temi il CSA di Ribera non mancherà di assumere iniziative e di fare sentire la propria voce a sostegno di un comparto fondamentale dell’economia siciliana.
(nella foto l´Avv. Giacomo Cortese ed il Presidente CSA Giuseppe Colletti)

 

ALTRE NOTIZIE

Il fascino delle candele profumate
Spesso, pensando ad una casa, non si rimane solamente colpiti dalla sua struttura degli spazi, o dalla disposizione ...
Leggi tutto
Trapaniok cerca giovani disoccupati desiderosi di intraprendere l’attività giornalistica
Trapaniok cerca giovani disoccupati che vogliano intraprendere l’attività giornalistica o che sappiano gestire una redazione o l’aspetto relat...
Leggi tutto
Apertura nuovo anno scolastico: la lettera dell´Amministrazione comunale di Erice
Apertura nuovo anno scolastico
La lette...
Leggi tutto
Oltre 546 mila visitatori nel mese di agosto nei luoghi della cultura in Sicilia, con un incremento di quasi 65 mila presenze rispetto al 2020
L’Assessore Samonà: 
“Raccogliamo i frutti di un lavo...
Leggi tutto
Cantiere aperto per il restauro delle pale raffiguranti San Francesco D’Assisi e San Pietro che si trovano al Museo Pepoli di Trapani
L’Assessore Alberto Samonà
“Opportunità per seguire un ...
Leggi tutto
Pallacanestro Trapani, si ferma Simone Tomasini
La Pallacanestro Trapani comunica che il proprio atleta Simone Tomasini, a causa del problema alla caviglia sinistra...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web