Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 30/01/2015 da REDAZIONE REGIONALE

LA LEOPOLDA SICULA DI DAVIDE FARAONE CON SICILIA 2.0

LA
Di Davide Faraone
“Adesso”. Due anni fa questa parola è stata il motto di Matteo Renzi. Un “adesso” fatto di
entusiasmo, di vigore, di forza, di allegria. Nonostante la piena consapevolezza dei problemi
esistenti è bene che quel motto, quell’adesso e tutto ciò che comporta, si affermi anche in Sicilia.
Non ci stiamo alla narrazione della catastrofe che si adatta e si assuefà alla catastrofe. L’analisi la
conosciamo, è giusta ed è terribile, ma noi siamo qua per andare oltre le analisi e marcare una
svolta. Quel cambio di verso non è solo un avverbio ma è fiducia, voglia di rimboccarsi le maniche
e di programmare. Non per essere velleitari, ma per essere utili. Diceva Benedetto Croce: “la
politica onesta è la politica capace”. Ne siamo capaci? Ne siete capaci? Di programmare il futuro?
Quando un’isola è “alla deriva”, serve che tutti prendano in mano i remi, la governino e le
imprimano una direzione. Lavoriamo insieme per la Sicilia. Ma cambiando i paradigmi, con
coraggio. Spazzando via un passato fatto di logiche che si sono rivelate stagnanti e recessive.
Per questo motivo il 28 febbraio e l’1 marzo prossimi sbarca a Palermo “Sicilia 2.0”, la “Leopolda
sicula”: 2 giorni, 25 tavoli di confronto su 25 argomenti diversi. Economia e lavoro, come portare e
creare innovazione. Politica e geopolitica: la Sicilia è vicina ai mutamenti più che ogni altro luogo
d’Europa e non parliamo solo di immigrazione ma anche di sanità, di guerre, di culture, di ipotesi
commerciali, di flussi di persone e merci. Le istituzioni, l’assetto del territorio e il governo del
medesimo. Il nostro patrimonio storico, artistico e paesaggistico, il nostro tesoro da mettere a frutto
creandogli intorno le condizioni per essere goduto non per essere subito. Ci sono delle vicende su
cui è necessario dire la nostra e confrontarci con i siciliani. Non cambiamo nulla da soli e per
questo chiamiamo a raccolta tutti.
Come pensiamo di risolvere la questione del precariato siciliano? Senza un piano economico e
industriale, che sia anche “culturale” non si risolve, perché il “posto di lavoro” deve inserirsi in una
programmazione complessiva che crei produzione, sviluppo e futuro. Non dobbiamo garantire “il
posto” ma “il lavoro”. Vogliamo che i 22 miliardi di fondi comunitari non vengano distribuiti a pioggia
ma che siano utilizzati per cambiare la natura economica della Sicilia: da regione burocraticoamministrativa,
terra del precariato pubblico, a regione della cultura, dei servizi e della produzione.
E con i privilegi di politici e burocrati? Vogliamo uno statuto che rafforzi i cittadini, che offra “servizi”
ai cittadini, non “favori”. Che premi il merito e i risultati, piuttosto che consolidare carriere, e che
metta fine all’anacronistica e costosissima equiparazione Ars/Senato. Vogliamo che venga
combattuto il centralismo regionale e desideriamo una semplificazione legislativa vera. Davvero
vogliamo tenere fuori da tutto questo le strade e le autostrade che potrebbero tirarci fuori dal
pantano? E l’istruzione, la formazione e l’Università? Il governo nazionale sta puntando tutto sugli
asili, sulla scuola e quest’anno partirà la Costituente dell’Università. Perché mai? Perché è da
queste cose che si riparte, soprattutto in tempi di crisi. La Sicilia deve metterci il suo, finendo di
operare con azioni coriandolo, con progetti che nascono e finiscono in una scuola o in un
dipartimento e applicando una logica di sistema, da zero a 25 anni.
Queste sono solo alcune proposte e solo su alcuni temi: durante “Sicilia 2.0” tutti saremo chiamati
a dire la nostra e a ipotizzare soluzioni e strategie per il futuro del Sud. Innovazione, progetto,
futuro, capacità, rischio, sogno sono sei parole chiave attorno alle quali organizzare i nostri
pensieri, la nostra immaginazione…e la nostra azione. Sono i sei strumenti che avremo a
disposizione attorno ai tavoli di discussione di “Sicilia 2.0”.
Abbiamo deciso di incontrarci alla ex Fabbrica Sandron, un locale che in passato ospitava una
casa editrice costretta a trasferirsi da Palermo a Firenze, all’indomani di un’alluvione che
sconvolse il capoluogo siciliano. Perché una casa editrice? Perché non c’è luogo migliore di uno
spazio simbolico in cui le idee libere diventano comunicazioni, progetti industriali, posti di lavoro.
Ma non prima di aver esercitato la fantasia, di aver sognato “concretamente”.
Affinché la discussione e il confronto siano produttivi e non meri esercizi di immaginazione,
ciascun tavolo sarà coordinato da autorevoli relatori, esperti del tema caldo in discussione:
assessori, parlamentari, esperti e specialisti proveranno a costruire mondi possibili – e speriamo
anche impossibili – con chi vorrà prendere parte a “Sicilia 2.0”.
Adesso dobbiamo sì pensare alle emergenze ma non possiamo farci travolgere da esse. Adesso
dobbiamo concentrarci nel progetto Sicilia: non un progetto astratto, ma qualcosa che abbia
obiettivi concreti, tempi reali, sul quale lavoreremo mettendo in campo interventi dettati da logiche
strategiche e organiche, non a compartimenti stagni. Al bando le conventicole: noi vogliamo
costruire cattedrali.
Tutti siamo chiamati a ripensare il nostro territorio, a ripensare noi stessi. E dal confronto delle
idee, dalla riflessione approfondita dei temi, potremmo stabilire priorità nelle emergenze e assi di
sviluppo per una programmazione che guardi lontano. Assolvere ai bisogni più urgenti ma
ridisegnando nel frattempo i comportamenti verso la cosa pubblica dei singoli e collettivi, che
mettano ordine nella selva oscura che sembra diventata questa terra. Lo faremo con onestà e con
coraggio.
Il futuro è già il nostro presente e il domani non è una minaccia. Il futuro è un posto ricco di
incognite ma anche di possibilità, suggestioni, opportunità. E la cosa bella è che possiamo
cominciare a dirigerci adesso, insieme.
Davide
Ps. Se vi abbiamo convinti e non vedete l’ora di rendervi protagonisti del cambiamento del nostro
territorio, scrivete una mail a info@siciliaduepuntozero.it e aderite a “Sicilia 2.0”. E per tenervi
aggiornati, vi basterà consultare il sito www.siciliaduepuntozero.it
Io ci sarò.

 

ALTRE NOTIZIE

Zen Book Festival: nel quartiere Zen di Palermo un Festival dedicato alla lettura per i più piccoli dal 23 al 26 settembre
Zen Book Festival
Amato, Confintesa Sanità: ISMETT, BUCCHERI e SAN RAFFAELE, mentre aspettano ancora il Bonus Covid, Razza e Musumeci fanno passerella in vista delle prossime elezioni
Oggi 20/09/2021, il Generale Figliuolo, verrà in visita a Palermo e con l’occasione visiterà l’ISMETT, ad accompagnarlo ci saranno il Pr...
Leggi tutto
Il fascino delle candele profumate
Spesso, pensando ad una casa, non si rimane solamente colpiti dalla sua struttura degli spazi, o dalla disposizione ...
Leggi tutto
Trapaniok cerca giovani disoccupati desiderosi di intraprendere l’attività giornalistica
Trapaniok cerca giovani disoccupati che vogliano intraprendere l’attività giornalistica o che sappiano gestire una redazione o l’aspetto relat...
Leggi tutto
Apertura nuovo anno scolastico: la lettera dell´Amministrazione comunale di Erice
Apertura nuovo anno scolastico
La lette...
Leggi tutto
Oltre 546 mila visitatori nel mese di agosto nei luoghi della cultura in Sicilia, con un incremento di quasi 65 mila presenze rispetto al 2020
L’Assessore Samonà: 
“Raccogliamo i frutti di un lavo...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web