Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 22/12/2014 da REDAZIONE REGIONALE

FORZA ITALIA SALONE - un urlo di aperto dissenso

FORZA
DŽAlì ed il coordinamento provinciale non parlino di fughe in avanti. Sono fughe verso la Democrazia che DŽAlì con le sue nomine disconosce. Per me e per quanti in più occasioni ne hanno chiesto lŽazzeramento, sono nulle. Il partito va rifondato a partire dai congressi e dalle primarie.

DŽAlì non può permettersi di gestire il partito di Forza Italia come se fosse un satrapo. LŽEmilia è lontana alcune centinaia di chilometri ma quanto il partito di Forza Italia ha dovuto registrare in quella regione appena un mese fa, non è dissimile da quello che potrebbe accadere in Sicilia ed in provincia di Trapani se si dovesse continuare a gestire il partito in modo tale da allontanarne le forze più vive e più dinamiche della società per garantire i soliti noti.
Non è circondandosi dei suoi fedelissimi ed allontanando gli altri che DŽAlì potrà risollevare le sorti di Forza Italia per portarla a competere con le altre formazioni politiche e soprattutto con la sinistra ruffiana di Renzi.
Attendevamo dal senatore Antonio DŽAlì, dopo il suo ritorno in Forza Italia e dopo la sua esperienza nel Nuovo Centro Destra accanto ad Angelino Alfano che ha deciso di fare da sgabello al Pd di Renzi (Governo che solo oggi il Sen. critica), un rigurgito di orgoglio, un richiamo ai valori che vide Forza Italia motore di una rivoluzione liberale rimasta però lettera morta anche a causa di una classe dirigente che ha gestito il partito in maniera padronale. Attendevamo dal senatore DŽAlì un segnale di democrazia interna. Non è avvenuto e non poteva essere diversamente considerata anche la matrice della sua nomina, giunta con la benedizione del senatore Vincenzo Gibiino, in palese contraddizione con le norma statutarie come giustamente contestato autorevolmente anche dallŽon. Saverio Romano per casi analoghi accaduti nella Sicilia Orientale.
Il senatore DŽAlì perpetuando un vizio dŽorigine, senza consultare la base, anzi volutamente ignorandone quella parte che rappresenta altre aree, altri interessi legittimi, altri metodi di esprimere la politica, ha invece preferito il suo solito vecchio ed ormai superato modo di operare: nominare chi non mette in discussione la sua linea. Lo ha fatto fino ad un paio di giorni fa nominando ancora altri coordinatori comunali senza però essere legittimamente investito da una elezione congressuale, ribadisco, in aperta e palese violazione dello statuto del partito. Per quel che mi riguarda le nomine di DŽAlì senza alcun valore statutario e nessuna legittimazione politica, non valgono !!
Ha ragione Raffaele Fitto quando invoca il «superamento del metodo delle nomine e delle cooptazioni». Questa la ragione per la quale, allŽindomani della mia indicazione a coordinatore di collegio, annunciai che il mio ruolo si sarebbe limitato solo a portare i diversi circoli e le strutture di partito comunali a congresso, ecco perché pur lusingato della nomina avvertii il bisogno di spiegare che questo passaggio pure obbligato doveva essere limitato nel tempo. Spero che gli iscritti di Forza Italia ed i simpatizzanti ricordino quella nota superata dalla clamorosa retromarcia di Gibiino con il ritorno a vecchi schemi e vecchi metodi.
Io sto con Fitto, lo dico chiaramente ed apertamente, perché a Trapani come a livello nazionale, come in ogni luogo in cui è necessario rifondare il partito è necessario azzerare tutte le nomine, per dare il via a una fase di vero rinnovamento. Presto lŽon Fitto sarà a Trapani, lo aspettiamo dopo la pausa natalizia, per ampliare il dibattito politico locale che in maniera non dissimile da quanto accade a livello nazionale, ricerca nuove formule di rappresentanza interna al partito.
Invito DŽAlì a dare un segnale di vera democrazia, non può ignorare che le indicazioni che ha dato e le nomine che ha fatto non sono condivise con molti attivisti e con tanti amministratori locali.
Si può accettare e comprendere che in forza della sua storia pregressa, benché proveniente dal NCD, al senatore DŽAlì possa essere conferito un ruolo commissariale super partes; non è invece condivisibile che nomini chi vuole senza ascoltare nessuno della base. Un partito che chiede e stimola ripetutamente il tesseramento e che poi annuncia proroghe su proroghe procrastinando le consultazioni congressuali rischia di perdere ogni credibilità e legittimazione politica (lŽultimo “inderogabile termine” è stato postergato al 15 dicembre, poi un nuovo “ultimo inderogabile termine” al 31).
Anche in questi atteggiamenti stanno le ragioni del crollo di Forza Italia. Basta nomine dallŽalto; basta liste bloccate e listini, basta con i congressi solo annunciati e mai celebrati.
che purtroppo DŽAlì ha perpetuato quando invece poteva dare Il mio è un urlo di aperto dissenso. Non contro il senatore DŽAlì, perché la politica non si fa contro qualcuno, ma piuttosto contro un metodo un segnale di rottura con il passato. Sono certo che tantissimi nel partito, anche molti che si sono allontanati, la pensano come me. Li invito a manifestare apertamente e democraticamente il loro dissenso.
Rifondiamo il partito su temi concreti che coinvolgano i cittadini e con vere regole di democrazia interna. In tanti sono disponibili allŽimpegno su queste basi.

Trapani, 21 dicembre 2014

IL CONSIGLIERE COMUNALE DI TRAPANI
Dott. Francesco Salone

 

ALTRE NOTIZIE

Apertura nuovo anno scolastico: la lettera dellŽAmministrazione comunale di Erice
Apertura nuovo anno scolastico
La lette...
Leggi tutto
Oltre 546 mila visitatori nel mese di agosto nei luoghi della cultura in Sicilia, con un incremento di quasi 65 mila presenze rispetto al 2020
L’Assessore Samonà: 
“Raccogliamo i frutti di un lavo...
Leggi tutto
Cantiere aperto per il restauro delle pale raffiguranti San Francesco D’Assisi e San Pietro che si trovano al Museo Pepoli di Trapani
L’Assessore Alberto Samonà
“Opportunità per seguire un ...
Leggi tutto
Pallacanestro Trapani, si ferma Simone Tomasini
La Pallacanestro Trapani comunica che il proprio atleta Simone Tomasini, a causa del problema alla caviglia sinistra...
Leggi tutto
La Sicilia celebra la Settimana del Pianeta Terra
Dal 3 all’10 ottobre in 90 siti sparsi in tutta Italia partirà la IX edizione de La Settimana del Pianeta Terra, il festival delle geoscienze c...
Leggi tutto
Tonno sostenibile: gli incontri estivi di Federconsumatori volgono al termine
A giugno Federconsumatori Sicilia ha lanciato la campagna Tonno Sostenibile, in sinergia con il Dipartimento del Mare della Fondazione YMCA Italia, fi...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ŽCampagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019Ž. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ŽCampagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019Ž. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ŽOrlando veloce a iscrivere migranti allŽanagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchiaŽ:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web