Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 05/12/2014 da REDAZIONE REGIONALE

CAD - I SOPRUSI DELLE BANCHE SCATENANO LE ATTENZIONI DEI CADDIANI. RIPORTIAMO L’APPELLO DEL CADDIANO RICCARDO.

CAD

Spettabile CAD NAZIONALE “, vi scrivo in maniera succinta per porre
alla vostra attenzione un sopruso ( l’ ennesimo ) di una banca nei
confronti di una famiglia.
Premetto che tutto ciò che vi scrivo e’ dimostrabile in maniera
documentale, certa ed univoca e vi consegnerò, tale documentazione
cartacea, qualora questo caso sia di interesse, sia vostro che
pubblico.

Mi chiamo Riccardo Monizza e sono l’ unico nipote della signora
Paiano Mirella e redigo questo scritto per suo conto.

Nel 1995 mia zia ha contratto un mutuo con banco di san paolo al tasso
del 13.75 annuo; dopo neanche un anno, mia zia, decise di restituire la
maggior parte della quota capitale ( chiedendo soldi alla famiglia )
perché non riusciva a pagare il mutuo in virtù del fatto che le rate
erano eccessivamente alte rispetto al reddito, ( quindi la banca ha
acceso un mutuo ad una persona che sin dall’ inizio era
impossibilitata a restituire le somme e che aveva acceso lo stesso
inconsapevole della cifra mensile da restituire ) ; l’amarissima
sorpresa fu che, a fronte della restituzione anticipata del mutuo, la
banca chiese, ripetutamente, penali esose oscillanti tra il 25 ed il 50
% con una media del 40 % ( dico ben il QUARANTA %) di penale ..
impedendo, di fatto, la restituzione del debito e portandoci, in
realtà, e nonostante i nostri sforzi, alla morosità forzata.

Da precisare che le panali tanto elevate non erano chiaramente descritte
nel contratto di mutuo, ma venivano fuori da un astruso e complicato
calcolo da fare al momento dell’ eventuale restituzione del debito,
quindi contravvenendo ad una precisa norma di chiarezza e possibilità
di scegliere se accettare o meno condizioni tanto gravose.

Questo tentativo di restituzione anticipata e’ stato effettuato per
ben 4 volte ed ogni volta con la speranza di veder applicate delle
penali che fossero umanamente, moralmente e economicamente sostenibili,
ma ogni volta il risultato era lo stesso, nel dettaglio :

il giorno 25/11/1996 ho offerto alla banca 139.959.098 e la cifra
finale richiestami dalla banca per scalare la cifra offerta fu di
172.914.800 ( + 25 % di penale )

Il giorno 02/12/1996 ho offerto alla banca 60.000.000 e la cifra finale
richiestami dalla banca per scalare la cifra offerta fu di 76.935.800
( + 29 % di penale )

Il giorno 15/04/1998 ho offerto alla banca 67.175.085 e la cifra
finale richiestami dalla banca per scalare la cifra offerta fu di
100.000.000 ( + 49 % di penale )

Il giorno 17/07/1998 ho offerto alla banca 133.805.394 e la cifra
finale richiestami dalla banca per scalare la cifra offerta fu di
193.314.600 ( + 45 % di penale )

( ho i documenti originali dell’ epoca che testimoniano queste cifre
)

E’ evidente che non avremmo abbassato, con penali così esose, la
rata in maniera tale da poter pagare realmente il mutuo ed, alla fine,
ci siamo arresi di fronte all’ impossibilità reale di poter
restituire il debito in maniera anticipata.

Adesso la casa e’ all’ asta ma, la cosa grave, e’ che vi e’ un
giudizio pendente in cassazione circa la legittimità di 2 punti
fondamentali:

1) Il richiedere una penale tanto elevata
( poiche’ se avessero applicato una penale normale ( diciamo anche il
5-7% ) noi avremmo abbassato la rata in maniera tale da poter pagare
senza problemi le rate rimanenti e non si sarebbe mai arrivati a
questo.

2) L’ aver concesso un mutuo impossibile
da restituire.

In più, ed e’ anche qui la cosa estremamente dolorosa, in quella casa
abita mia zia ( 72 anni ) mia madre ( 76 anni cardiopatica ) e mia
sorella ( 45 anni invalida totale al 100% ) .. la banca incurante di
tutto cio’ ha fatto fare uno sfratto esecutivo per mettere in asta la
casa senza aspettare l’ esito del giudizio del tribunale che, se a
noi favorevole, concederebbe alla banca stessa, una restituzione di
capitale di solo 15.000 ( quindicimila euro ), a fronte della attuale
loro richiesta di 104.000 ( centoquattromila ) euro.
Infatti, sino al totale esaurimento di tutte le nostre risorse , abbiamo
sempre pagato le rate e, come risulta, abbiamo restituito ben
117.000.000 milioni di lire a fronte di 150.000.000 milioni di lire
richiesti, per cui la sorte capitale rimanente sarebbe di soli circa
15.000 euro circa.

Ho tentato molte volte di raggiungere un accordo ed evitare alla mia
famiglia lo strazio di una esecuzione forzata ( non dimentichiamo le
loro condizioni di salute ) , ma la banca in maniera assolutamente
intransigente, non solo non e’ scesa a compromessi ( pretende tutti i
104.000 euro ) ma addirittura vuole che le si paghino anche le spese
legali ( spese che, di norma, vengono, invece, compensate tra le parti )
e mi porta una richiesta di oltre 8.000 euro di spese legali , cosicché
dovrò dar loro circa 115.000 euro per non rischiare di veder la mia
famiglia subire possibili danni alla loro già precaria salute.

aggiungo che, nell’ anno in corso, e prima che si arrivi all’ asta,
sono state offerte alla banca a saldo e stralcio per ben 3 volte le
seguenti cifre:

1) 50.000 euro = rifiutate
2) 67.000 euro = rifiutate
3) 82.000 euro = rifiutate

Singolare, quindi, come la banca prima emetta un mutuo con la
consapevolezza che non potrà essere restituito, poi impedisca la
possibilità di restituzione anticipata del debito ponendo una penale
assolutamente spropositata ( ricordo circa il 40 % ) , e poi non
permetta una transazione equa e moralmente corretta, pretendendo una
cifra di circa 115.000 euro , nonostante tutti i soldi già restituiti
ed i tentativi di raggiungere un accordo equo.

Vorrei porre questo caso alla vostra attenzione non solo da un punto di
vista legale, ma anche, e soprattutto, etico e morale; poiché sarebbe
opportuno portare a galla certi comportamenti.

Mi rivolgo a voi in quanto paladini di giustizia ed equità in un mondo
dove i deboli devono sempre subire i soprusi dei piu’ forti e delle
lobby.

Vi ringrazio anticipatamente per l’ attenzione che vorrete rivolgere a
questo mio accorato appello.


ACCETTIAMO CONSULENZA E AIUTO PER L’AMICO RICCARDO.
SCRIVETE ALLA EMAIL: presidenza@cadsociale.com

 

ALTRE NOTIZIE

Prevenzione pediatrica e posturale con ANAS in Campania
Domenica 2 ottobre, dalle ore  10,30 a Napoli, in Viale dei Pini 53, avrà inizio una giornata dedicata alla salute pediatrica e non, organizzat...
Leggi tutto
A Marsala i Carabinieri in azione per verificare al regolare fornitura di energia elettrica
Nella giornata di ieri, i Carabinieri della Compagnia di Marsala, con l’ausilio dei colleghi della Compagnia di Intervento Operativo del XII Reggiment...
Leggi tutto
A Marsala i Carabinieri in azione per verificare al regolare fornitura di energia elettrica
Nella giornata di ieri, i Carabinieri della Compagnia di Marsala, con l’ausilio dei colleghi della Compagnia di Intervento Operativo del XII Reggiment...
Leggi tutto
Il CNDDU invita ad adeguare la modulistica relativa ai benefici della legge 104 del 92 alla vigente normativa
Il Coordinamento Nazionale dei Docenti della disciplina dei Diritti Umani invita le scuole a ricalibrare la propria modulistica inerente alla richiest...
Leggi tutto
Video amatoriale dell’Accademia delle Prefi sul Fenomeno degli Youtuber 1.700.000 visualizzazioni…
Il 14 febbraio del 2005 nasceva YouTube, la piattaforma web più famosa per la condivisione dei video (video sharing), nonché il sito che...
Leggi tutto
Gianluca Calì (Sud Chiama Nord): La mafia si sta arricchendo riciclando denaro sporco nella cessione del credito del bonus 110%.
L’imprenditore antimafia Gianluca Calì, in politica con il movimento “Sud Chiama Nord” lancia l’allarme: “La mafia si sta arricchendo ricicland...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web