Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 26/11/2014 da REDAZIONE REGIONALE

gruppo Grandi Autonomie e Libertà - COMUNICATO

gruppo
Una mozione e il comitato promotore di un referendum abrogativo per fermare l´accelerazione delle trivellazioni nel Mar di Sicilia. E´ quanto presentato ieri mattina dai senatori del gruppo Grandi Autonomie e Libertà, Giuseppe Compagnone (commissione Ambiente), Giuseppe Ruvolo (commissione Agricoltura) e Antonio Scavone (vicepresidente vicario), e da Antonio D´Alì, di Forza Italia (Commissione Bilancio) durante una conferenza stampa in Sala Nassirya al Senato con la partecipazione di Giorgia Monti, responsabile della Campagna Mare di Greenpeace. "U mari - ha detto Scavone introducendo la conferenza, al termine della proiezione del video di Greenpeace con Ficarra e Picone contro le trivellazioni - nun si spirtusa, la Sicilia deve vivere di sole, di mare, di agricoltura e di turismo, non di catrame nero. Dobbiamo puntare alla nostra ricchezza, noi abbiamo una California-Puglia, una California-Sicilia, ma qui purtroppo c´è chi da California ci vuol fare diventare Texas". Un rischio quanto mai attuale dopo l´approvazione dello Sblocca-Italia che inserisce tra le misure urgenti in materia di energia, all´articolo 38, la possibilità del rilascio di un titolo concessorio unico per le attività di ricerca e coltivazione di idrocarburi.
Di fatto, ha spiegato Compagnone, "in questo modo si accelera la possibilità di trivellare il Mar di Sicilia senza però rispettare la direttiva 30 dell´Unione Europea (quella che la Ue mise a punto sull´onda del drammatico sversamento nel Golfo del Messico) che abbiamo sì recepito a ottobre ma che, per la mancanza di decreti attuativi non sarà attuata prima di luglio 2015. Un disastro che cerchiamo di fermare con la mozione che presenteremo. Bisogna pensare infatti che da qui a luglio il governo potrebbe dare concessioni che, secondo quanto previsto, tra una proroga e l´altra, potranno durare fino a 52 anni e saranno contrarie a quanto previsto dalla direttiva europea. Per questo, nella nostra mozione chiediamo al governo di non autorizzare l´iniziativa se non dopo l´emanazione dei decreti attuativi della direttiva europea". Infatti, ha spiegato Giorgia Monti, "oggi si va avanti con valutazioni di impatto ambientale spesso carenti e piene di errori. La Sicilia deve decidere quale sviluppo vuole: di trivelle e di petrolio o di ricchezza ambientale e turismo".
Senza parlare dei rischi che la terra corre. Ci sono molti studi, ha proseguito il senatore Ruvolo, "seri e documentati che evidenziano la pericolosità delle trivellazioni. Le aree che vanno da Ragusa a Trapani, in cui si intende posizionare le trivelle ad impatto distruttivo, sono attive, hanno una struttura crostale fratturata e dislocata in cui si riscontrano sistemi vulcanici sommersi tutt´ora attivi. Così facendo, dunque, si rischia di alimentare nel Canale, in maniera consistente, oltre al vulcanesimo, la sismicità".
Infine, ha concluso D´Alì, gi à presidente della Commissione Ambiente di Palazzo Madama, la beffa delle beffe, "perché tutto questo viene venduto dal presidente della Regione Siciliana Rosario Crocetta come un grande investimento economico per la Sicilia. ´Valgono tra i 300 milioni e i 500 milioni annui, ha annunciato il governatore, peccato che invece il mare sia di competenza statale e la Regione non avrà un centesimo dalle estrazioni". Per questo, "abbiamo promosso un comitato per un referendum popolare. I siciliani sono contrari alle trivelle...ci piacerebbe sapere come reagirebbe l´ex sindaco di Firenze se si trovasse del petrolio in piazza della Signoria a Firenze...sarebbe pronto a rischiare un patrimonio mondiale? Noi no. Il modello di sviluppo che vogliamo per la Sicilia non è compatibile con le trivellazioni. Vogliamo l´oro verde, quello del sole, del mare, delle spiagge, dei campi degli agricoltori...perché il mare è di tutti e il Mediterraneo tutto non pu ò permettersi ulteriori incrementi del tasso di inquinamento da idrocarburi. Così come neppure i litorali possono essere costellati dalla visione delle torri petrolifere. L´Italia invece di dare autorizzazioni a ´bucare´ dovrebbe puntare su una politica per tutelare la biodiversità".


Roma 26/11/2014

 

ALTRE NOTIZIE

Sindacato, Lorenzo Geraci riconfermato segretario generale della Cisl Fp Palermo Trapani
Palermo, 1 dicembre 2021 - Lorenzo Geraci, 61 anni, è stato rieletto segretario generale della Cisl Fp Palermo Trapani. Geraci, assistente ammi...
Leggi tutto
Il Governo regionale stanzia 5 milioni di euro del Patto per il Sud per completare il restauro e la riqualificazione dell’ex stabilimento Florio a Favignana
Palermo, 1 dicembre 2021 – Saranno finalmente completate le opere di restauro e riadattamento funzionale dell’Ex stabilimento Florio di Favignana per ...
Leggi tutto
DONATI LIBRI ALLA BIBLIOTECA COMUNALE DI GRAVINA DI CATANIA DAL GRUPPO TERRITORIALE DI “AZIONE”
“Donare è cultura”. E’ questo lo slogan da cui si evince il senso dell’iniziativa del gruppo “Gravina di Catania in AZIONE” che continua costan...
Leggi tutto
MARSALA: 5 ARRESTI DEI CARABINIERI PER ESECUZIONE DI PROVVEDIMENTI DELL’AUTORITA’ GIUDIZIARIA
Nei giorni appena trascorsi i Carabinieri della Compagnia di Marsala tratto in arresto in esecuzione di una serie di provvedimenti di aggravamenti di ...
Leggi tutto
Consegnati gli attestati CELI immigrati agli studenti che avevano superato gli esami a Milano
In occasione della sessione di esami CELI immigrati odierna, sono stati consegnati gli attestati emessi dell´Università di Perugia per gl...
Leggi tutto
Presentato all’ARS il Manifesto dei diritti e dei doveri dei beni culturali
Palermo, 30 novembre 2021 – E’ stato presentato questa mattina, nella sala “Mattarella” dell’Assemblea Regionale Siciliana, il “Manifesto dei diritti ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web