Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 17/11/2014 da REDAZIONE REGIONALE

UNITI PER IL FUTURO - Presentata mozione contro trivellazioni e ricerca idrocarburi nel Canale di Sicilia.

UNITI
Presentata mozione contro trivellazioni e ricerca idrocarburi nel Canale di Sicilia. Fazio: «Il provvedimento Sblocca Italia rischia di trasformare il mare della Sicilia in una colonia delle grandi e piccole società petrolifere. Bisogna fermare questo scempio».

Trapani, 17 novembre 2014 – Il gruppo consiliare Uniti per il Futuro ha depositato stamani una Mozione che, se sarà approvata dal Consiglio Comunale, impegna il Sindaco e la Giunta ad aderire alla campagna di Greenpeace «U mari nun si spirtusa» e a sostenere ogni iniziativa, anche in sede giurisdizionale contro il provvedimento del Governo Renzi denominato “Sblocca Italia”.
«Una legge – spiega il capogruppo di Uniti per il Futuro, Girolamo Fazio – che rischia di trasformare il mare della Sicilia in una colonia delle grandi e piccole società petrolifere. Bisogna fermare questo scempio dal quale la nostra terra ricaverebbe solo danni ambientali e nessun vantaggio».
La ricerca idrocarburi nel Canale di Sicilia si tradurrebbe immediatamente nel raddoppio delle aree che sono già a disposizione delle compagnie petrolifere dal 2010. La legge approvata di fatto esautora il Governo Regionale dalle procedure di concessione concentrando le autorizzazioni VIA VAS nei ministeri romani. Per altro una operazione di nessun vantaggio economico per la Sicilia poiché le royalties prenderebbero solo la strada di Roma.
Ma più di ogni altra cosa preoccupa il rischio ambientale. Un incidente come quello del Golfo del Messico significherebbe per il Mediterraneo ed in particolare per la Sicilia, la morte delle economie legate alla pesca ed al turismo, due comparti strategici per lŽisola.

Ufficio Stampa
Fabio Pace



Di seguito il testo della mozione

Al Signor Presidente
del Consiglio Comunale di Trapani
SEDE

e p.c. Al Signor Sindaco di Trapani
SEDE

MOZIONE

Il Consiglio Comunale di Trapani,
premesso che il Parlamento ha approvato la legge 11 novembre 2014, n. 164, di conversione del decreto legge 12 settembre 2014, n. 133 recante "misure urgenti per lŽapertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche, la digitalizzazione del Paese, la semplificazione burocratica, lŽemergenza del dissesto idrogeologico e per la ripresa delle attività produttive", meglio noto come "Sblocca Italia" (pubblicata in Gazzetta Ufficiale, sul Supplemento Ordinario n. 85 alla Gazzetta Ufficiale n. 262 dellŽ11 novembre 2014);
premesso che lŽart. 38 della summenzionata legge di fatto dà carta bianca alle società petrolifere per effettuare operazioni prospezione geologica a terra ed in mare alla ricerca di idrocarburi rischiando così di trasformare la Sicilia ed il mare del Canale di Sicilia, come hanno affermato in una nota le associazioni Greenpeace, Legambiente e WWF, «in una sorta di colonia per le trivelle»;
premesso che il medesimo articolo di fatto espropria la Regione Siciliana del diritto di valutare ed eventualmente autorizzare o rigettare progetti e interventi di prospezione geologica e attività estrattive non potendo più entrare nel merito dei procedimenti autorizzativi e concessori riservati allo Stato in quanto la norma consente di applicare le procedure semplificate e accelerate senza che si applichi la Valutazione Ambientale Strategica, ed inoltre lŽart. 38 stabilisce che dal marzo 2015 le procedure di VIA sulle attività a terra diventino competenza del Ministero dellŽAmbiente e non più delle Regioni;
premesso che è opinione diffusa e accreditata tra esperti giuristi che lŽ38 del decreto possa essere impugnato davanti alla Corte Costituzionale;
premesso che nella regione siciliana la ricerca di idrocarburi è di competenza dellŽURIG (Ufficio Regionale per gli Idrocarburi e la Geotermia) che è anche organo di vigilanza del settore estrattivo;
rilevato che le piattaforme petrolifere in mare producono composti chimici costituiti prevalentemente da atomi di carbonio ed idrogeno (idrocarburi) altamente cancerogeni per l’uomo e fortemente inquinanti per l’ambiente e che il Mediterraneo, anche a causa delle sue condizioni di mare chiuso, è già lŽarea marina più inquinata dal petrolio di tutto il globo;
rilevato che le sostanze rilasciate dalle piattaforme petrolifere entrano nella catena alimentare della fauna marina, mentre le strutture metalliche fissate sui fondali alterano gli equilibri marini e distruggono gli habitat naturali;
rilevato che le piattaforme petrolifere inoltre possono provocare incidenti estremamente gravi, in questo senso si ricorda il rogo del 1988 alla Piper Alpha, nel quale persero la vita 167 persone, e l’incendio della Deep Water Horizon della BP nel Golfo del Messico, che produsse un danno ambientale irreparabile con il petrolio che spinto dalla corrente del Golfo è giunto fin nel mare del Nord e sulle coste della penisola scandinava;
rilevato che analogo incidente nel Mediterraneo, con le stesse proporzioni di fuoriuscita di greggio, avrebbe conseguenze catastrofiche per decenni sulle economie legate a due settori strategici per la Sicilia e tra essi collegati: la pesca ed il turismo;
rilevato che la sola presenza di piattaforme petrolifere nel Canale di Sicilia o peggio ancora a ridosso di importanti aree strategiche come lŽisola di Pantelleria o lŽArea Marina Protetta delle isole Egadi potrebbe ingenerare la perdita di valore ed interesse turistico del nostro territorio;
considerato che il ministero per lo Sviluppo Economico ha già rilasciato in passato un alto numero di autorizzazioni a società londinesi che hanno già alimentato la preoccupazione di cittadini e le istituzioni locali che hanno manifestato chiaramente il loro dissenso, organizzando iniziative di protesta allŽinsegna dello slogan di Greenpeace “U mari nun si spirtusa”;
considerato che le richieste di nuovi permessi di ricerca da parte delle società petrolifere porteranno le aree già soggette a concessione e permessi di ricerca a più che raddoppiare passando da 3.105 a 7.153 kmq, gran parte delle quali a ridosso delle coste siciliane;
considerato che lŽaumento di piattaforme nel Canale di Sicilia porterebbe inoltre allŽinevitabile incremento del traffico di petroliere determinando ulteriori problemi di sicurezza della navigazione e di inquinamento in un mare che, come già detto, è già il più inquinato del mondo;
considerato che diverse aree del Canale di Sicilia sono considerate dagli organismi internazionali zone di tutela biologica per la protezione e riproduzione del patrimonio ittico;
visto che LŽAssemblea Regionale Siciliana il 11/11/2014 ha approvato due mozioni ed un ordine del giorno nei quali si chiede al Governo Regionale lŽimpegno ad assumere tutte le iniziative utili a fermare lo sfruttamento degli idrocarburi nel Canale di Sicilia eventualmente ricorrendo anche alla Corte Costituzionale;
visto che molti Comuni aderenti allŽANCI Sicilia stanno spingendo perché lŽorganismo presenti un ricorso formale al decreto “Sblocca Italia”

IMPEGNA
il Sindaco e la Giunta
ad opporsi alla legge "Sblocca Italia" aderendo, ove lŽiniziativa dellŽANCI Sicilia dovesse essere formalizzata in sede giurisdizionale, al ricorso avverso lŽarticolo 38 della legge 11 novembre 2014, n. 164, di conversione del decreto legge 12 settembre 2014, n. 133 recante "misure urgenti per lŽapertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche, la digitalizzazione del Paese, la semplificazione burocratica, lŽemergenza del dissesto idrogeologico e per la ripresa delle attività produttive";
ad aderire formalmente alla campagna di Greenpeace “u mari nun si spirtusa” sostenendo, ove possibile, le iniziative dellŽassociazione ambientalista;
ad aderire ad sostenere ogni iniziativa volta a negare o congelare i nuovi permessi per le perforazioni e indirizzata a sostenere ogni moratoria sulle nuove trivellazioni nel Canale di Sicilia ed in tutto il territorio Siciliano;
a ribadire lŽautonomia della Regione Siciliana in materia di politiche energetiche e a sostenere lŽiniziativa parlamentare dellŽAssemblea Regionale Siciliana perché il Governo Regionale adotti le opportune iniziative volte ad annullare tutte le autorizzazioni in corso e a richiedere al Governo Nazionale una moratoria per le trivellazioni nel Mediterraneo, eventualmente anche ricorrendo alla Corte Costituzionale;
a sostenere eventuali iniziative legislative perché il Governo preveda un coinvolgimento vero e formale delle comunità locali interessate, in quanto confinanti con le aree di ricerca, prevedendo che quanto meno il parere delle regioni coinvolte sia obbligatorio e vincolante, ai fini del rilascio delle autorizzazioni, e debba essere regolarmente acquisito anche per quelle già rilasciate.
Trapani, 17 novembre 2014
I consiglieri di Uniti per il Futuro
Girolamo Fazio
Franco Ravazza
Giuseppe Ruggirello

 

ALTRE NOTIZIE

Il lavoro è democrazia. Il PNRR occasione di sviluppo e di rilancio dellŽeconomia del nostro Paese.
La recente manifestazione unitaria organizzata dai sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil tenutasi qualche giorno fa...
Leggi tutto
TRAPANI: NOTTE DI PASSIONE IN HOTEL SENZA PAGARE IL CONTO DENUNCIATA DAI CARABINIERI GIOVANE COPPIA
Nella giornata di ieri i Carabinieri della Sezione Radiomobile di Trapani hanno denunciato una giovane coppia, entra...
Leggi tutto
Cedimento sulla strada che porta alla stazione ferroviaria di Castellammare del Golfo. La frana dal costone tufaceo prima del bivio per la spiaggia Playa.
«In corso un sopralluogo sulla strada 187 che conduce alla stazione ferroviaria di Castellammare, poco prima del bivio nord per la spiaggia Playa, dov...
Leggi tutto
MAZARA DEL VALLO. ATTI PERSECUTORI E MINACCE: I CARABINIERI ESEGUONO DUE PROVVEDIMENTI GIUDIZIARI
Nei giorni scorsi, i Carabinieri della Compagnia di Mazara del Vallo, a conclusione di indagini, hanno eseguito due ...
Leggi tutto
Sedi INPS, attivato Servizio di Prima Accoglienza senza obbligo di prenotazione
Dal 15 ottobre nelle Sedi dell’Istituto è stato avviato il Servizio di Prima accoglienza, senza prenotazione ...
Leggi tutto
A Trapani arriva il Festival del "Dia De Los Muertos"
Dal 20 ottobre al 2 novembre dall´antica tradizione messicana per la celebrazione dei defunti, 122 Ricami Art Boutique presenta il Festival del ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ŽCampagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019Ž. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ŽCampagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019Ž. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ŽOrlando veloce a iscrivere migranti allŽanagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchiaŽ:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web