Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 10/11/2014 da redazione

TRAPANI - SALVIAMO IL CASTELLO CALATUBO

TRAPANI
Il Castello di Calatubo
Ad appena tre chilometri dalla città di Alcamo, sorge superbo e maestoso su un’alta rocca il castello di Calatubo, e come un vero nido d’aquila domina tutta la vallata che va da Castellammare del Golfo, Balestrate, Trappeto e Monte Bonifato, regalando all’ignaro visitatore uno dei paesaggi più suggestivi e mozzafiato della Sicilia Occidentale. Il Castello è evidente nella sua mole quando da Trapani si va verso Palermo e lo si osserva dalla vicina autostrada, quando la vista delle antiche fabbriche è progressiva in avvicinamento, e spazia verso la zona di ingresso attuale, segnata da due avancorpi a torre, collegati tra di loro da una cinta muraria difensiva, dove si apre un grande portale ad arco seicentesco.
L’occhio osserva ammaliato le antiche fabbriche che si snodano per tutta la rupe lunga ben 152 metri assecondandone l’assetto, tanto da dare l’impressione di essere eruttate dalla stessa rocca. Il toponimo arabo Qal’at (Castello), costituisce la radice di partenza di molti paesi (Calatabiano, Caltabellotta, Calamet, etc) caratterizzati da un arroccamento in luoghi alti e di difficile accesso, sormontati da un castello. Sebbene accurate indagine sull´evoluzione strutturale, condotte dalla dott.sa Di Liberto, abbiano messo in evidenza l´esistenza di costruzioni di epoca bizantina, non abbiamo riscontri documentali di questo periodo li ritroviamo, infatti …. nel Diploma della fondazione della Diocesi di Mazara (1093), da parte di Ruggero d’Altavilla, a cui assegna il territorio che si fa riferimento per la prima volta a “Calatub cum omnibus suis pertinentiis”, per poi passare nel corso del tempo a numerosi importanti famiglie nobili siciliane e non (Ponc de Blancfort (1278), Federico d’Antioca (1335), Raimondo Peralta (1336), Manfredi Aurea (1361), Artale De Luna (1403), Duca di Bivona (1554), Baroni De Ballis (1583) fino ad arrivare ai Papè Principi di Valdina (1707) i quali eredi nel 2007 lo donarono al Comune di Alcamo, (l’attuale proprietario).
Recenti studi hanno messo in luce, che il territorio comprendeva oltre il castello, un grande paese con porto, tesi testimoniata dal geografo arabo Ibn Idrisi (1134-1154) nella sua cartografia della Sicilia Araba oggi noto come “Il libro di Ruggero”, dove ne descrive l’importanza e la ricchezza, trent’anni dopo anche il pio viaggiatore andaluso Ibn Giubàyr (famoso per le sue relazione dei territori visitati) visiterà Calatubo confermandone l’importanza del sito.
L’impianto nella sua essenzialità delle fabbriche prive di apparati decorativi, risulta chiaramente diviso in tre distinti ambiti recitati da muri.
Il primo appartenente all’inizio del XI secolo, come palesa la presenza di una piccola torre posta a difesa dell’ingresso originario.
Il secondo corpo risale alla fine dell’XI secolo con la costruzione di una seconda torre quadrangolare dalla quale si poteva accedere al piano del castello.
E’ nel corso del XII secolo che si definisce il fronte ovest del castello, secondo forme e sagome che saranno riprese nei secoli successivi, con aggiunte e trasformazioni come ad esempio, nel XVII secolo, l’arcone di ingresso leggermente ribassato.
All’interno del primo circuito di mura si costituisce la “torre maestra” dai grandi spessori murari, che era contemporaneamente luogo abitativo, luogo di difesa e centro di avvistamento.
Il terzo recinto murario nasce dalla suddivisione della seconda coorte in una più piccola, sul nuovo ingresso, ed una più grande ad ulteriore difesa forse da un’altra torre.
Fra il XIII e XIV secolo la struttura militare di Calatubo viene ingrandita e trasformata non solo per essere confacente alle nuove tecniche di attacco militare ed alle nuove armi ma per essere una vera e propria residenza fortificata atta ad ospitarvi il Signore di turno, per essere poi abbandonato nel XV secolo a causa dello spopolamento delle terre (infatti alla fine del cinquecento le fabbriche sono descritte già in rovina).
La rinascita di questo complesso avviene alla fine dello stesso secolo quando, quando la famiglia De Ballis nel 1583 acquista il feudo e Don Graziano diventa il primo barone di Calatubo. Si avviano i lavori di consolidamento delle fabbriche medievali con la costruzione di una nuova ala residenziale e della chiesa nel terzo cortile .
Nel XVIII secolo si ha la configurazione della facciata ovest della dimora, con la costruzione delle due torrette merlate e delle scale esterne che collegano i cortili inferiori alla residenza.
Nel 1707 Donna Gaetana De Ballis ultima baronessa di Calatubo sposa Giuseppe Papè principe di Valdina, 3° Protonotaro del Regno di Sicilia, trasferendone la proprietà a questa importante famiglia. Ed è al suo interno proprio tra le sue mura che il 10 ottobre 1724 nacque Ugo Papè figlio dei su menzionati illustri personaggi.
Nominato Vescovo di Mazzara del Vallo il 24 aprile del 1773, visitò tutti i luoghi della vasta diocesi lasciando profonde orme delle iniziative prese a favore degli edifici, degli istituti di educazione e di beneficenza. Gettò le fondamenta del Palazzo vescovile, edificò alcuni tratti della Cattedrale e la Cappella del Sacramento.
Mons. Quinci scrive di lui: “Non si possono contare le varie ed altre sue interessanti opere fatte, si può dire in ogni luogo della diocesi”.
Per il Seminario, questo del governo Papè, è chiamato “Il periodo d’oro”, per le fabbriche, amministrazione, disciplina e studi, pietà e scienza.
Nel dicembre del 1790, il Vescovo Ugo Papè si recò a Palermo (quasi a presagio della sua morte) ove si ammalò e morì il 13 gennaio 1791. Il suo corpo, trasportato a Mazzara, venne tumulato, dopo le solenni esequie, nella Cappella del SS.mo Sacramento della Cattedrale nel sepolcro che, ancor vivente si era fatto costruire.
Tra la seconda metà dell’800 e i primi del ´900 il Castello di Calatubo divenne famosissimo in Italia ed Europa in quanto ospitò uno Stabilimento Enologico dove si produsse il vino “Castel Calattubo” dei Principi Papè di Valdina. Ottenne le massime onorificenze e medaglie d’oro (maggior premio concesso ai vini Italiani) nelle più importanti Esposizioni d’Europa, conseguendo il brevetto di fornitore esclusivo delle Regie Cantine e la facoltà di fregiare con lo stemma Reale lo stabilimento. Infatti furono molte le cene di gala tra i più importanti Premier, dove si stabilirono le sorti dell’intera Europa, accompagnate dal Real vino.
Il sito per la sua posizione strategica per la fertilità dei terreni circostanti, era un tempo dotato di un area portuale e di un fiume, un tempo navigabile fino ai pressi del Castello, che vanta una storia antichissima preesistente al maniero stesso di cui sono testimoni la necropoli elima e quella araba-normanna scoperte nei suoi dintorni, nonché chiare tracce di frequentazione che risalirebbero al lontanissimo Paleolitico inferiore.
Fu sede di un villaggio Neolitico e divenne un importante centro Sicano-Elimo nel periodo Arcaico-Ellenistico, successivamente avamposto Romano-Bizantino e infine Roccaforte e città Araba.
Per trascrivere l’intera storia del Castello, delle sue origini, dei suoi illustri personaggi, nonché del suo protagonismo fino ai giorni nostri non basterebbe un intera enciclopedia.
Nel tempo il Castello si è contornato anche da un alone di mistero che trapela dalle tante leggende che insieme alla sua atmosfera aurica hanno alimentato le fantasie e non dei viandanti.
Storie di presenze, di apparizioni, di sotterranei segreti, di profezie antichissime e incantesimi da svelare, tra queste da ricordare la leggenda del re Biddicchio dove la tradizione popolare vuole che un figlio naturale di Re Martino I, fosse stato rinchiuso nelle segrete dell’omonima torre, molte sono le testimonianze dei suoi antichi abitanti che hanno sentito di notte il pianto e la voce di un bimbo che chiedeva aiuto.
Chiunque si rechi a visitare le rovine del Castello non può fare almeno di restare profondamente ammaliato, per la sua posizione strategica, il suo fascino, l’energia che si respira.
Le sue pietre antichissime emanano millenni di storia, proprio perché in esse si racchiude tutta la storia della Nostra amata Sicilia.

Stefano Catalano
Maria Rimi





 

ALTRE NOTIZIE

Il 14 giungo si terrà a Partinico il convegno "In principio erano i pomodori. Storia di diritti, doveri e nuova cittadinanza"
Il 14 giugno alle ore 17.00 presso l’atrio del Palazzo dei Carmelitani a Partinico in c/so Dei Mille 252 si terrà il convegno: “IN PRINCIPIO ER...
Leggi tutto
A Scopello, la due giorni di degustazioni "Tastavino"
Una due giorni di degustazioni, attività e musica: al via oggi, venerdì 31 maggio, nella piazza del borgo di Scopello, la prima edizione...
Leggi tutto
Erice. Commemorato il 32° anniversario della morte del Carabiniere Gennaro Esposito
E´ stato celebrato questa mattina il 32° anniversario della morte del Carabiniere Gennaro Esposito, avvenuta nel 1992 -durante il servizio nottu...
Leggi tutto
Favignana. Vietato circolare in costume da bagno in centro.
Con ordinanza sindacale, in vigore dalll´1 giugno, è stato disposto dal primo cittadino, il divieto di circolazione in costume e a torso ...
Leggi tutto
Impresa Trapani: è granata la Coppa Italia di Serie D!
Niente è impossibile. Il Trapani ha vinto 2-0 in trasferta e, ribaltando lo 0-1 subito all´andata -ed ogni pronostico sfavorevole-, ha pi...
Leggi tutto
Trapani. Rimosso un residuato bellico dagli artificieri su richiesta della prefettura.
Rinvenuto sulla spiaggia innanzi alle mura di Tramontana a Trapani, il residuato bellico è stato sottoposto immediatamente ad area interdetta -...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

LUIGI su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
OFFERTA DI PRESTITO RAPIDA E AFFIDABILE Indirizzo: WhatsApp: +33754190105 E-mail: financec99@gmail.com Grazie


LUIGI su Prestiti senza busta paga, alcune opportunità:
OFFERTA DI PRESTITO RAPIDA E AFFIDABILE Indirizzo: WhatsApp: +33754190105 E-mail: financec99@gmail.com Grazie


Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web