Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Tempo libero il 15/04/2022 da Direttore

l’associazione Pks Italia e ANAS sono riuscite a portare in salvo Oxana e sua figlia da Cherson

l’associazione
“Tramite una mamma che vive nel nord-ovest dell’Ucraina sono venuta a conoscenza che Oxana e sua figlia affetta da pks si trovavano in difficoltà. Stavano rischiando la vita, ma avevano vergogna a chiedere aiuto”.

Samanta Carletti, dieci anni fa ha deciso di fondare l’associazione pks Italia e, attualmente, segue famiglie in Italia e in Europa. Quando è iniziata la guerra in Ucraina si è da subito mobilitata per aiutare persone con disabilità a scappare.

Pks, Pallister- Killian,  è una sindrome polimalformativa. Può comportare problematiche a tutti gli organi, in particolare ritardo cognitivo e motorio. Il ventaglio può essere molto ampio. L’associazione di Samanta è a conoscenza della presenza di circa 400 bambini nel mondo che soffrono di questa sindrome, tuttavia è probabile che siano molti di più.




Come sei riuscita a metterti in contatto con Oxana?

“Dal primo momento in cui è scoppiata la guerra il mio pensiero costante era: come faranno le famiglie con bambini disabili? Come faranno ad andare al confine? Ci sono molte famiglie che hanno bambini che dipendono dalle macchine o che non possono camminare. Loro non possono prendere e scappare. Cercare famiglie con bambini che soffrono di pks è diventata una missione. Le strade che potevo percorre erano due: contattare medici che hanno fatto ricerche su pks o trovare qualcuno che potesse avere il contatto di queste famiglie. Ho deciso di seguire la seconda: in un momento di guerra magari i medici non si trovavano a lavoro e non avevano la documentazione con loro. Ho trovato, quindi, una mamma ucraina che vive in Spagna e mi ha dato i contatti di tre famiglie in Ucraina”.

Quando le hai contattate ti hanno risposto tutte e tre le famiglie?

“No, mi hanno risposto solo due famiglie. Una si trova a Kiev, ma non voleva lasciare la casa, l’altra vive nel nord ovest dell’ucraina e non stava correndo rischi. Quest’ultima mi ha dato il contatto di Oxana”.

Oxana dove si trovava?

“Stava al nono piano di un palazzo a Nova Kakhovka sola con la sua bimba. Non aveva elettricità e non poteva uscire di casa. Ha raccontato che chi aveva provato ad andare via non ce l’aveva fatta. Si trovava in trappola, l’unica via per scappare era affidarsi a un gruppo di persone che chiedevano 1200 euro e sarebbero passate dalla Crimea per andare in Russia, per poi arrivare a metterli in salvo. Un percorso rischioso e oltretutto pagare per essere salvati non vuol dire riuscire ad arrivare ad essere prelevati. Ci sono persone che si stanno approfittando di questo momento e dell’istinto di sopravvivenza delle persone”.

Nova Kakhovka si trova a soli 50 km da Cherson, città dell’Ucraina meridionale occupata dai russi.

Come è stata organizzata questa missione umanitaria?

“Mi sono messa in contatto con Claudio Cugusi, presidente dell’unità di crisi in Ucraina di ANAS, e sin da subito ha dato la sua disponibilità, è riuscito a coordinare perfettamente tutto. Sembrava una missione impossibile, ma la speranza di riuscire a mettere in salvo questa famiglia non ci ha mai abbandonati. Sono stati due giorni in cui non ho dormito, anche con Claudio cercavamo di dirci il meno possibile. La paura che potesse succedere qualcosa non era da sottovalutare. Di solito la sera ricevevo notizie attraverso le altre mamme perché Oxana ha dovuto disattivare tutte le app dal telefono per paura dei russi. Ci sono tanti posti di blocco e i russi controllano i telefoni. Aspettavamo notizie con il cuore in gola”.

Ora Oxana e la figlia dove sono?

“Sono al confine ucraino dalla parte della Romania a casa della nonna. A breve, ci raggiungeranno in Italia. Saranno accolte a Bologna e la bimba sarà seguita da un’equipe di medici che sin da subito ha dato disponibilità”.




I volontari hanno raggiunto Oxana e la figlia martedì 12 aprile. Per arrivare al confine con la Romania ci sono voluti due giorni. Il viaggio è stato più volte interrotto dai bombardamenti e, spesso, era necessario procedere a passo d’uomo. Nonostante le difficoltà, la famiglia è stata portata in salvo.




 

Come ti immagini l’incontro con questa famiglia?

“Ogni tanto ci penso, ma non riesco a immaginarmi le emozioni che proverò. Non avrei mai immaginato che avrei organizzato una missione di questo tipo e la gioia di essere riusciti a portare in salvo una famiglia è tanta. Oggi, mi sento una persona migliore rispetto a tre giorni fa”.

 

ALTRE NOTIZIE

Radio Empire, un’emittente in grande salute, vera e propria risorsa di un intero territorio, oggi la più seguita a Taormina e nell’intero comprensorio jonico.
In programma un nuovo corso per addetti all’uso della motosega e del decespugliatore organizzato da ANAS Collesano
Sono aperte le iscrizioni per l’anno 2023 al corso per addetto all’uso della motosega e del decespugliatore. Il corso, riconosciuto ai sensi degli Art...
Leggi tutto
Vujadin Boškov e il Potere: “Rigore è quando arbitro fischia”.
Palermo, doppia visita il fine settimana alle ville Adriana e Resuttano promossa da BCsicilia
Nell’ambito degli eventi dedicati alle ville settecentesche della Piana dei Colli, doppio appuntamento sabato e domenica promosso dalla Sede di Palerm...
Leggi tutto
CBD, droga o sostanza benefica? Ecco cosa dicono le normative
Sul tema Cannabis nel corso degli anni sono nate tantissime discussioni, soprattutto in merito all’eventuale legalità o illegalità di qu...
Leggi tutto
Raccolta di beneficenza per le famiglie bisognose organizzata da A.N.A.S
Sabato 28 Gennaio si terrà presso dei terreni siti a Villagrazia di Palermo, esattamente in Via Starrabba, un evento benefico dedicato alla r...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIŮ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web