Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 29/11/2021 da Patrizia Carcagno

CASA CIRCONDARIALE DI BARCELLONA POZZO DI GOTTO, TROPPI DETENUTI CON PROBLEMI PSICHIATRICI CREANO DISAGI IN ISTITUTO. ARMANDO ALGOZZINO (UILPA POLIZIA PENITENZIARIA):

CASA
La Casa Circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto, in provincia di Messina, continua a destare le preoccupazioni della Uil Pubblica Amministrazione Polizia Penitenziaria.
Una recente visita compiuta dal sindacato all´Istituto ha messo in luce alcune criticità segnalate da tempo e, ad oggi, irrisolte.
La delegazione, guidata dal segretario nazionale della UILPA Polizia Penitenziaria Armando Algozzino, accompagnato da Francesco Barresi e Francesco D´Amico, rispettivamente segretario provinciale e locale, ha incontrato la direzione della Casa Circondariale.
"Sia il direttore Romina Taiani che il comandante Antonino Rizzo - precisa Armando Algozzino - hanno manifestato grande disponibilità e spirito collaborativo in occasione della visita, iniziata con l´analisi dei dati riguardanti la dotazione organica del personale di Polizia Penitenziaria e della popolazione detenuta nell´Istituto".
"I numeri - racconta il segretario - hanno evidenziato, ancora una volta, lo stato di estrema criticità in cui versa la Casa Circondariale, che annovera un organico amministrato di centoquarantacinque unità a fronte di un organico di personale di Polizia Penitenziaria previsto di centosessantasei".
"Inoltre - prosegue l´esponente sindacale - la forza operativa in Reparto conta centotrentasei unità: precisamente, un commissario, undici ispettori, tredici sovrintendenti, settantasette tra agenti e assistenti uomini e trentaquattro donne, sempre tra agenti e assistenti".
Ben dodici poliziotti penitenziari, inoltre, sono impiegati nel Nucleo Traduzioni e Piantonamenti.
Ma i numeri più allarmanti sono quelli relativi ai detenuti affetti da problemi psichici che, di fatto, rendono difficile la coesistenza con gli altri ristretti e la loro stessa gestione da parte del personale.
Nell´Istituto, che ha una capienza a regime di quattrocentocinquanta detenuti, ne sono presenti duecentotrentadue ma ben ottantacinque hanno problemi psichiatrici e sessantasei hanno patologie psichiche estremamente gravi.
"Tra l´altro - spiega Armando Algozzino - l´Istituto, un tempo Ospedale Psichiatrico Giudiziario, è divenuto Casa Circondariale ma, al di là del cambiamento terminologico, non è stato investito da alcuna trasformazione efficiente che giustifichi la denominazione, come testimonia la recente evasione di un detenuto che ha messo a nudo l´assenza della dovuta sicurezza".
"L´Istituto non possiede i caratteri di Casa Circondariale - osserva - basti pensare che in alcune stanze che ospitano ristretti con disagi mentali vi sono mattonelle che possono essere lanciate contro il personale: ecco perchè occorre rivisitare gli spazi e non basta certo un cambio di denominazione".
"La struttura funzionava a dovere quando era un Ospedale Psichiatrico Giudiziario - aggiunge il segretario - a partire dal personale che vi prestava servizio: attualmente c´è un solo medico".
La visita della delegazione sindacale ha inoltre evidenziato alcune criticità strutturali dell´Istituto, a partire dal muro di cinta e dalle inferriate del terzo reparto.
Senza dimenticare l´inesistenza dei blindi nelle porte delle camere di pernottamento: quelli presenti sono in plexiglass, e solo il settimo reparto femminile ne è provvisto.
"Le condizioni igieniche - precisa Armando Algozzino - non sono affatto ottimali".
Al centro dell´attenzione l´ottavo reparto, che il sindacato ha trovato "in condizioni sanitarie pessime, con muri imbrattati e con una protezione mobile, costruita artigianalmente per evitare che i detenuti più agitati lancino oggetti verso gli agenti o il personale sanitario".
"Una situazione surreale", secondo il segretario nazionale.
"Abbiamo chiesto al direttore e al comandante - spiega ancora l´esponente sindacale - di concretizzare rapidamente alcune iniziative per contenere il disagio, la rabbia, la frustrazione e la stanchezza del personale, in attesa che la richiesta di intervento da noi avanzata venga presa in considerazione".
"Occorre procedere a un confronto sulla riorganizzazione del lavoro - puntualizza il segretario - all´insegna di relazioni sindacali sempre più corrette, nella direzione di non alimentare le apprensioni del personale, soprattutto della Polizia Penitenziaria".
Due le richieste dell´organizzazione sindacale: al Servizio di Vigilanza sull´Igiene e Sicurezza dell´Amministrazione della Giustizia e al Provveditorato dell´Amministrazione Penitenziaria.
Al primo, di realizzare tutte le attività di verifica e controllo secondo quanto previsto dal decreto legislativo 81 del 2008 in materia di salute del personale, igiene e salubrità nei luoghi di lavoro, sorveglianza sanitaria e rispetto delle norme di sicurezza di impianti e attrezzature, nonché di verifica delle valutazioni dello stress lavoro-correlato e di tutte le altre previsioni normative all´interno del documento di valutazione dei rischi, compreso l´obbligo di realizzare misure utili a prevenire le aggressioni a danno dei dipendenti.
Al secondo, invece, di inserire tra le priorità il finanziamento di progetti che migliorino la qualità delle condizioni di lavoro per il personale. "Si spera - conclude Armando Algozzino - che il direttore voglia farlo concretamente e che il DAP e il PRAP investano risorse per risolvere i disagi, anche in considerazione delle osservazioni mosse dal sindacato".

 

ALTRE NOTIZIE

A Cinisi Con la RETE ANAS a difesa del territorio
La territoriale della rete Associativa ANAS (Associazione Nazionale di Azione Sociale) di Cinisi, d´intesa con il Comune garantirà per i ...
Leggi tutto
Lo scrittore e maestro di karate Rodolfo Martinez presenta “Kokopelli il vento che suona”: un racconto per spronare i più giovani a scoprire se stessi
"Se non si hanno sogni in cui credere, se non si tenta anche minimamente di spiccare il volo, si è destinati a una vita triste, senza colori, s...
Leggi tutto
A Taormina il 5 Agosto Jimmi Sax stratosferico concerto da non perdere
Taormina,Me. Attesissimo al Teatro Antico di Taormina, il 5 Agosto, il concerto del re del sassofono, Jimmi Sax, le cui sonorità, brillanti ed...
Leggi tutto
Istituzione del servizio di psicologia e dello psicologo delle cure primarie in Sicilia, il deputato regionale Giuseppe Zitelli sollecita l´approvazione del disegno di legge
Individuazione precoce delle problematiche sanitarie che, se non opportunamente diagnosticate, rischiano di dover essere affrontate con interventi com...
Leggi tutto
PANTELLERIA, IL 25 AGOSTO NAVE VESPUCCI VISITERÁ L´ISOLA IN VIAGGIO TRA TRAPANI E PANTELLERIA, IL VASCELLO ITALIANO PIU´ FAMOSO DEL MONDO SOSTERÁ A BUE MARINO
L´isola di Pantelleria il 25 agosto pv avrà l´onore di ospitare la sosta del veliero italiano più famoso del mondo, Nave Ves...
Leggi tutto
“Medico, Fisico, o…Parisi?”
In questi giorni, gira una pubblicità sulla quarta dose di vaccino.

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIŮ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web