Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cultura il 22/07/2021 da Cinzia Testa

“Il risveglio del gigante” di Giuseppina Tesauro, recensione a cura di Mariceta Galdolfo

“Il
Il libro di Giuseppina Tesauro “Il risveglio del gigante” ha l’andamento di una favola, ma non è certamente un libro per bambini o adolescenti: parla di un gigante che giace sul fianco di una collina (riconoscibile in una collinetta alle porte del paese dell’autrice) dal profilo antropomorfo, che potrebbe essere scambiato per il profilo di un uomo gigantesco che emerge dal terreno, confondendosi con esso, come è rappresentato dalla bella copertina.

Questo gigante rappresenta in qualche modo il” genius loci” del paese dell’autrice, ma giace addormentato da un tempo innumerevole, tanto che i suoi capelli e le sue membra sono stati ricoperti di terriccio e rifiuti, finché uno sciame di api operose non comincia a lavorarvi per caso e quindi a svegliarlo dal suo sonno. Entrano così nella narrazione gli animali, come nella tradizione favolistica classica, ognuno dei quali rappresenta uno stereotipo ben consolidato.

A questo punto vorrei spiegare perché ritengo che questa favola non possa rientrare nelle favole per l’infanzia, richiamate nella prefazione del professore Franco Lo Piparo, come Pinocchio, Pollicino, Cenerentola etc..

La letteratura per l’infanzia, cioè quella scritta appositamente per i bambini o i ragazzini, deve rispondere a criteri ben precisi:

1) Il protagonista deve essere un bambino o un adolescente, che si trova inizialmente in una situazione di disagio o di infelicità dalla quale uscirà dopo aver superato delle prove, approdando al lieto fine;

2) Nel corso di queste prove il bambino può incontrare degli animali, che possono aiutarlo o minacciarlo;

3) Queste prove consistono nell’affrontare un viaggio, attraversare un luogo pericoloso (per es. un bosco, un ambiente ostile, un mondo popolato da uomini cattivi), superare queste prove aiuterà il bambino a crescere e a prendere consapevolezza di sé e confrontarsi con la presenza del male nella realtà del mondo esterno (romanzo di formazione).



Esaminiamo ora la favola del Gigante addormentato della Tesauro:

Protagonista non è un bambino, con il quale i piccoli lettori possano identificarsi.

Manca un lieto fine, che rassicuri i piccoli sulla vittoria del Bene sul Male.

Gli animali che compaiono nella favola rivestono uno stereotipo, che non è più in sintonia con i nuovi valori dei nostri tempi: per esempio i lupi rappresentano nel libro il male e la violenza, ma i bambini di oggi sono stati educati a ritenere il lupo un animale in via d’estinzione, che merita di essere protetto e c’è persino una pubblicità in cui il lupo viene abbracciato da Cappuccetto rosso; la volpe è presentata nel libro come animale furbo ed infido mentre i bambini di oggi reputano la caccia alla volpe uno sport crudele che andrebbe eliminato. Per non parlare degli uccellini, che per i piccoli d’oggi sono gli amici di Biancaneve, che l’aiutano a preparare la torta per i nanetti, mentre nel libro della Tesauro simboleggiano gli egoisti che si preoccupano solo di tenere in ordine il proprio nido, mentre buttano l’immondizia per la strada.

Quindi per me, la Tesauro non ha voluto scrivere una autentica favola per i bambini perché un bambino da solo non sarebbe in grado di decifrarne i significati riposti e goderne appieno il valore, senza l’aiuto di un adulto.

La Tesauro invece ha scritto una favola filosofica, destinata ad un pubblico adulto, ma non solo adulto, anche colto e preparato politicamente.

I precedenti letterarari vanno quindi ricercati in romanzi come “I viaggi di Gulliver” di Jonathan Swiift, o “Robinson Crusoe” di Daniel De Foe, che nati per un pubblico adulto sono stati successivamente destinati anche ai ragazzi, grazie alla suggestione della trama e alla semplicità del linguaggio,per cui possono essere letti a diversi livelli.

Io, per esempio, mi sono divertita da bambina nel leggere le avventure di Gulliver con i lillipuziani e i Giganti, senza sospettare che celassero una feroce satira delle guerre fra Francia ed Inghilterra.

Un altro precedente letterario a cui potrei riferirmi è “Candide oude l’optimisme” di Voltaire, ma con una notevole differenza nello stile e negli intenti: lo stile di Voltaire è lucidamente satirico, quello della Tesauro è elegiaco e soffuso di malinconica poesia.

Non a caso tutti e tre questi esempi sono di età illuministica, perché, a mio parere, anche Giuseppina Tesauro è figlia dei Lumi: la sua visione laica e razionalista della vita la porta a rifuggire da un troppo facile ottimismo e a rifugiarsi in un rassicurante lieto fine, che preferisce proiettare in un lontanissimo futuro: la vita, la società non sono perfette, ma perfettibili e qui sta la differenza fra il messaggio finale di Voltaire che invita i suoi contemporanei a “coltivare il proprio orto” e il messaggio di Giuseppina ad impegnarsi, perché magari in un tempo molto remoto, in un paese molto lontano i valori di giustizia sociale e di razionalità, incarnati dalla dea Luna potranno realizzarsi.

Ed è molto rassicurante che questo messaggio parta da un’insegnante..



MARICETA GANDOLFO

 

ALTRE NOTIZIE

Visita ai Castelli delle Madonie promossa da BCsicilia e Università Popolare
Promossa da BCsicilia e dall’Università Popolare Termini Imerese, nell’ambito del Corso di Archeologia Medievale si terrà domenica 5 feb...
Leggi tutto
Radio Empire, un’emittente in grande salute, vera e propria risorsa di un intero territorio, oggi la più seguita a Taormina e nell’intero comprensorio jonico.
In programma un nuovo corso per addetti all’uso della motosega e del decespugliatore organizzato da ANAS Collesano
Sono aperte le iscrizioni per l’anno 2023 al corso per addetto all’uso della motosega e del decespugliatore. Il corso, riconosciuto ai sensi degli Art...
Leggi tutto
Vujadin Boškov e il Potere: “Rigore è quando arbitro fischia”.
Palermo, doppia visita il fine settimana alle ville Adriana e Resuttano promossa da BCsicilia
Nell’ambito degli eventi dedicati alle ville settecentesche della Piana dei Colli, doppio appuntamento sabato e domenica promosso dalla Sede di Palerm...
Leggi tutto
CBD, droga o sostanza benefica? Ecco cosa dicono le normative
Sul tema Cannabis nel corso degli anni sono nate tantissime discussioni, soprattutto in merito all’eventuale legalità o illegalità di qu...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIŮ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web