Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Cronaca il 18/06/2021 da Cinzia Testa

MCL Trapani ricorda Pietro Morici, ucciso dalla mafia 38 anni fa

MCL
Il Movimento Cristiano Lavoratori della provincia di Trapani ha commemorato le vittime della strage di via Scobar a Palermo, in cui 38 anni fa morirono tre carabinieri, tra cui il valdericino Pietro Morici.
Il presidente dell´Unione provinciale di MCL Trapani, Ubaldo Augugliaro, ha partecipato alla celebrazione eucaristica presieduta da mons. Aguanno, Assistente ecclesiastico provinciale del Movimento Cristiano Lavoratori di Trapani, tenutasi in Cattedrale con la partecipazione di una rappresentanza della famiglia Morici. Augugliaro ha presentato le ragioni per le quali si è voluto onorare liturgicamente la memoria di tre uomini dell´ Arma dei Carabinieri che 38 anni fa sono stati barbaramente uccisi da Cosa nostra a Palermo in via Scobar per porre fine al loro coraggioso impegno investigativo volto a contrastare il malaffare.
In quell´attentato morirono il Capitano Mario D’Aleo, l’appuntato Giuseppe Bommarito e il carabiniere Pietro Morici, valdericino, della Compagnia dei Carabinieri di Monreale, tutti animati dal loro elevato senso del dovere, come lo era stato anche il predecessore Capitano Emanuele Basile, anche lui ucciso dalla mafia tre anni prima nel 1980, il quale, a sua volta, aveva raccolto il testimone del capo della Squadra Mobile di Palermo Boris Giuliano, dopo il suo omicidio.
“Palermo e la sua provincia - ha detto Augugliaro - sono state e sono fortemente condizionate dalla presenza mafiosa nel tessuto sociale, da una mafia, già all’epoca, in grado di tessere relazioni con la politica e le istituzioni e di infiltrarsi persino fin dentro le Forze dell’Ordine”.
Il Capitano Mario D’Aleo si avvaleva dell’appuntato Giuseppe Bommarito per la sua preziosa memoria storica per conoscere il territorio e le inchieste svolte dal suo predecessore Basile, e del giovane carabiniere Pietro Morici che gli collaborava, facendo anche da autista, per indagare su legami, relazioni e interessi economici, su attività imprenditoriali, riciclaggio e traffico di droga, varcando un limite per cui Cosa nostra, ordinò il loro triplice omicidio la sera del 13 giugno 1983 in via Cristoforo Scobar, dove abitava D’Aleo.
Augugliaro ha aggiunto che nel 2007 per la loro morte ebbero una condanna definitiva all’ergastolo, in qualità di mandanti, i componenti della Cupola di Cosa nostra, Salvatore Riina, Michele Greco, Pippo Calò, ed altri e, in qualità di esecutori materiali, Michelangelo La Barbera, Francesco Paolo Anzelmo, Domenico Gangi, Giuseppe Giacomo Gambino e Salvatore Biondino.

 

ALTRE NOTIZIE

Visita ai Castelli delle Madonie promossa da BCsicilia e Università Popolare
Promossa da BCsicilia e dall’Università Popolare Termini Imerese, nell’ambito del Corso di Archeologia Medievale si terrà domenica 5 feb...
Leggi tutto
Radio Empire, un’emittente in grande salute, vera e propria risorsa di un intero territorio, oggi la più seguita a Taormina e nell’intero comprensorio jonico.
In programma un nuovo corso per addetti all’uso della motosega e del decespugliatore organizzato da ANAS Collesano
Sono aperte le iscrizioni per l’anno 2023 al corso per addetto all’uso della motosega e del decespugliatore. Il corso, riconosciuto ai sensi degli Art...
Leggi tutto
Vujadin Boškov e il Potere: “Rigore è quando arbitro fischia”.
Palermo, doppia visita il fine settimana alle ville Adriana e Resuttano promossa da BCsicilia
Nell’ambito degli eventi dedicati alle ville settecentesche della Piana dei Colli, doppio appuntamento sabato e domenica promosso dalla Sede di Palerm...
Leggi tutto
CBD, droga o sostanza benefica? Ecco cosa dicono le normative
Sul tema Cannabis nel corso degli anni sono nate tantissime discussioni, soprattutto in merito all’eventuale legalità o illegalità di qu...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIŮ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web