Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Politica il 30/04/2021 da Cinzia Testa

Archeoclub d’Italia restaura due importanti dipinti a Messina

Archeoclub
Fazio (Pres. Archeoclub Messina) : “Si tratta della Madonna col Bambino di Antonio Catalano detto l’Antico e de La Pietà di autore ignoto. Due dipinti del tardo ‘500”.


Santanastasio: “Restauri anche in altre regioni. Ad esempio nelle Marche stiamo restaurando a Morrovalle la Fonte del Coppo, a Fano abbiamo restaurato l’importante dipinto delle “TRE SANTE”, a Formello nel Lazio, prosegue il restauro degli affreschi della chiesa medioevale. Un grande sforzo delle sedi territoriali”.


Ed oggi, alle ore 18 in diretta su Archeoclub d´Italia Italia | Facebook continueranno i Venerdì di Archeoclub d’Italia per il Giubileo di Archeoclub in occasione dei 50 anni dell’associazione. Questa sera appuntamento con Michele Martucci, Consigliere Nazionale di Archeoclub d’Italia e Nunzio Condorelli, Tesoriere dell’Associazione Sicilia Antica : “Campania – Sicilia: la valorizzazione dei beni culturali, esperienze a confronto”. Interverrà anche il Presidente Nazionale di Archeoclub d’Italia, Rosario Santanastasio.


“Archeoclub d’Italia, sede di Messina restaura la Madonna col Bambino di Antonio Catalano detto l’Antico e La Pietà che invece è di autore ignoto. Si tratta di dipinti in olio su tela risalenti al tardo ‘500 della Chiesa Maria SS. della Mercede in S. Valentino e La Pietà. Il restauro, tuttora in corso, è a cura dal restauratore romano, Davide Rigaglia. La Madonna col Bambino e La Pietà risalirebbero al periodo che va dal 1575 al 1600. Si tratta comunque di due opere molto significative per l’arte e la cultura della Sicilia”. Lo ha annunciato, Bernardo Fazio, Presidente di Archeoclub d’Italia di Messina


“La Madonna col Bambino è di particolare interesse. La raffigurazione è desunta dalla venerata icona della Basilica di Santa Maria Maggiore a Roma, datata XI-XIII sec. e denominata Salus Populi Romani. Anche qua la Madonna sostiene il Figlio con gli avambracci incrociati e tiene avvolta attorno al pollice la “mappula”, fazzoletto ricamato di uso cerimoniale collegato alla simbologia della Vergine imperatrice; inoltre ha tre dita della mano sinistra distese in un gesto nel quale è stata letta l’allusione alla Trinità. Il Bambino tiene un codice – ha continuato Fazio - che, a differenza del prototipo romano, reca il monogramma IHS sulla copertina elegantemente decorata in oro. Pur essendo in condizioni di conservazione pessime che offuscano l’immagine, si intuiscono determinati caratteri stilistici e si intravede una tipologia fisionomica specifica, soprattutto nel Bambino e negli angioletti posti agli angoli, che hanno indotto ad attribuire il dipinto al noto pittore messinese Antonio Catalano detto l’Antico. Il restauro, ad opera del restauratore dott. Davide Rigaglia (Roma), portando alla luce gli originari caratteri formali e cromatici dell’opera, potrà permettere l’approfondimento dello studio e un’individuazione più attendibile del possibile autore. Le fonti più antiche, che descrivono la chiesa della Mercede, non citano questo dipinto tra quelli presenti nell’edificio; si ignora sia l’originaria collocazione che l’epoca in cui avvenne il trasferimento nella sede attuale”





La Pietà - Chiesa Maria SS. della Mercede in S. Valentino - Messina Dipinto Olio su tela (cm 115 x 87) del sec. XVI, ultimo quarto (1575-1600) Autore Ignoto





“La storia del dipinto è strettamente legata a quella della chiesa della Madonna della Mercede in cui da sempre è custodito. Come riferisce il padre Placido Samperi, nell’Iconologia della Gloriosa Vergine… del 1644, proprio da questa immagine, che rappresenta la Madonna col Figlio morto davanti alla grotta del sepolcro - ha concluso Bernardo Fazio, Presidente Archeoclub sede di Messina - derivava l’intitolazione dell’antica chiesetta alla Madonna di Pie’ di Grotta, poi modificata in Madonna della Mercede per il passaggio di proprietà della chiesa ai Frati Mercedari nel 1595. Dal Samperi apprendiamo che un precedente quadro con La Pietà, oggetto di grande venerazione, fu trasferito in Duomo per garantirne una conservazione più decorosa, in considerazione delle modeste condizioni della chiesetta. Tuttavia i devoti non vollero privarsi dell´immagine e ne fecero eseguire una copia fedele che suscitò anch´essa una diffusa devozione culminata con la fondazione, intorno al 1584, di una Confraternita intitolata alla “Madonna di Piè di Grotta”. Il presente dipinto è quella copia. La raffigurazione, con Cristo disteso per terra e la Madre accanto in ginocchio che lo guarda compassionevole sostenendone il capo, rinvia alla produzione pittorica e scultorea quattro e cinquecentesca, di matrice nordica, in particolare fiamminga e tedesca, ampiamente diffusa nel territorio messinese”.





Archeoclub ha in corso restauri in tutta Italia.





“Nelle Marche ad esempio – ha dichiarato Rosario Santanastasio, Presidente Nazionale di Archeoclub d’Italia da poco riconfermato – stiamo restaurando, grazie alla sede di Morrovalle l’importante Fonte FONTE DEL COPPO in contrada del Coppo. Ancora nelle Marche, a Fano, abbiamo restaurato il dipinto “TRE SANTE” proveniente dalla chiesa di Santo Stefano di Castelsantangelo sul Nera, in provincia di Macerata, gravemente danneggiato dal terremoto del 2016.


Ed è in corso un importante restauro degli affreschi presso la più antica Chiesa di Formello, nel Lazio, sempre ad opera della sede locale di Archeoclub d’Italia”.



Ed oggi, alle ore 18 in diretta su Archeoclub d´Italia Italia | Facebook continueranno i Venerdì di Archeoclub d’Italia per il Giubileo di Archeoclub in occasione dei 50 anni dell’associazione. Questa sera appuntamento con Michele Martucci, Consigliere Nazionale di Archeoclub d’Italia e Nunzio Condorelli, Tesoriere dell’Associazione Sicilia Antica : “Campania – Sicilia: la valorizzazione dei beni culturali, esperienze a confronto”. Interverrà anche il Presidente Nazionale di Archeoclub d’Italia, Rosario Santanastasio.

 

ALTRE NOTIZIE

TRAPANI. I CARABINIERI IDENTIFICANO L’AUTORE DI UN FURTO CON STRAPPO: DENUNCIATO UN 34ENNE
I Carabinieri della Stazione di Trapani, al termine di una attività di indagine, hanno denunciato R.F., cl.87, gravato da precedenti di polizia...
Leggi tutto
Decarbonizzazione delle isole minori della Sicilia, Sea Favignana annuncia la partecipazione al progetto
Una lettera all´ assessorato all´ Energia della Regione Siciliana per manifestare pieno sostegno alla proposta di pr...
Leggi tutto
Trapani, Inaugurato l´abbeveratoio di via Pepoli
Ieri sera, alla presenza di numerose autorità civili, militari e religiose nonché di diversi cittadini trapanesi, è stato inaugur...
Leggi tutto
I volontari Anas G.E.S. presso la chiesa di San Francesco di Paola per garantire ordine e sicurezza
Questo weekend,  i volontari Anas G.E.S. si sono recati presso la chiesa palermitana di San Francesco di Pa...
Leggi tutto
Magistratura in crisi tra processi infiniti, scandali e correnti di potere. La lezione del beato Rosario Livatino.
Il beato Rosario Livatino soleva dire:“Alla fine della vita non ci sarà chiesto se siamo stati credenti, ma credibili». Secondo il magistrato a...
Leggi tutto
PETROSINO. ESTORSIONE AI DANNI DI UNA PENSIONATA: I CARABINIERI ARRESTANO DUE PERSONE
I Carabinieri della Stazione di Petrosino, al termine di dedicata attività di indagine, hanno arrestato due persone accusate del reato di estor...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web