Home    Politica    Cronaca    Salute    Un caffè con...    Sport    Nera    Economia    Cultura    Tempo libero    Gusto    Turismo    Contatti
 
 
 

Inserita in Gusto il 19/02/2021 da Cinzia Testa

Vin Brulé alcune varianti della bevanda calda e aromatica per l’inverno

Vin
Per scaldarsi in una fredda giornata invernale non c’è niente di meglio di un buon bicchiere di vin brulé: si tratta di una bevanda calda a base di vino rosso, tipica delle zone montane italiane e dell’Europa centrale. Vediamo dunque come si prepara il vin brulé.

La ricetta tradizionale
Ovviamente, la base per la preparazione del vin brulé è il vino rosso, pertanto è bene procurarsene almeno un litro e mezzo. Per la buona riuscita della ricetta è necessario utilizzare un prodotto di buon livello, dal momento che la qualità dell’ingrediente principale influisce sul gusto della bevanda finale: si può dare ad esempio uno sguardo alla selezione di vini rossi online su Tannico, un’enoteca online che offre una vasta scelta di vini italiani e stranieri di tutti i tipi, prediligendo per il vin brulé i rossi corposi. Serviranno poi 250 grammi di zucchero, una scorza d’arancia, una scorza di limone, tre stecche di cannella, dieci chiodi di garofano, dell’anice stellato e della noce moscata grattugiata. 
In una pentola d’acciaio bisognerà versare lo zucchero per poi aggiungere le scorze degli agrumi (a cui vanno tolte le parti bianche che altrimenti darebbero alla bevanda un sapore amaro), le spezie ed infine il vino rosso. Accendere a questo punto il fuoco a fiamma lenta, fino a portare ad ebollizione il tutto mescolando con un cucchiaio di legno finché lo zucchero non sarà del tutto sciolto, processo che di solito impiega circa dieci minuti. 
La bevanda è praticamente pronta, va solo filtrata tramite un colino per poi versarla in delle tazze resistenti al calore e decorarla con stecche di cannella o con fette di agrumi: il vin brulé è servito e pronto per essere gustato, magari con delle caldarroste fumanti o uno strudel di mele da accompagnamento.

Varianti della ricetta
Quella descritta sopra è la ricetta più classica e basilare del vin brulé, ma trattandosi di una bevanda piuttosto diffusa in Europa, esistono diverse declinazioni della ricetta a seconda del luogo.
In Germania, ad esempio, il vin brulé si chiama gluhwein ed ha in più rispetto alla versione classica l’aggiunta di alloro e cardamomo, e una scorza di cedro al posto di quella di arancia. 
In Francia e in Svizzera invece, per gustare questa bevanda bisognerà chiedere il vin chaud, letteralmente “vino caldo”, a cui viene dato più corpo con un goccio di cognac che ne alza leggermente la gradazione alcolica.
Nel Regno Unito il vin brulé è detto mulled wine e la ricetta è simile a quella classica, tuttavia nei paesi anglosassoni è molto più diffuso il punch, che si avvicina concettualmente alla ricetta del vin brulé e viene preparato con una base di acqua mischiata a rum e tè – o in alternativa acquavite – a cui si aggiungono scorze di agrumi e spezie. Simile al vin brulé è anche il miller cider, realizzato con sidro e brandy o whisky.

 

ALTRE NOTIZIE

Il Reparto dei Carabinieri Biodiversità dona una talea dell’Albero Falcone all’istituto comprensivo “Renato Guttuso” di Carini
Il Reparto dei Carabinieri Biodiversità di Reggio Calabria che svolge attività di gestione, tutela e conservazione della Foresta demania...
Leggi tutto
TRAPANI: RAPINA AGGRAVATA E LESIONI PERSONALI. SCATTA IL PROVVEDIMENTO PER UN 24ENNE
I Carabinieri della Stazione di Trapani hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa della misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di ...
Leggi tutto
Palermo, a 100 anni dal rinvenimento della Tomba di Tutankhamon: conferenza di BCsicilia
In occasione dei 100 anni dal rinvenimento della Tomba di Tutankhamon BCsicilia, in collaborazione con la Rettoria di San Francesco Saverio, organizza...
Leggi tutto
Termini Imerese, Corso di analisi sensoriale: quarta lezione dedicata al vino
Si terrà venerdì 25 novembre 2022 dalle ore 16,30 alle ore 19,30 la quarta e ultima lezione del Corso di analisi sensoriale dedicata al ...
Leggi tutto
"Acchianata Ecologica", si svolgerà a Palermo il 4 dicembre la grande manifestazione di Confcommercio per l´ambiente e contro il degrado
Si svolgerà domenica 4 dicembre la “Acchianata Ecologica”, la grande manifestazione per l’ambiente organizzata da Confcommercio Palermo, che er...
Leggi tutto
MARSALA (TP): MAMMA CORAGGIO DENUNCIA LE VIOLENZE DEL FIGLIO. ARRESTATO DAI CARABINIERI
Una pensionata di 70 anni, disperata, ha trovato il coraggio, qualche giorno fa, di denunciare le continue violenze subite dal figlio 38enne che, per ...
Leggi tutto

Video
Guardali tutti

Oggi al Cinema

Orario voli aeroporto Trapani

Oroscopo giornaliero

Nicola su Il sindaco di Castellammare del Golfo: "Pronti ad ospitare la seconda stagione di Màkari":
In effetti sono tutti rimasti particolarmente attratti da Castelluzzo del Golfo


clorinda su LE OLIMPIADI: TRA MITO E STORIA:
Grazie per l´articolo, è stato molto utile per integrare le conoscenze dei miei alunni impegnati con la maturità 2020


Gioacchino Lentini su Gorghi Tondi: il villaggio perso nel tempo:
Fino al 1945 il villaggio in questione era abitato dai proprietari dei vari caseggiati, che lo popolavano dalla stagione estiva, durante la vendemmia, fino al termine della raccolta delle olive. I bossoli delle cartucce che affiorano dalla vegetazione risalgono a prima del 1998, anno in cui venne istituita la riserva naturale, e da allora nessun cacciatore si è permesso di esercitare bracconaggio all’interno della stessa in quanto porta alla violazione delle normative vigenti per i pos


raffaela vergine su UNA NUOVA CASA PER I CANI PIÙ BISOGNOSI:
lodevole l´iniziativa ma sarebbe bene finanziare campagne di sterilizzazione di massa sopratutto dalle grandi associazioni nazionali che potrebbero anche spingere sul governo a legiferare l´obbligo della sterilizzazione. Invece la parola sterilizzazione viene usata da pochi o da nessuno .


Claudia Cardinale su Al Giotto Park tutti i giorni giostre a solo un euro:
E aperto


Antonio Lufrano su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Se riceveremo altri comunicati li pubblicheremo.


Giorgio pACE su Oggi il Decreto del Ministero sulla ´Campagna di pesca del tonno rosso – Anno 2019´. A Favignana si torna a pescare:
Gradirei essere aggiornato in previsione di condurre Gruppi di Soci CAI (Club Alpino Italiano) ad assistere, come ho già fatto alcuni anni prima della chiusura, alle attività della pesca, dalla calate delle reti, alla lavorazione. Grazie, cordiali saluti e Buona Pasqua. Giorgio Pace


Antonio su VIII GRANFONDO DELLE VALLI SEGESTANE:
Da 3 anni che partecipiamo a questa gara e ogni anno è sempre un´emozione incredibile, la gara è abbastanza dura ma la bellezza del paesaggio e gli innumerevoli single track, sono la ricompensa alla fatica. Una Granfondo diversa che ogni appassionato dovrebbe fare.


Ignazio Pollina su Lettera agli ex studenti di Salvatore Agueci:
Ovviamente grazie per il pensiero, porto con me dei bei ricordi soprattutto dell´ultimo anno 95/96. Con affetto.


Carmelo De Rubeis su Gelarda (Lega): ´Orlando veloce a iscrivere migranti all´anagrafe, con le vittime palermitane di racket e usura invece sonnecchia´:
grandissima verità - anche perchè, non può esser solo un caso, che tra Orlando e Falcone, a suo tempo, non scorresse buon sangue!


TrapaniOk - registrazione Tribunale di Palermo n° 17/2014 - Direttore responsabile Antonio Pasquale Lufrano

Via N. Turrisi, 13 - 90139 Palermo - iscritta al ROC n. 17155 ISSN: 2037-1152 - P.Iva: 05763290821

Tutti i diritti riservati. Le immagini, i video e i contenuti di questo sito web sono di proprietà di TrapaniOk. Ogni utilizzo del materiale on-line senza consenso scritto è assolutamente vietato

Cookie policy | Privacy policy

powered by
First Web